Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

2
voti

Dossier del Pentagono

Sono molto preso in questo periodo e ho poco tempo però c'è l'attualità che incombe ed è un attualità, questa volta, che riguarda molto da vicino il mio pensiero e quindi rubo un po’ di tempo per “parlarne” anche se con un certo affanno e poca accuratezza. L'attualità concerne un tema argomentato dai quotidiani (soprattutto americani, più di quanto contribuiscano quelli nostrani) circa la consegna del famoso e tanto atteso dossier del Pentagono sul fenomeno UFO.

UAP

UAP

Il Pentagono ha consegnato questo dossier al Congresso americano e forse ne sapremo qualcosa di più dopo il 25 giugno, forse... Già adesso, su questi fenomeni che vengono osservati da molti anni, sono emerse delle affermazioni che, dal mio punto di vista, sono di un interesse straordinario.

Intanto, se non sbaglio, sembra che d’ora in poi gli oggetti volanti non identificati, UFO, verranno chiamati UAP, cioè: Unidentified Aerial Phenomena, a seguito del lavoro di indagine svolto dalla Unidentified Aerial Phenomena Task Force (UAPTF). Perché questo cambiamento? Perché l'acronimo UFO era oramai diventato, nel conscio e nell'inconscio collettivo, un concetto troppo associato agli alieni mentre con la nuova denominazione, che è presente nel dossier del Pentagono, si afferma che NON ci sono evidenze che questi oggetti abbiano un’origine aliena. Non lo si può escludere ma non ci sono evidenze. Quindi, anche per limitare facili entusiasmi o timori, hanno deciso di rendere più generica l’identificazione di determinati oggetti.

Tuttavia, alcuni di questi oggetti sono già stati classificati come veri e propri veicoli, ma non volanti, nel senso che più che volare sembrano muoversi giocando con la gravita e a dispetto alle leggi fisiche. Sono stati definiti Transmedia Vehicles, proprio perché sono veicoli che hanno dimostrato di essere in grado di viaggiare attraverso diversi ecosistemi, cioè viaggiare nel cosmo, nell'aria, sott'acqua eccetera, e quindi, ora, li chiameremo UAP anche per questo motivo.

La prima osservazione che mi sento di fare è che questi UAP non sono dei fake, bufale, invenzioni o filmati artefatti. Poi se allo stato attuale non ci sono le prove che siano di origine aliena si può anche accettare ma soltanto perché al momento non c'è E.T. che ci dice “telefono casa”.

Viene anche precisato che non sono oggetti di tecnologia americana. Si ipotizza che potrebbero appartenere a qualche altra potenza, però non ci sono evidenze che appartengano ai russi o ai cinesi. Dunque non essendoci evidenze che appartengano a qualcuno non è nota la provenienza. Ma, anche soltanto ipotizzare che tali oggetti potrebbero appartenere ad una tecnologia segreta Terrestre, mi sembra un modo per introdurre una velata forma di depistaggio.

Com'è possibile non si riescano ad identificare i luoghi in cui questi oggetti vengano costruiti, sapendo che il pianeta è controllato da una ragnatela di satelliti militari che sono in grado di leggere le targhe delle nostre auto?

Per fare cose del genere, occorrono ampi spazi, fabbriche, luoghi in cui assemblare e sperimentare, anche perché tali oggetti sono di forma e dimensioni varie, anche imponenti, cioè sono tanti e differenti ma non se ne sa niente, “non ci sono evidenze”, quindi l'unica evidenza qual è? Che “da qualche parte” ci sia qualcuno che è in grado di costruirli. Questi oggetti compiono azioni e movimenti che, come aveva già anticipato Obama e ripetuto dall'agenzia Reuters, sembrano, diciamo così, almeno rimaniamo sempre nel campo delle ipotesi, sembrano violare tutti i limiti della tecnologia conosciuta ma anche delle leggi fisiche. Questo cosa significa? Significa forse che conosciamo delle leggi fisiche sbagliate? Oppure le leggi fisiche sono giuste ma la scienza sbaglia a ritenerle inviolabili? In realtà qualcuno riesce a violarle!

Questo mi riporta alla mente certi pareri scientifici ufficiali che ritengono IMPOSSIBILI i viaggi intergalattici, o intragalattici, perché impediti dai limiti della fisica ma il punto di caduta è proprio questo. Quali leggi fisiche? Quelle da noi conosciute? Beh, allora possiamo attenderci ben altre sorprese per quel poco che l’umanità conosce della fisica. Adesso che ci rendiamo conto dell’esistenza di oggetti che sono in grado di contrastare o ELUDERE le leggi fisiche A NOI NOTE, significa che la parola "impossibile" dovrebbe quantomeno essere accantonata mantenendo la “mente aperta”. Oltretutto non sarebbe la prima volta che nel decorso storico, l’impossibile sia diventato possibile.

Se le leggi fisiche note vengono violate, perché, ripeto, così dicono i rapporti militari, politici e mediatici, sarà arduo anche continuare ad insegnare che certe cose NON sono possibili?

Chi ha visto i filmati registrati dalla Marina militare americana avrà anche notato la grande meraviglia con la quale si esprimono questi militari americani, quando fanno notare la velocità con cui si muovono tali oggetti, eppure, se ci sono professionisti che dovrebbero essere assuefatti alla vista di oggetti veloci, sono proprio loro, dato che sulle navi militari hanno anche missili e Caccia ultramoderni: quindi perché si meravigliano di fronte a tanta velocità? Evidentemente la differenza è notevole.

Eppure li per li sembrerà strano ma questi veicoli non fanno niente che non fosse già noto. Fanno le stesse cose che i testi antichi già ci hanno descritto: cioè compiono delle azioni che in quei testi erano già presenti. Quei famosi testi antichi dei quali si dice che fossero solo miti o favole, per esempio l'Iliade, per esempio l'Odissea, per esempio i testi dell'Induismo e qui è facile, quando si parla di insoliti oggetti volanti, annullarli, diciamo così, perché vengono derubricati e inseriti nella categoria dei miti, delle favole, quindi nessuno è tenuto a spiegarli, ma questi invece esistono e una spiegazione prima o poi dovrà arrivare se non si vuole che la cosiddetta scienza moderna venga a sua volta derubricata a mero strumento opportunistico e prevalentemente funzionale alle velleità carrieristiche di qualcuno che ha più a cuore qualche “prestigioso” premio che la Materia in sé.

Non vi è dubbio che questi filmati dichiarati come fondati, confermino ciò che fino ad ora era possibile leggere soltanto nei testi antichi e se fino ad oggi si poteva dire: sono tutte fantasie, adesso non si può più dire!

Tali oggetti fanno, ad esempio, ciò che nell'Iliade è attribuito ai carri volanti degli Dei quando, si dice: "Disse così e non fu sorda la Dea Braccio Bianco Era (moglie di Zeus); ella frustò i cavalli che si slanciarono ardenti a volo tra la terra e il cielo stellato. Quanta distesa d'aria abbraccia un uomo con gli occhi, assiso sopra una cima, guardando al livido mare, tanto divora di slancio gli altonitrenti cavalli".

Ecco, come si può constatare, i testi antichi ci descrivono già certe velocità. Ora qui possiamo dire (dovremmo forse non più dirlo tanto) ma possiamo sempre dire anche in questo caso che sono miti, favole, leggende, che Omero si è inventato tutto. Ma adesso li abbiamo visti questi oggetti che viaggiano velocissimi, poi, ripeto, questi oggetti viaggiano nell'aria e viaggiano nell'acqua e come non ricordare le navi dei Feaci di cui si dice (qui passiamo all'Odissea) che "Traversano l'abisso immenso del mare" in greco viene indicata proprio la profondità e sempre di queste navi si dice "Le navi sono guidate dal pensiero, perché i Feaci non hanno nocchieri, non ci sono timoni come ne hanno le altre navi, ma sanno da sole il pensiero, l'intendimento degli uomini, sanno le città e i pingui campi di tutti e l'abisso del mare velocissime passano".

Come non associare questi Transmedia vehicles di cui si parla e che si vedono in questi video, ai Transmedia vehicles, descritti nei passi dei Rig Veda, dove questi mezzi che viaggiano sia nell'aria che nell'acqua sono addirittura chiamati per nome e sono identificati a seconda della tipologia. Ora, anche in quei casi si dice che siano dei miti e delle leggende. Ma allora dobbiamo almeno ammettere che sia Omero (o chi per esso) e gli autori dei Veda, siano comunque stati dei preveggenti perché hanno descritto oggetti che adesso non sono più leggendari, adesso noi li vediamo e le Autorità ci hanno confermato che sono reali.

Poi c'è un altro aspetto dove, ancora una volta, gli antichi dimostrano forse di saperne, o di averne saputo, più di quanto ne sappiamo noi, perché noi diciamo: non ci sono evidenze che siano di origine aliena ma non sappiamo chi li ha fatti: gli antichi ci dicevano invece che erano i mezzi dei "Theoi", oppure, per i Rig Veda, erano i mezzi dei Deva. Cioè gli antichi ci dicono che quei mezzi, che facevano quelle cose che noi adesso vediamo rappresentate in video reali, appartenevano ad una precisa categoria di individui. Bene, riassumendo, noi rimaniamo nell'incertezza e dobbiamo ribadire che non sappiamo a quale categoria di individui contemporanei appartengano questi mezzi e che vediamo nei video, sappiamo soltanto, perché così ci vien detto, che vanno contro tutto ciò che si sa o si ritiene di sapere, in termini di tecnologia e scienza, ma non sappiamo chi siano coloro che li hanno costruiti. E allora facciamo così: visto che hanno inventato questi nuovi nomi per identificare questi oggetti, quindi siamo passati da UFO a Transmedia vehicles per arrivare a UAP, allora diamo anche un nome di “fantasia” a questi individui che, evidentemente, conoscono tecnologia e leggi che non sono conosciute dalla nostra scienza. Io, quasi quasi, questi individui li chiamerei Elohim…

Ma a proposito di evidenze, mi viene in mente un altro fatto sul quale apro e chiudo una breve digressione. Non si può dire, che tali oggetti siano di provenienza aliena perché non ci sono evidenze, ma noi viviamo in un mondo nel quale un miliardo e mezzo di persone sostiene, con assoluta certezza, che è esistito un personaggio di nome Gesù e che a loro giudizio sarebbe stato anche un Cristo, quando tutti gli studiosi sanno che non ci sono evidenze storiche certe della sua esistenza. Quindi, da un lato si dice: non possiamo affermare che tali oggetti siano di origine aliena, russa o cinese perché non ci sono evidenze, ma esiste un miliardo e mezzo di persone assolutamente convinto che è certamente esistito un personaggio nei confronti del quale non ci sono evidenze storiche che ne dimostrino la vera esistenza. Possiamo dire, quanto meno che, sul concetto di evidenza, vengano applicati due pesi e due misure?

26

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Esatto Roswell1947, forse il tuo Nick non è casualmente evocativo... :)

Rispondi

di ,

Poichè la Fisica,cosi come la conosciamo oggi, è uguale in tutti i luoghi del pianeta Terra e poichè i fenomeni avvistati sfidano tali leggi non è possibile certamente attribuirli a paesi come Cina o Russia,quindi sicuramente non appartengono a questo mondo.

Rispondi

di ,

Credo che mettere tutto sullo stesso piano non sia il modo migliore di argomentare. Tutti i progressi umani nascono dalla capacità di vedere e di porsi un problema su qualcosa di dubbio, incerto. La cosa assume tanta più importanza considerando che non solo spesso i problemi sono difficili da vedere ma anche che c’è una tendenza ad evitarli (perché fanno paura, perché danno fastidio, ecc.) e quindi a nasconderseli o a mistificarli.

Rispondi

di ,

Faccio un commento un po' più serio,da quando ho memoria di saper leggere ho cominciato a leggere tutto ciò che parlava di archeologia misterica,di civiltà aliene, esoterismo e argomenti affini,arrivando alla conclusione che continuare questa ricerca è dannoso e inconcludente.Perchė si sviluppano teorie e teorie che a supporto delle stesse non hanno nulla e le domande si moltiplicano in modo esponenziale e creano una pesante coltre che annebbia la mente,noi per vivere non abbiamo bisogno né di teorie e né di dogmi.Faccio notare che ogni religione (compreso l'ateismo che non lo è ma ci rientra)ha i suoi pro e i suoi contro e bene o male sono tutte difettose perché parlano di Dio,ma sono fatte dall'essere umano,che per non accettare la sua natura fragile e temporanea inventa un mare di cose(chiamiamole cose)e quello più intelligente le usa per spaventare gli altri ed avere un ritorno economico,non fatevi influenzare da nulla e nessuno,nosce te ipsum.Riguardo l'autore dell'articolo,una cosa è portare a conoscenza di qualcosa di autentico (dossier) gli altri, un'altra e andare a finire per incoraggiare teorie strampalate mischiate a convinzioni personali per aggiudicarsi il titolo di signore supremo della conoscenza (sui forum ce ne sono parecchi)alla fine siamo tutti ignoranti,sapere 10,1000,1000000 di cose in più rispetto un'altra persona rapportato ad un universo infinito è davvero poca roba...noi siamo poca roba... saluti a tutti

Rispondi

di ,

Anche se non ci sono state delle risposte definitive, il governo americano ha ammesso pubblicamente l’esistenza di questi fenomeni (UAP); 143 di questi sono stati classificati come “fenomeni aerei non identificati”. Non ci resta che attendere e scoprire se a questo rapporto seguiranno altre indagini...

Rispondi

di ,

è scoppiata la guerra santa!!!Dio ci aiuti..

Rispondi

di ,

Grazie elfo per averlo ricordato, le provocazioni mi lasciano ancora del tutto indifferente…

Rispondi

di ,

[quote="gianniniivo"][cut] sappi che certe formazioni professionali rendono immuni dalle provocazioni, dall'università alla pensione e anche oltre, salute permettendo. Per converso, insegnano una tecnica formidabile e, soprattutto, legalmente inattaccabile su come provocare il prossimo[/quote] https://web.archive.org/web/20200819042342/https://www.electroyou.it/forum/viewtopic.php?f=1&t=81732&sid=9de32e425e45d8bba5f3d820b79eb4b7&start=50#p859156

Rispondi

di ,

Avevo idea di lasciar perdere ma vedo che il tono (e le allusioni) dei tuoi interventi (una volta di più imbacuccati in una superiorità intellettuale del tutto presunta), cercano - con esiti disastrosi - di mescolare le carte. Qui non si contesta il contenuto principale dei tuoi articoli (che, tra gli Elohim, gli extraterrestri e le rivelazioni del Pentagono, possono o meno interessare o appassionare), né - tantomeno - a qualcuno è venuto in mente di limitare a chicchessia la libertà di parola e di espressione. Va da sé, visto che siamo in democrazia e che questo è un luogo libero, che ognuno si assume la responsabilità delle proprie affermazioni e, sempre visto che siamo in democrazia, si espone a una possibile critica ove qualcuno ritenga che esse contengano errori. Le affermazioni possono essere discusse, difese o attaccate, tanto nelle critiche quanto nelle repliche. Anche in questo tuo intervento ammicchi, ma senza darne conto o spiegazione, a "palesi forme di arroganza o medioevali apprezzamenti" (il che pare una forma di arroganza al contrario), "superamento dei limiti urbani e del vivere civile in generale" (nientemeno), "mescola il diritto religioso con l’integralismo religioso" (e ci sarebbe da capire come e dove). Da ultimo, di questo intervento, ne tengo due. "l’argomento religioso è stato velatamente e incidentalmente sfiorato per segnalare un singolare controsenso" e "ci sono soggetti (pochi a quanto pare) che non reggono il confronto e si ostinano a esternare dogmatiche eccezioni sul principio" Il controsenso, carissimo, è tutto tuo: mentre da una parte ti affanni a difendere una posizione di osservatore scientifico (o presunto tale) delle cose, quando ti viene fatto notare che una tua affermazione contiene uno svarione (ad essere generosi), te ne esci con le perle di cui sopra (alla faccia del confronto e delle dogmatiche eccezioni), facendo pure l'offeso. Ho posto delle obiezioni sia nel primo sia nel secondo articolo, ma ti sei ben guardato dal rispondere nel merito. Al di là delle personali e insindacabili opinioni (che però rimangono tali e non assurgono per se stesse al valore di verità riconosciuta e riconoscibile), e a prescindere TOTALMENTE da quanto uno sia religioso o meno (come ho sottolineato più volte), non si è ancora capito perché, con riferimento a Gesù Cristo, hai scritto che: "TUTTI GLI STUDIOSI SANNO CHE non ci sono evidenze storiche certe della sua esistenza". Questa affermazione, a prescindere da qualunque cosa uno possa - del tutto legittimamente - pensare di Gesù Cristo, è una semplicemente una MANIFESTA FALSITA'. Non fosse altro perché non è per nulla vero che "tutti gli studiosi sanno che" (lo saranno forse quelli che a te piace leggere ma ce ne sono un'altra parte, temo molto più consistente, che afferma l'esatto contrario e con dovizia di argomenti propri della storiografia). Da ultimo non capisco il perché hai voluto inserire queste noticine (nel primo articolo in cima e in questo alla fine) che hanno assai poco a che fare con il contenuto vero e proprio degli articoli, se non per innescare artatamente una inutile polemica.

Rispondi

di ,

Buona sera Guerra, guarda che invece a me non da noia niente e nessuno. Spero piuttosto di avere il permesso di espressione sulla base delle mie esperienze, ricerche e punti vista. Oltretutto le provocazioni polemiche finalizzate magari al BAN o alla riduzione di “punti”, con me non funzionano. Normalmente non reagisco in modo scomposto o ineducato neppure a fronte di palesi forme di arroganza o medioevali apprezzamenti, salvo rare eccezioni che però nulla hanno a che vedere con l’opinione avversa, semmai col superamento dei limiti urbani e del vivere civile in generale e che non ascrivo al tuo intervento. Se poi qualcuno mescola il diritto religioso con l’integralismo religioso (ostentato o fortuito), beh, è affar suo ed io non me ne occupo. Sembra che anche tu abbia sbagliato articolo. Quello sulla religione non è questo; qui l’argomento religioso è stato velatamente e incidentalmente sfiorato per segnalare un singolare controsenso ma l’argomento principale è un altro. In ogni caso plaudo ugualmente al tuo intervento tutt'altro che noioso, anzi, se non fosse per i sensati inviti dell’Amministrazione (che tu, a giudicare dal Nick color, dovresti intendere meglio di me) di non gestire il blog personale come se fosse il Forum (e che tali inviti vorrei onorare) potrei risponderti con alcune pagine di motivazione, benché abbia coscienza dell’inutilità dell’atto oltre che del diritto altrui di pensarla come crede, io compreso. Potrei anche seguire il consiglio di Walter ed aprire un 3D specifico ma non lo farò; ho appurato che ci sono soggetti (pochi a quanto pare) che non reggono il confronto e si ostinano a esternare dogmatiche eccezioni sul principio (mai messo in discussione) e non sul merito che “inspiegabilmente” tutti sfuggono. Ovviamente mi riferisco al sussiego religioso (impropriamente esumato) e non alle rivelazioni del Pentagono…

Rispondi

di ,

Allora: un avvocato, che scrive su un forum di elettronica articoli che vogliono dimostrare a credenti che credono in fanfaluche. Perchè? Ti danno così fastidio queste "fanfaluche", che le citi in ogni tuo scritto? A me no, dormo benissimo la notte con le mie credenze. Ah, vuoi aprire gli occhi con le tue fanfaluche per sostituirle alle mie. Perchè vedi, ci sono le idee, che non necessariamente sono opinioni (queste ultime possono essere rispettabili seppur non condivise, mentre le idee possono essere fanfaluche e quindi possono non essere condivise e tanto meno rispettate). Tu le propini come verità assolute, come dire "è risaputo da tutti che è così"; dipende da dove rovisti per trovare conferme. Non avrei commentato se tu avessi postato la stessa storiella, ma presentandola diversamente; mentre tu su una notizia uscita sui giornali hai voluto proclamare un altro anatema, già per altro presentato in altri tuoi articoli simili. Diventi noioso nelle tue crociate alla Brancaleone.

Rispondi

di ,

Ma cosa vuoi che racconto?! Se non ci fosse stato quell'incidente, adesso potrei postare il video senza dover raccontare niente. Se racconto senza prove lo prendono per un racconto di fantascienza…

Rispondi

di ,

Ivo, perché non racconti quello che è successo anni fa?

Rispondi

di ,

Sorvolando sul commentino pseudosarcastico e infarcito di saccenza, ti faccio notare una volta di più che scrivere, COME HAI FATTO TU, che riguardo a Gesù Cristo "tutti gli studiosi sanno che non ci sono evidenze storiche certe della sua esistenza" costituisce una balla sesquipedale, ampiamente e facilissimamente dimostrabile come tale. E non c'entra un benemerito fico secco che uno sia un "credente teistico", un credente semplice, uno gnostico, un ateo debole o un ateo militante. Fattene una ragione: t'è scappata, ma se ti attorcigli a giustificarla stai mettendo la classica pezza peggiore del buco.

Rispondi

di ,

Certo che è singolare constatare che un credente teistico utilizzi le parole di un ateo… Ah già ma dimenticavo che i teorici della parusia se ne intendono in fatto di balle. Nei confronti di tanta autorità in materia, m’impongo un doveroso silenzio.

Rispondi

di ,

"Quanto a sebago penso che abbia sbagliato a postare la risposta. Quell’intervento avrebbe senso se postato nell'articolo seguente: https://www.electroyou.it/gianniniivo/wiki/religioni-vs-vita-extraterrestre-seconda-parte. Comunque, sebago, se ti va bene lasciarlo qui, per me non è un problema." Non vedo perché avrei dovuto postarlo altrove: la citazione che ho riportato sta in QUESTO ARTICOLO. Il quale, per essere un articolo che vuole paludarsi in abbigliamenti scientifici, mi pare che contenga una plateale balla.

Rispondi

di ,

Concordo, Elfo fornisce sempre documenti interessanti e il documento in questione, se non l'ho interpretato male, si può sintetizzare nel titolo: AVAILABLE REPORTING LARGELY INCONCLUSIVE Inoltre "These reports describe incidents that occurred between 2004 and 2021 with the majority coming in the last two years" quindi roba recente e dopo che hanno standardizzato il sistema di acquisizione di queste segnalazioni. Questo risponde a sufficienza alla mia curiosità iniziale. Se anche un report di questo tipo non ritiene le evidenze conclusive, è molto probabile che si tratti di semplici fenomeni naturali non spiegabili per pura e semplice mancanza di dati adeguati. Come cita anche il report, nell'unico evento che aveva dati sufficientemente accurati per essere analizzarlo appieno, si è capito che si trattava di un grosso pallone che si stava sgonfiando. Questo conferma la mia ipotesi che in questi "avvistamenti", il problema vero è che non si riesce ad avere una giusta evidenza del fenomeno più che ad essere in presenza di un vero fenomeno che la scienza non riesce a spiegare pur avendolo rilevato in modo certo e accurato. Sarà interessante vederne gli sviluppi, se ce ne saranno. Maurizio

Rispondi

di ,

Grazie per l’intervento, Clavicordo. Eccellente esempio di cultura e proprietà di sintesi. La sintesi, quella dote che non ho mai avuto e mi porta ad ammirare chi la possiede. Nel merito potrei anche confermare una certa concordanza formale ma sul piano sostanziale non sono completamente concorde. Che la scienza sia preziosa perché ammette i propri limiti corrisponde prevalentemente a verità ma non in assoluto. La scienza, come tutte le attività e componenti umane, non è immune da condizionamenti, siano essi di tipo religioso, etico, economico, politico, corruttivo e quant'altro, senza dimenticare le diplomatiche convenzioni e le stupidaggini tipo quella relativa al pianeta Plutone e mi fermo qui dato che certi limiti sono più che evidenti ed oggi anche agevolmente opinabili più di quanto non lo fossero un tempo. Quanto ai testi dei vari “Colosimo’s authors” (li chiamo così per inglobare tutti i nominativi da te indicati e sarebbero anche di più) che tu recinti nella pseudoscienza, non sono per niente d’accorso, sia pur senza pretese, non essendo uno scienziato e limitandomi ad esporre il mio punto di vista. Cosa si intende per pseudoscienza? Il termine pseudoscienza è più o meno riferito ad ogni teoria o metodologia o pratica che affermi di essere scientifica, ma che non dimostri i criteri della scientificità. Nella scienza, le teorie che non superano la prova dei fatti vengono sostituite, prima o poi, da altre che descrivono (MEGLIO) la realtà altrimenti rimangono quelle precedenti… Ora, ciò che è descritto dai Colosimo’s (romanzi a parte) non è poi così scontato che non abbia almeno un minimo di dignità scientifica perché non esprime l’opinione dell’autore ma il risultato di ricerche e traduzioni di testi e documenti antichi, reperti esistenti, quei pochi che le religioni monoteiste non sono riuscite a distruggere o a nascondere. Quindi, almeno i testi antichi, sono prove documentali a tutti gli effetti. E per quale motivo una prova documentale non potrebbe avere valore scientifico? Solo perché non può essere riprodotta in laboratorio? Oppure perché e molto antica? Non dimentichiamo che le descrizioni di certi fenomeni e di determinati veicoli sono espressione di tutte le culture presenti sul pianeta e a quei tempi non esistevano internet, le chat o lo smart working; scrivevano la cronaca di quel che succedeva e vedevano, quei pochi in grado di farlo, ovviamente. Mi permetto una breve digressione: se dovessimo valutare i testi antichi sul piano del diritto, scopriremmo che avrebbero un valore probatorio degno di nota. Nel nostro ordinamento e non solo (ovviamente semplifico di molto per non divagare) gli strumenti di prova sono fondamentalmente tre; la prova indiziaria, la testimoniale e la documentale. La sequenza non è casuale e l’ultima delle tre è la più importante. Ovviamente i processi alla scienza non si celebrano nelle aule dei tribunali ordinari ma certi accostamenti, procedure e metodi potrebbero concorrere a stabilire un criterio di preminenza dei valori. In altri termini, il Diritto non considera aprioristicamente il contenuto di una prova ma ne determina almeno l’ammissibilità, poi se ne discuterà nel merito e seguirà il giudizio. Dovrebbe essere così anche per i testi antichi tradotti e proposti dai Colosimo’s. Quegli argomenti non sono religione e non contengono dogmi minacciosi o miracolistici. Non sarà propriamente scienza? Forse; ma neppure pseudoscienza e ancor meno credenza; non scordiamo che i testi antichi, non dogmatici, e l’archeologia sono anche oggetto d’insegnamento universitario. Forse considerare scienza i documenti antichi potrebbe apparire discutibile ma considerarli pseudoscienza o addirittura credenza non lo trovo plausibile, oltreché ingeneroso. Forse occorrerebbe una definizione intermedia tra scienza e pseudoscienza (per ora)… Quanto al possibilismo americano e se ciò significhi credere veramente agli alieni non saprei (potrebbe anche essere un espediente per ottenere finanziamenti extra budget da destinare alla difesa) ma adesso esistono anche i video e le dichiarazioni ufficiali con cui fare i conti. Se risulteranno falsità dovranno smentire e smentirsi, si vedrà… Colgo l’occasione per ringraziare elfo per il contributo veramente interessante. L’abilità di elfo nel reperire elementi probatori, in generale, è ampiamente nota e molto utile al Forum. Elfo, quel testo potrebbe essere soltanto l’inizio dell’ufficialità… Ringrazio gianzap per il suo contributo anche se di poche parole. Quanto a sebago penso che abbia sbagliato a postare la risposta. Quell’intervento avrebbe senso se postato nell'articolo seguente: https://www.electroyou.it/gianniniivo/wiki/religioni-vs-vita-extraterrestre-seconda-parte. Comunque, sebago, se ti va bene lasciarlo qui, per me non è un problema.

Rispondi

di ,

è comunque esiste la prova inconfutabile che gli extraterrestri esistono e che sono molto più intelligenti di noi, infatti si tengono alla larga!

Rispondi

di ,

l'articolo mi è piaciuto avanti Cristo,dopo Cristo come l'umanità ha subito un declino...

Rispondi

di ,

OFFICE OF THE DIRECTOR OF NATIONAL INTELLIGENCE Preliminary Assessment: Unidentified Aerial Phenomena 25 June 2021 https://www.dni.gov/files/ODNI/documents/assessments/Prelimary-Assessment-UAP-20210625.pdf

Rispondi

di ,

"...Gesù e che a loro giudizio sarebbe stato anche un Cristo, quando tutti gli studiosi sanno che non ci sono evidenze storiche certe della sua esistenza..." Vabbè, s'è capito qual è lo stile: contrabbandare opinioni personali per verità assodate. Non vado oltre: "a paraulas maccas, orijas surdas".

Rispondi

di ,

La scienza è preziosa proprio perchè ammette i propri limiti e lavora per ampliarli. Quindi è rassicurante che, se non si riesce a spiegare certi fenomeni, li si classifichi come "sconosciuti". Poi, la storia degli Elohim, di Gesù come alieno, degli dei come alieni, di Omero che racconta cose extraterrestri io le sento raccontare fin da bambino, in particolare da un certo Peter Kolosimo, pseudonimo di Pier Domenico Colosimo che "assieme al francese Robert Charroux e al britannico W. Raymond Drake e prima di Erich von Däniken, uno dei primi sostenitori delle teorie pseudoscientifiche dell'archeologia misteriosa e in particolare della teoria degli antichi astronauti, che ipotizza la visita di civiltà extraterrestri sul suolo terrestre in tempi remotissimi". Non nego che, come molte altre cose, queste teorie possano avere il loro fascino. Ma prima di pensare che questi oggetti siano di natura non terrestre, ci andrei piano. Il fatto che il governo americano sia diventato "possibilista" non significa che "creda" agli alieni (anche se una certa dabbenaggine dell'americano medio non sarebbe una novità. Pensiamo a come hanno creduto a Trump...) . La fisica attuale ha dei limiti? Certo, altrimenti non sarebbe scienza, sarebbe religione. L'atteggiamento scientifico di fronte a un fenomeno di origine ignota è la sospensione del giudizio. Tutto il resto è credenza, affascinante quanto si vuole, ma credenza.

Rispondi

di ,

Ciao maubarzi, beh, la qualità dei video finora visti, da me, non brillano certo per qualità e definizione ma la notizia di attualità non è quella ma il riconoscimento ufficiale dell'esistenza di veicoli di provenienza ignote e che non si esclude che possano essere di origine extra terrestre. Non è cosa da poco. Io ho un parente pilota di aerei di linea ed un amico pilota di caccia militari che entrambi mi hanno confessato quella che loro definiscono la fine di un incubo. Finalmente non saranno più obbligati alla consegna del silenzio qualora vedessero o filmassero uno o più veicoli da loro ritenuti di natura non terrestre. Un saluto.

Rispondi

di ,

Interessante. Che ci siano anche filmati recenti oltre a quelli classici risalenti ai tempi della guerra fredda fatti con i mezzi dell'epoca e quindi con la relativa definizione? Maurizio

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.