Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Induzione in continua

Circuiti, campi elettromagnetici e teoria delle linee di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteEdmondDantes

1
voti

[11] Re: Induzione in continua

Messaggioda Foto UtentedrGremi » 2 set 2022, 14:01

jonny90 ha scritto:ma il tempo che la corrente arriva a quella stazionaria non sarà mai nullo

Ok, allora stiamo parlando di transitorio. Niente DC.

Comunque il discorso su correnti di magnetizzazione, etc, lo conosci (se non lo conosci non è un problema, troviamo del materiale)?
Conosci le approssimazioni del trasformatore reale e perfetto? Cosa ti interessa valutare? Con che livello di astrazione (cosa vogliamo ideale)? Perché reale non è possibile in quanto abbiamo già preso l’assunzione corto circuito (che non esiste). Ma in base alle "idealizzazioni" possiamo ottenere dei risultati anche strambi :D
Avatar utente
Foto UtentedrGremi
2.276 3 5 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1450
Iscritto il: 20 nov 2019, 19:49

0
voti

[12] Re: Induzione in continua

Messaggioda Foto Utentejonny90 » 2 set 2022, 15:36

Si conosco approssimativamente il discorso di correnti magnetizzanti,differenza tra reale e ideale ecc. Il discorso che voglio fare è: se con il secondario in corto arriva in meno tempo alla corrente stazionaria arriverà anche in meno tempo alla magnetizzazione completa? (Lasciamo stare i problemi di riscaldamento del circuito, saturazione ecc. ) perché il secondario non dovrebbe avere corrente indotta se non si ha una variazione del campo magnetico, quindi quando il primario è alla corrente stazionaria non varia più il campo magnetico .
Avatar utente
Foto Utentejonny90
5 4
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 20 mag 2019, 10:38

0
voti

[13] Re: Induzione in continua

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 2 set 2022, 16:05

jonny90 ha scritto: A secondario in corto circuito il tempo per far arrivare il primario alla corrente stazionaria diminuisce? Credo di sì, e se è sì cosa vedremo sul secondario?


Direi di si`, ci mette meno tempo, se non si considera la saturazione quando il secondario e` aperto. Sul secondario vedi un impulso di corrente. Se trovo un po' di tempo stasera provo ad espandere la risposta e a vedere l'effetto della saturazione.
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
116,1k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20267
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

0
voti

[14] Re: Induzione in continua

Messaggioda Foto Utentejonny90 » 26 set 2022, 21:52

IsidoroKZ ha scritto:
Direi di si`, ci mette meno tempo, se non si considera la saturazione quando il secondario e` aperto. Sul secondario vedi un impulso di corrente. Se trovo un po' di tempo stasera provo ad espandere la risposta e a vedere l'effetto della saturazione.

Quindi possiamo affermare che alla variazione della resistenza sul secondario abbiamo una variazione della durata dell'impulso sullo stesso?
Avatar utente
Foto Utentejonny90
5 4
 
Messaggi: 24
Iscritto il: 20 mag 2019, 10:38

0
voti

[15] Re: Induzione in continua

Messaggioda Foto UtenteRenzoDF » 27 set 2022, 10:29

Perché non parti dal tracciare un circuito equivalente semplificato del trasformatore (per es. senza saturazione, perdite nel ferro e flusso disperso)?
Quando lo avrai sotto gli occhi vedrai che tutto ti sarà più chiaro. ;-)
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
Avatar utente
Foto UtenteRenzoDF
55,2k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12994
Iscritto il: 4 ott 2008, 9:55

0
voti

[16] Re: Induzione in continua

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 27 set 2022, 10:54

Cambierei nome al titolo in "induzione durante transitorio"
Il transitorio è quello che avviene durante il passaggio da uno stato stazionario (in continua) a un altro. O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
10,4k 5 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 5263
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[17] Re: Induzione in continua

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 28 set 2022, 15:38

Franco012 ha scritto:Per la precisione, un'analoga tensione viene generata anche in fase di chiusura dei contatti, ma non ha rilevanza per il funzionamento del motore.

Chirimento per quanto ne so io. Se le puntine chiudono, portano alla bobina 12V, l'uscita sarà di quanche centinaio di volt? l'ho sparata li. Quando apro le puntine, la bobina raggiunge tranquillamente qualche centinaio di volt, e l'uscita della candela qualche decina di Kilovolt.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
3.237 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3732
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[18] Re: Induzione in continua

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 28 set 2022, 16:36

Franco012 ha scritto: un'analoga tensione viene generata anche in fase di chiusura dei contatti, ma non ha rilevanza per il funzionamento del motore.

Non ho idea di quale sia la tensione generata in fase di chiusura dei contatti, e nemmeno se sia sufficiente ad innescare una scintilla nella candela. Ho citato questo particolare solo per evidenziare il principio di funzionamento. In ogni caso, un'eventuale scintilla non avrebbe alcuna rilevanza, sia perché il distributore di accensione si troverebbe già "in viaggio" verso la candela del successivo cilindro (nei motori pluricilindrici con bobina singola), sia perché una scintilla durante la fase di espansione o addirittura di scarico in un cilindro non avrebbe alcun effetto.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
4.909 3 3 7
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2147
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

0
voti

[19] Re: Induzione in continua

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 28 set 2022, 17:00

Quando si chiudono i contatti, la corrente cresce lentamente, la tensione al secondario sarà 12 V per il rapporto spire.
E' all'apertura che interrompendosi la corrente la variazione tende (teoricamente) all'infinito e così la tensione che provoca la scintilla nella candela.
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
10,4k 5 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 5263
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

Precedente

Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 19 ospiti