Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Benvenuti al blog elettrico di admin. Visita il suo
Foto Utente

Elettrotecnica e non solo

Esplorare l'universo elettrico, fuori e dentro di noi.


Gli ultimi articoli di admin

pubblicato 5 anni fa, 230 visualizzazioni

"Papà dopo mi compri il CD con i programmi di comunicazione per collegarsi ad Internet?”

"Nicolò ti ho detto più volte che non si può sempre pensare di comprare. Ho entrate limitate e già tendiamo a vivere oltre quelle. Non bisogna aver continui desideri: ti conviene pensare di utilizzare quello che hai già, che è abbastanza, sfruttandolo al meglio. Epicuro istruiva i suoi allievi dicendo:"Se vuoi far felice Pitocle, non aumentarne gli averi, ma diminuiscine i desideri ". Se rincorri sempre ciò che non hai, senza girare intorno il tuo sguardo per accorgerti di quello che possiedi, ti sentirai sempre come se non avessi nulla. Non deve essere il possedere qualcosa la soluzione di un disagio. Il CD che desideri è un bisogno indotto dalla società in cui viviamo, che magari diventerà utile, ma non si deve dipendere da tali bisogni come automi.”

[...]

pubblicato 6 anni fa, 555 visualizzazioni

Continuo con la raccolta dei miei interventi grafici nel forum con FidoCadJ. Li ho raggruppati come al solito per "temi" se così posso dire ed in ognuno c'è il link al thread in cui si trovano: auguri di compleanno, anniversari, ricorrenze, tools, eventi e commenti. Riguardano i mesi da febbraio a ottobre di quest'anno, 2015. Non so se si possa considerare un regalo natalizio, né se i regali natalizi siano ancora di moda, ad ogni modo capita sotto le feste. Ho un po' esaurito argomenti e motivazioni per cimentarmi in articoli didattici o tecnici e mi concedo questo gioco. Del resto c'è anche un proverbio che dice che invecchiando si ritorna bambini anche se, a dire il vero, un proverbio lo si trova per ogni situazione e, se non si trova, lo si può anche inventare.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 118 visualizzazioni

Non ho mai saputo che cosa volessi fare da grande. Non ci pensavo molto, ma quando ci provavo non mi veniva in mente niente. Non ricordo un lavoro che mi affascinasse. Casomai c'erano mestieri che potevano solo rovinare una vita. Guardavo il commerciante di stoffe del mio paese chiuso nello stretto negozio da mattina a sera e rabbrividivo al pensiero di trascorrere anche un solo giorno dietro l'angusto bancone. Figuriamoci una vita intera! Sono così arrivato al mio mestiere senza puntare ad una meta, scartando progressivamente possibilità che, in un qualche modo, mi intimorivano se fossero diventate realtà. Il lavoro lo vedevo come un fastidio, probabilmente necessario, ma non come il mezzo per realizzare una vita.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 305 visualizzazioni

Un bambino è troppo turbolento.

La maestra Giovanna, dopo alcuni tentativi per chetarlo con le buone maniere, decide di passare a quelle forti, infliggendogli un castigo esemplare.

gli ordina allora.

Il bambino, intimorito dalla severità della maestra, si alza e, a testa bassa, ci va.

Nell’aula scende un profondo silenzio. Per quasi un minuto.

Tutti i bambini dal posto, ammutoliti, fissano le gambe del punito, che spuntano sotto la lavagna.

Ogni tanto sussultano, però nessuno sa di preciso quali espressioni ci siano sul volto nascosto dal grande rettangolo nero. Alcuni pensano che stia piangendo.

Poi le gambe cominciano a spostarsi da un lato all’altro della lavagna.

Il bambino spia i compagni seduti;

[...]

pubblicato 6 anni fa, 222 visualizzazioni

Inserito su Storie brevi

In città era noto come Toni Acido.

Io non lo conoscevo, ma lo avevo già visto passeggiare.

Alto, camminava lentamente. Curvo, faccia bislunga, guance incavate, gli occhi dietro le spesse lenti da miope, fissavano la strada alcuni metri oltre la punta dei piedi. Un mozzicone di sigaretta tra il pollice e l’indice annerito, era sempre acceso e non finiva mai.

Non l’avevo mai sentito parlare, né visto guardare alcuno.

Immerso in un suo mondo impenetrabile, sembrava completamente estraneo a ciò che lo circondava. Attraversava perfino la strada senza curarsi del flusso delle automobili, strisce pedonali o meno presenti.

Quel pomeriggio passeggiava sotto i portici con la solita lentezza, la solita curvatura, il solito mozzicone.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 169 visualizzazioni

Il fegato alla veneziana piaceva molto a mio suocero Toni, buongustaio polesano doc, che spesso ordinava i suoi menù con: “Maria ancuò a magnarìa un tochìn de …”1 e specificava cosa. Generalmente si trattava di piatti tipici del giorno della settimana come il cotechino della domenica o i “bìgoi coe sardèe” del venerdì.

Il sabato sera toccava spesso al fegato alla veneziana di cui Toni era ghiotto. Il sabato sera era anche la sera dei “morosi”.

Zuillo, che aveva conquistato Dorina, arrivava da Gognano.

L’invito a cena era inevitabile e Zuillo prendeva posto vicino a Dorina e di fianco a Toni.

Toni amava condividere le sue prelibatezze con gli ospiti, ed all’arrivo dei fumanti ed odorosi tranci di fegato, di maiale o di manzo che fosse, si sentiva fiero di poterli offrire a Zuillo, che aveva così l’occasione di capire quanta fortuna gli fosse capitata. La figlia Dorina non era solo una bella ragazza, ma le cene del sabato indicavano anche di quale e quanta tradizione culinaria veneta fosse partecipe.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 24 visualizzazioni

“In fondo ho passato con lei...” la voce si incrina e le ultime parole si mescolano ad un tremito, “...i vent’anni più belli della mia vita.”

Gli avevo chiesto: “E il divorzio?”

“...sì sì... si farà tra poco”, mi aveva risposto, con gli occhi che fuggivano nei ricordi, ”pochi giorni fa mi ha telefonato. Passerò dall’avvocato e firmerò.”

Per questo gli avevo chiesto: ”Ma tu, la vedi ancora?” “No”, mi ha risposto. Aggiungendo: “Nei primi tempi sì, ...ma sarebbe stato meglio che non lo avessi fatto. Ma sai... in fondo ho passato con lei ... i vent’anni più belli della mia vita.”

Tutti l’avevamo criticato allora. Era facile per chi era fuori dal groviglio della sua vita. Per vent’anni si era dipanata regolare tracciando una tranquilla felicità. La casa si arricchiva; viaggi in località famose; il lavoro si espandeva. Ma sotto la serenità quotidiana, cresceva un uragano.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 558 visualizzazioni

Nessuno mi ha chiesto questo riepilogo. Ad ogni modo, anche per ricordarmi di che cosa ho combinato, continuo questa specie di tradizione che raccoglie vignette usate come post nei topic del forum. Sono raggruppate per "tematiche", se così vogliamo chiamarle, e ciascuna è, più o meno brevemente, commentata. Qualcuna è (o meglio lo era prima di questo riepilogo) inedita, perché, dopo averla disegnata, non avevo ritenuto opportuno inviarla. Cominciamo allora con i classici

L'Epifania tutte le feste porta via, è vero, ma ci regala il compleanno di DirtyDeeds; non solo ma, tramite EY, ...

Per i palindromici 22 anni di Galaxi Snoopy ha duplicato gli auguri

Lillo ha un debole per le ragazze (e viceversa...:))

[...]

pubblicato 6 anni fa, 341 visualizzazioni

Sono arrivato in piazza quasi senza sapere. Così, tanto per fare un giro. Lo zigo-zago aereo del liscio romagnolo mi ci ha guidato.

C’è gente che gironzola.

Mi avvicino al palco dell’orchestra. Mi accorgo che la musica è registrata.

Gli artisti, se così si può dire, si dimenano un po’ con gli strumenti in mano. Sorridono e dondolano. “Bella scoperta”, penso,”anche questa si sono inventati! Le tastiere elettroniche fanno quasi tutto da sole, ma da qui a far credere di essere artisti...mah, tempi moderni!”

Davanti al palco, sulle piastre metalliche lisce (per questo si chiama liscio il ballo!?), roteano le coppie. Mi posiziono di fianco al palco, appoggiato alle transenne di plastica arancione.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 4.741 visualizzazioni

La richiesta nel forum di uno studente di chiarire il funzionamento del motore a corrente continua, cui s'è anche aggiunto un altro topic su uno degli inconvenienti tipici, mi ha portato a revisionare un vecchio articolo.

Il motore a corrente continua è stato il principe degli azionamenti elettrici fino alla fine del secolo scorso, quando lo sviluppo dell'elettronica, sia di potenza che di controllo, ha in pratica permesso il progressivo imporsi, anche negli azionamenti, del motore asincrono. Un altro motore che sta avviando all'obsolescenza il tradizionale motore a corrente continua, è il Brushless. Sia l'asincrono che il brushless sono infatti privi del punto debole della macchina a corrente continua, costituito dall'usura di collettore e spazzole. La maggior semplicità del controllo elettronico della velocità mediante la tensione del tradizionale motore a corrente continua, è stata in pratica resa poco importante, dalla potenza di calcolo dell'elettronica moderna necessaria per il controllo in frequenza degli altri motori. Ad ogni modo macchine a corrente continua tradizionali esistono ancora ed il loro studio ha comunque una valenza didattica importante.

[...]
<<...45678910...>>

(91 pagine)


Chi sono

admin - profilo

Nome: Zeno Martini

Reputation: 187.514 9 12 17

Bio: Ingegnere elettrotecnico. Maturità classica. Laurea dell'Università degli Studi di Padova, 1974. Insegnante di Elettrotecnica fino al 2006. A suo tempo socio collaboratore e consulente di Microtec sas e Softel srl. Fondatore e conduttore del sito Electroportal, ora ElectroYou, insieme al figlio Nicolò, matematico e webmaster.

Web: http://www.electroyou.it/

I miei ultimi post dal forum

Vai al Forum


Cerca nel blog di admin