Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Punto di lavoro statico inverter

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utentecarloc

0
voti

[21] Re: Punto di lavoro statico inverter

Messaggioda Foto Utentecianfa72 » 16 apr 2024, 10:03

MarcoD ha scritto:Dovrebbe essere nello stato Valim=0, Vce = 0, I = 0 tutto disalimentato e simmetrico.

Si, ma senza aggiungere condensatori questo "stato" non esiste.

MarcoD ha scritto:Si potrebbe simulare il transitorio di accensione del circuito che ho disegnato aggiungendo i due condensatori fra base e massa.

Si corretto, mi torna.
Avatar utente
Foto Utentecianfa72
36 2 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 23 mar 2011, 16:07

0
voti

[22] Re: Punto di lavoro statico inverter

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 16 apr 2024, 10:28

Si, ma senza aggiungere condensatori questo "stato" non esiste.
Secondo me, non ha bisogno di memoria, esiste anche senza condensatori, è tutto disalimentato Valim =0, Ib=0, Ic = 0 Vce = 0.
Ma dipende da cosa si intende per stato.
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
11,6k 5 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 6284
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[23] Re: Punto di lavoro statico inverter

Messaggioda Foto Utentecianfa72 » 16 apr 2024, 11:32

MarcoD ha scritto:Secondo me, non ha bisogno di memoria, esiste anche senza condensatori, è tutto disalimentato Valim =0, Ib=0, Ic = 0 Vce = 0.

Scusami, ma nel caso di punto di equilibrio instabile i valori di queste grandezze sono diverse.

E poi, come dicevo, senza componenti con memoria nel circuito non esiste proprio il concetto di stato.
Avatar utente
Foto Utentecianfa72
36 2 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 23 mar 2011, 16:07

1
voti

[24] Re: Punto di lavoro statico inverter

Messaggioda Foto Utentegill90 » 16 apr 2024, 12:58

Da un punto di vista formale ha senso parlare di stato solo in caso di sistemi dinamici, cioè in cui l'uscita a un certo istante dipende anche dai valori pregressi (informazione condensata negli stati).
Se il sistema è statico non ha senso parlare di stato, perché l'uscita sarà semplicemente una combinazione lineare degli ingressi.

Detto ciò, mi pare che in questa discussione stiamo mischiando questi concetti in maniera impropria: stiamo cioè pretendendo di trattare come statico un circuito che ha senso solo se inteso come dinamico.
Foto Utentecianfa72 quando dici che per caratteristica statica intendi "quando si suppongono tutti gli effetti dinamici reali completamente smorzati" stai implicitamente già supponendo che il sistema abbia delle connotazioni dinamiche, e queste ultime fanno sì che si possa parlare di evoluzione (nel senso di moto temporale degli stati) e, di conseguenza, di punti di equilibrio stabili/instabili.

Se pretendi di trattare il sistema come intrinsecamente statico, inteso però NON come "conclusione dei transitori", ma come "relazione ingresso-uscita degli inverter immediata", allora ti troverai sempre gli stessi 3 punti di lavoro teorici, a cui però non potrai associare nessun moto o evoluzione (e di conseguenza nessuna caratteristica di stabilità), semplicemente il tuo sistema ideale potrà trovarsi solo in uno di quei 3 punti operativi che sono tutti ammessi come soluzioni statiche.

A questo punto o il tuo obiettivo è trovare i possibili punti di lavoro statici, oppure valutarne la loro evoluzione (e quindi come dici giustamente occorre introdurre elementi dinamici di memoria e/o ritardo).
Avatar utente
Foto Utentegill90
3.347 2 6 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 980
Iscritto il: 1 set 2011, 16:18

1
voti

[25] Re: Punto di lavoro statico inverter

Messaggioda Foto Utentecianfa72 » 16 apr 2024, 13:24

gill90 ha scritto:Se il sistema è statico non ha senso parlare di stato, perché l'uscita sarà semplicemente una combinazione lineare degli ingressi.

Non necessariamente combinazione lineare perche' la rete potrebbe essere in generale non lineare.

gill90 ha scritto:Se pretendi di trattare il sistema come intrinsecamente statico, inteso però NON come "conclusione dei transitori", ma come "relazione ingresso-uscita degli inverter immediata", allora ti troverai sempre gli stessi 3 punti di lavoro teorici, a cui però non potrai associare nessun moto o evoluzione (e di conseguenza nessuna caratteristica di stabilità), semplicemente il tuo sistema ideale potrà trovarsi solo in uno di quei 3 punti operativi che sono tutti ammessi come soluzioni statiche.

Corretto, mi torna.

gill90 ha scritto:oppure valutarne la loro evoluzione (e quindi come dici giustamente occorre introdurre elementi dinamici di memoria e/o ritardo).

Esatto, questo e' il mio punto di vista.
Avatar utente
Foto Utentecianfa72
36 2 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 23 mar 2011, 16:07

0
voti

[26] Re: Punto di lavoro statico inverter

Messaggioda Foto Utentegill90 » 16 apr 2024, 15:05

cianfa72 ha scritto:Non necessariamente combinazione lineare perche' la rete potrebbe essere in generale non lineare.

Hai ragione, ho semplificato troppo
Avatar utente
Foto Utentegill90
3.347 2 6 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 980
Iscritto il: 1 set 2011, 16:18

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 73 ospiti