Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

2
voti

Onde elettromagnetiche

Domanda:

Vorrei sapere come nascono i campi elettrici (sia statici che variabili), i campi magnetici (sia statici che variabili) e le onde elettromagnetiche. Grazie e complimenti

Risponde admin

I campi elettrici sono prodotti da cariche elettriche. Se le cariche sone ferme nel sistema di riferimento adottato, i campi sono statici; se si muovono sono variabili.
I campi magnetici sono prodotti da correnti elettriche, cioè da cariche in moto. Se il moto delle cariche è costante, cioè se l'intensità di corrente è costante, il campo magnetico è statico, cioè non varia nel tempo; se la velocità delle cariche è variabile, cioè soggetta ad accelerazioni, quindi se l'intensità di corrente è variabile, i campi magnetici sono variabili. Come si può già intuire da quanto sopra detto, una carica che oscilla, quindi ha un moto caratterizzato da una velocità variabile, dà luogo sia ad un campo elettrico variabile che ad un campo magnetico variabile. Le onde elettromagnetiche sono l'insieme di un campo elettrico ed un campo magnetico, entrambi variabili, che si sostengono mutuamente: l'uno produce l'altro, come definito dalle equazioni di Maxwell.
La sorgente di onde elettromagmetiche è, come detto, una carica oscillante, cioè una corrente variabile. Immagina di immegere un bastoncino in un recipiente d'acqua. Se lo tieni fermo non succede nulla; se lo muovi avanti ed indietro nascono onde che si propagano nell'acqua. E le onde, una volta generate, si estendono a ll'intero recipiente, anche togliendo il bastoncino dall'acqua: cioè si autosostengono, si propagano per l'energia di cui sono dotate. Il bastoncino oscillante è la carica oscillante, le onde sull'acqua sono le onde elettromagnetiche, l'acqua è il mezzo di propagazione che, nel caso delle onde elettromagnetiche, non è necessariamente materiale: anzi, se è immateriale, cioè il vuoto, le onde elettromagnetiche si propagano senza mai arrestarsi, diffondendo l'energia posseduta in uno spazio sempre più esteso, senza però mai perderla completamente, come invece capita alle onde di qualsiasi genere che attraversano un mezzo materiale.
0

Commenti e note

Inserisci un commento

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.