Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Diodo laser con flangia per connettore SC

Telefonia, radio, TV, internet, reti locali...comandi a distanza

Moderatori: Foto UtenteMassimoB, Foto Utentejordan20

0
voti

[21] Re: Diodo laser con flangia per connettore SC

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 5 ago 2022, 21:42

Quei dispositivi sono alimentati in corrente e non in tensione, a meno che non integrino a bordo un regolatore di corrente.
Il fatto che non trovi il datasheet non è un bene perché significa che il dispositivo è una cinesata.
Quando progetto voglio avere dati seri e ripetibili, non il datasheet scritto mezzo in cinese e mezzo in chenglish sulla carta del provolone.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
85,9k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 11470
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[22] Re: Diodo laser con flangia per connettore SC

Messaggioda Foto UtenteEtemenanki » 5 ago 2022, 22:28

Idealmente, se vuoi ripristinare quello in foto che avevi postato (se riesci a togliere il diodo laser senza rovinare il resto del connettore), ti potrebbe andare bene uno di questi per avere 5mW in uscita, oppure uno di questi per 10mW , o altri equivalenti (parlo di potenza ottica, il diodo assorbe piu di quanto rende, per cui la potenza assorbita dichiarata e' maggiore di quella emessa come luce, se il tuo in origine assorbiva 30mW, e' molto probabile che fosse un 5mW di uscita).

Poi si tratta di allinearlo e fissarlo correttamente nel connettore, ma questo e' il meno, la cosa importante e' l'alimentazione, se avevi un tester ottico per fibra di quelli a penna, il circuito limitatore di corrente era realizzato per i 3V delle due batterie, se lo vuoi alimentare a 12V devi realizzare (o comperare) un driver a corrente costante, che garantisca di poter regolare la corrente attraverso il diodo fra 15 e 25 mA massimi (per non friggerlo di nuovo), e possibilmente che usi il fotodiodo interno come retroazione per il controllo.

su questo PDF della ROHM ci sono diversi schemi che possono fornire un esempio.
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.
Avatar utente
Foto UtenteEtemenanki
2.479 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1685
Iscritto il: 2 apr 2021, 23:42
Località: Dalle parti di un grande lago ... :)

0
voti

[23] Re: Diodo laser con flangia per connettore SC

Messaggioda Foto UtenteNiconas » 6 ago 2022, 12:00

Etemenanki ha scritto:Idealmente, se vuoi ripristinare quello in foto che avevi postato (se riesci a togliere il diodo laser senza rovinare il resto del connettore), ti potrebbe andare bene uno di questi per avere 5mW in uscita, oppure uno di questi per 10mW , o altri equivalenti (parlo di potenza ottica, il diodo assorbe piu di quanto rende, per cui la potenza assorbita dichiarata e' maggiore di quella emessa come luce, se il tuo in origine assorbiva 30mW, e' molto probabile che fosse un 5mW di uscita).

Poi si tratta di allinearlo e fissarlo correttamente nel connettore, ma questo e' il meno, la cosa importante e' l'alimentazione, se avevi un tester ottico per fibra di quelli a penna, il circuito limitatore di corrente era realizzato per i 3V delle due batterie, se lo vuoi alimentare a 12V devi realizzare (o comperare) un driver a corrente costante, che garantisca di poter regolare la corrente attraverso il diodo fra 15 e 25 mA massimi (per non friggerlo di nuovo), e possibilmente che usi il fotodiodo interno come retroazione per il controllo.

su questo PDF della ROHM ci sono diversi schemi che possono fornire un esempio.


Ho allegato la foto. La parte del diodo in rosso secondo me è il diodo mentre tutto il resto in verde sono almeno due adattatori. Quelli che hai messo tu lo avevo già visti ma non sono sicuro che siano gli stessi.Il problema del laser è che se non è perfettamente centrano con la fibra , non la illumina. Soprattutto se è monomodale che è la più fine. L'ideale sarebbe trovare gli adattatori/flange SC per quel modello di diodi che hai messo tu che sono case standard.

PietroBaima ha scritto:Quei dispositivi sono alimentati in corrente e non in tensione, a meno che non integrino a bordo un regolatore di corrente.
Il fatto che non trovi il datasheet non è un bene perché significa che il dispositivo è una cinesata.
Quando progetto voglio avere dati seri e ripetibili, non il datasheet scritto mezzo in cinese e mezzo in chenglish sulla carta del provolone.


Infatti ho visto che hanno basse tensioni a relativamente alte correnti di esercizio. Alcuno tipo 2volt e 350mA ma sono per altri usi.
Allegati
line.jpg
Avatar utente
Foto UtenteNiconas
0 2
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 13 mag 2022, 15:54

Precedente

Torna a Telecomunicazioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti