Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Benvenuti al blog elettrico di clavicordo. Visita il suo
Foto Utente

Telecomunicazioni musicali

Informazioni ed emozioni


Gli ultimi articoli di clavicordo

pubblicato 7 anni fa, 299 visualizzazioni

Gartner, Inc. è un'autorevole organizzazione leader nel mondo delle società di consulenza e di ricerca sulla Information Technology (IT). Fornisce continuamente dati utili alle scelte strategiche e alle decisioni. I suoi clienti, più di 9.000 in tutto il mondo, sono alti dirigenti IT in grosse aziende e agenzie governative, in imprese leader nell'alta tecnologia e nelle telecomunicazioni, in società di servizi professionali. Fondata nel 1979, Gartner ha sede a Stamford, Connecticut, USA e ha 6.600 associati, tra cui più di 1.500 analisti e consulenti, e ha clienti in 85 paesi.

Questo non per fare pubblicità, peraltro gratuita, ma per dire che le previsioni che riporto non provengono proprio dall’ultimo arrivato. Dunque cominciamo con il vice presidente di Gartner, David Cearley, secondo il quale bisogna guardare ai clienti in modi nuovi e speciali e cioè attraverso quelle tecnologie che costituiranno la base abilitante del cambiamento; l’IT avrà a che fare con tutto, dalle tecnologie virtuali alle macchine intelligenti, dall’analisi dei dati dovunque si trovino alla preparazione di ambienti completamenti sicuri [completamente? utopia?...].

[...]

pubblicato 7 anni fa, 1.050 visualizzazioni

Nel leggere la rivista on line Network World del 30 luglio scorso, mi sono imbattuto in un articolo il cui titolo mi ha colpito: Why TCP/IP is on the way out (Perché il TCP/IP sta per andarsene). Ora, chiunque abbia a che fare con le reti sa che il TCP/IP è in realtà una coppia di protocolli, che fa parte della "suite TCP/IP" su cui si basa tutta l’Internet. Pensare che la loro fine sia vicina stimola una certa curiosità verso ciò che dovrebbe sostituirli.

La prima formulazione del RLNC, ossia la versione random del network coding, compare anni dopo, nel 2013, con lavori svolti dalla succitata università danese in collaborazione con il prestigioso MIT (Massachusets Institute of Technology) e il Caltech (California Institute of Technology). L’argomento è abbastanza complesso e spiegarne i vari perché in profondità è certamente al di là dei miei scopi. Mi accontento di fornire un quadro generale di quello che potrebbe diventare un tema “caldo” in un futuro non lontano.

[...]

pubblicato 8 anni fa, 642 visualizzazioni

Questo breve excursus sulla “logica” non riguarda direttamente la logica dei circuiti così come la conosciamo noi elettrici, anche se, naturalmente, la riguarda indirettamente, come conseguenza. Ma la logica dei circuiti è roba che risale grosso modo alla metà del ‘900, mentre io vorrei occuparmi qui, anche se in modo forzatamente sintetico, delle basi del pensiero logico, nel senso delle regole o leggi che lo governano e della loro storia. Mi baserò a questo scopo sul libro di P.G. Odifreddi Le menzogne di Ulisse (Longanesi – Milano – 2004) di cui riporterò brani tra virgolette, oppure riassunti di suoi brani, senza virgolette e senza più citarlo.

Che cos’è la logica? E’ “lo studio del lògos: cioè del pensiero e del linguaggio. O meglio, del pensiero come esso si esprime attraverso il linguaggio. Il che significa che perché ci possa essere una logica ci deve essere un linguaggio. ” Qui già bisogna fare una precisazione: il linguaggio è stato “inventato o scoperto” relativamente di recente dall’Homo sapiens (circa 190.000 anni fa).

[...]

pubblicato 8 anni fa, 1.051 visualizzazioni

Non essendomi dimenticato dell'invito di Admin a parlare di musica, dopo aver detto qualcosa su J.S. Bach e su W.A. Mozart, che sono riuscito a legare a temi di genere matematico, più adatti a un blog come questo, adesso mi sono lanciato con Beethoven. Qui il legame si fa difficile ... Comunque l'inizio tenta un'attinenza con l'elettricità che, forse non casualmente, chissà, ha cominciato a essere studiata proprio ai tempi del grande musicista, cui l'energia creativa, pur tra mille sofferenze, non viene mai meno e, per il modo in cui la manifesta in musica, mostra una certa affinità con quella elettrica.

Luigi Magnani riporta che Beethoven aveva detto a Bettina Brentano, una famosa scrittrice tedesca sua amica:

[...]

pubblicato 8 anni fa, 2.676 visualizzazioni

Noto che l'argomento altoparlanti e affini si presta spesso a fraintendimenti. Certo, non è un argomento dei più semplici, forse anche perché implica tre discipline quali acustica, meccanica ed elettronica, e scusate se è poco, come direbbe Piero Pelù (ma anche la maggior parte dei toscani). Allora, nel tentativo di chiarire un po' le idee prima di tutto a me stesso, ho pensato di scrivere qualcosa sull'altoparlante dal punto di vista del rapporto tra potenza elettrica e potenza acustica, restando però sulle generali, evitando di entrare in dettagli costruttivi. Per farlo ho abbondantemente utilizzato il sito http://www.sengpielaudio.com/index.html in cui si trovano spiegati con una certa diligenza (anche se con molte ripetizioni) questo e altri generi di argomento. Mi scuso in anticipo se dirò cose ovvie per molti.

[...]

pubblicato 8 anni fa, 678 visualizzazioni

La tonalità è il regno della quasi-simmetria, o simmetria approssimativa. Con questo termine intendo una situazione che possiede alcune caratteristiche tipiche di una simmetria, ma non sufficienti a definirla tale in senso matematico classico (a meno di non introdurre varie complicazioni). La quasi-simmetria conserva molti caratteri dell’oggetto iniziale o li varia tutti insieme secondo una stessa regola, e quindi produce una sensazione di “familiarità”, di conservazione del senso; al tempo stesso introduce elementi di novità che aprono verso un movimento o una variazione qualitativa.

Sembra che la quasi-simmetria sia la situazione più fruttifera in campo artistico e forse non solo in quello. Mentre la simmetria completa può rivelarsi troppo statica, la quasi-simmetria realizza una tensione verso una simmetria ideale che, nello stimolare il movimento, lascia aperte molte possibilità.

[...]

pubblicato 8 anni fa, 510 visualizzazioni

Riprendiamo il discorso sulla simmetria in musica, esaminando ora un’asimmetria che caratterizza la maggior parte della musica che ascoltiamo normalmente.

La più importante successione ordinata di suoni è la cosiddetta “scala maggiore”, direttamente derivata dagli armonici naturali e chiamata dai Greci diatonica. In seguito all’importanza che vennero assumendo i problemi di trasposizione in altezza (“pitch”) dei cantanti e degli strumenti a note fisse, fu introdotto il sistema di generazione delle note detto temperamento equabile su 12 note (12TET = 12 Tones Equal Temperament), in base al quale il semitono, minima distanza tra una nota e la successiva, ossia minimo rapporto di frequenza tra le due, divenne unico, di valore uguale a 21 / 12. Prima di questo sistema i semitoni non erano tutti uguali; esistevano il semitono diatonico e quello cromatico, secondo che si trovasse rispettivamente tra due note di nome diverso o tra una nota e la stessa alterata.

[...]

pubblicato 8 anni fa, 1.315 visualizzazioni

Accogliendo l’invito di Admin a scrivere di musica, mi lancio adesso su Mozart prendendolo come spunto per ritornare su un argomento a me caro: la simmetria, qui cercata nella musica. Pur volendo essere sintetico mi sono ritrovato un articolo un po’ lungo; lo pubblicherò quindi in due parti. Mi scuso se alcune parti dovessero risultare un po’ troppo “specialistiche”.

Ricordo bene quando, all’età di 10 anni, ho avuto in dono il primo volume delle Sonate per pianoforte di W.A. Mozart. Studiavo lo strumento da solo un anno ma alcune di quelle pagine non mi sembravano così difficili (anni dopo mi sarei ricreduto abbondantemente!). Ci trovavo alcuni simpatici motivetti che potevo “isolare” e suonare con piacere, cosi che nella mia fantasia di bambino sentivo Mozart molto vicino, una sorta di amico della mia età o poco più grande, allegro e giocherellone.

[...]

pubblicato 9 anni fa, 648 visualizzazioni

Una domanda che gira nelle menti di alcuni o molti di noi è questa: se e per quanto l’Internet potrà rimanere “libera” e a basso costo e soprattutto così ben funzionante. Ogni tanto arrivano infatti preoccupanti notizie di oscuramenti informativi da parte di alcuni governi. Siamo anche diventati molto Internet-dipendenti, quasi come per il telefono e l’energia elettrica, tanto che se l’Internet si fermasse molti di noi si troverebbero in grandi ambasce. Mentre da una parte questa libertà di comunicare qualsiasi cosa ha i suoi contro, pericolosi o imbarazzanti, dall’altra ormai la sentiamo come irrinunciabile e l’idea di una sua restrizione genera in noi una leggera e strisciante inquietudine.

[...]

pubblicato 9 anni fa, 3.678 visualizzazioni

Il giornale interno di un’azienda per la quale lavoro riporta un articolo sulla Near Field Communication (NFC), “il nome di una delle tecnologie destinate ad avere l’impatto maggiore sulla nostra vita quotidiana, perché ci permetterà di dematerializzare del tutto – privandole addirittura del contatto diretto – molte azioni comuni, come quella di pagare o quella di esibire il biglietto d’ingresso ad un evento.”

Potremmo dire che non c’è niente di nuovo sotto il sole, perché la tecnologia RFID, dalla quale la NFC deriva direttamente, esiste da più di 20 anni ed è stata protagonista di un’evoluzione a detta di molti “esponenziale”. Come dice il nome stesso, la NFC fornisce connettività wireless bidirezionale a corto raggio (fino ad un massimo di 10 cm). “Quando due apparecchi NFC (l’Initiator e il Target) vengono accostati entro un raggio di 4 cm, viene creata una rete peer-to-peer tra i due ed entrambi possono inviare e ricevere informazioni. L’NFC può essere realizzato direttamente tramite un chip integrato oppure tramite l’uso di una speciale scheda esterna che sfrutta le porte delle schede SD o micro SD” riporta lo stesso giornale.

[...]

Chi sono

clavicordo - profilo

Nome: Claudio Bonechi

Reputation: 18.519 6 11 12

Bio: sono un ing elettronico di telecomunicazioni, laureato al Politecnico di Torino; sono anche diplomato in pianoforte, con alle spalle una discreta attività concertistica. Dopo aver fatto per vari anni il progettista in campo TLC telefonia sono passato alle reti informatiche e poi ad argomenti vari. La matematica mi è sempre piaciuta. Ho lavorato anche nel campo della musica elettronica dai secondi anni '60, quando era ancora in fase pionieristica, con E. Zaffiri, al Conservatorio di Torino.

Web: http://www.facebook.it

I miei ultimi post dal forum

  • Un esercizio Norton

    Il risultato presente nel libro di esercizi, oltre a Ieq = 6I e Geq = 0, contiene la frase "notare che il bipolo è controllabile in tensione... 08:32

  • Un esercizio Norton

    Un equivalente molto strano. Da dove viene questo esercizio? E' un esercizio dato all'esame di elettrotecnica all'Università di Siena il 15 sett... 08:32

  • Un esercizio Norton

    Grazie, posso confermarvi che avete fatto giusto. Ma il risultato ce l'avevo già... a me interessavano i passaggi per raggiungerlo. Nella mia... 08:32

  • Un esercizio Norton

    Qualcuno sarebbe così gentile da calcolare il Norton equivalente del circuito in figura, visto dai mosetti A - B, chiedendo scusa in anticipo per... 08:32

  • Quando una cosa è fatta male...

    tanto vale disturbare anche il maestro Bonechi alias clavicordo... Ovviamente nessun disturbo caro Claudiocedrone ! E' sempre meraviglioso... 09:33

  • Elogio della bellezza

    5p9zQhTTVFg Uno dei brani più conosciuti di Morton Feldman è stato ispirato e scritto per essere eseguito nella Cappella - anche questo è... 00:23

  • Ma sai che c'è di nuovo?!?!

    Finalmente!!!! Sono davvero molto contento per te, te lo meriti davvero dopo tante tribolazioni! :D :D :D 19:09

  • Doppi auguri

    Tanti auguri a pinklady e ad archimede45!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 21:58

  • Approfondire la matematica da soli

    max2433bo Mi unisco al coro per consigliarti (se qualcuno non l'ha già fatto) il sito youmath.it che è in italiano e che ti conduce per mano nei... 08:58

  • Larghezza banda M-PAM

    .il problema è che lui non lo dice espressamente E' il solito problema della didattica, che nelle nostre scuole viene insegnata solo da poco.... 07:58

Vai al Forum


Cerca nel blog di clavicordo