Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Semplice DIMMER per carichi induttivi

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc

4
voti

[1] Semplice DIMMER per carichi induttivi

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 23 lug 2022, 16:02

Buon giorno Forum,
dopo aver letto l'ultimo articolo di Foto Utentecarlomariamanenti, che saluto e ringrazio, ho gironzolato per i Siti segnalati e ho recuperato un po' di riviste che avevo perso e sfogliandone qualcuna ho trovato interessante uno schema di NE che ho voluto provare constatando che funziona anche bene.

Non era niente di speciale, era un semplice dimmer ma in realtà era un po' diverso dagli altri perché veniva consigliato per i carichi induttivi che notoriamente gradiscono poco i dimmer che partizionano la forma d'onda, salvo l'esistenza di circuiti particolari che però oltre a questo non mi è mai capitato di vedere.

Non c'è molto da dire su questo circuito. Lo schema pur essendo un po' diverso è comunque semplice e quello che posso aggiungere personalmente è che regge bene anche verso i carichi induttivi. Il calo di potenza sotto carico è minimo e si percepisce appena.
il carico induttivo determina una condizione per cui il controllo deve avvenire per mezzo di impulsi molto fitti verso II gate per ottenere sempre in tempo reale il controllo sulla sinusoide e questo circuito ci riesce abbastanza dignitosamente.

Come finale ho utilizzato un BTA 16-700BWRG al posto di un BTA 10-700. Non avendo disponibile il componente originale non ho avuto scelta ma il circuito ha funzionato regolarmente con in più la possibilità di aumentare maggiormente il carico da regolare. Inoltre mi sono accorto in un secondo momento che la versione del Triac che ho utilizzato è quella che non dovrebbe aver bisogno degli snubber ma avendo già piazzato R12 e C2 li ho lasciati al loro posto come da schema.

Pubblico lo schema perché ritengo possa essere d'interesse generale ed è semplice da realizzare anche per una semplice prova su breadboard.

Grazie per l'attenzione.
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
3.869 5 9 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2237
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

1
voti

[2] Re: Semplice DIMMER per carichi induttivi

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 23 lug 2022, 16:30

>Per rendere il tuo bel post fruibile anche in futuro, metti il link all'articolo di Carlo, inoltre metti numero della rivista e titolo dell'articolo.

Grazie mille
Ciao
Pietro
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
85,9k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 11470
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

1
voti

[3] Re: Semplice DIMMER per carichi induttivi

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 23 lug 2022, 17:03

Ciao Pietro, eh, accidenti hai ragione. In origine l'intenzione c'era ma dopo aver ricevuto una telefonata e chiacchierato per mezz'ora ho dimenticato di aggiungere quei riferimenti.

La rivista è la N°214 del 2003 di NE, il progetto è LX.1539 e inizia a pag. 14. L'articolo di Carlomariamanenti è qui.

Grazie Pietro, a buon rendere... =D>
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
3.869 5 9 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2237
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

1
voti

[4] Re: Semplice DIMMER per carichi induttivi

Messaggioda Foto UtenteElidur » 24 lug 2022, 14:41

Quello che non mi piace è la resistenza da 10W e i due zener da 100V. Sono componenti che difficilmente si trovano nei cassettini dello sperimentatore.
Avatar utente
Foto UtenteElidur
824 1 6 9
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 686
Iscritto il: 6 mag 2017, 18:10

0
voti

[5] Re: Semplice DIMMER per carichi induttivi

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 24 lug 2022, 17:51

Credo che ci sia poco da fare, quei componenti non si possono rimuovere e dubito che la stessa funzione possa essere ottenuta mediante l'impiego di componenti "meno impegnativi".

Forse si potrebbe sostituire gli zener con un diodo transil bidirezionale da 200V ma cambierebbe poco ai fini della reperibilità facilitata. Inoltre non sono sicuro che un diodo transil bidirezionale da 200V si comporterebbe come due zener da 100V in antiserie. Se non sbaglio i transil sono più adatti ad intercettare picchi occasionali e non continuativi.
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
3.869 5 9 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2237
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

0
voti

[6] Re: Semplice DIMMER per carichi induttivi

Messaggioda Foto Utentestefanodelfiore » 24 lug 2022, 19:58

Se il circuito si comporta bene, i componenti si possono anche acquistare. Quello che si ha nei cassetti è quanto mai casuale.
Avatar utente
Foto Utentestefanodelfiore
1.096 2 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 337
Iscritto il: 28 mar 2009, 20:15
Località: Bologna

1
voti

[7] Re: Semplice DIMMER per carichi induttivi

Messaggioda Foto UtenteEtemenanki » 24 lug 2022, 22:26

Non voglio interferire con il thread, solo riportare una cosa.

Per curiosita', e dato che ne ho da poco sostituito uno ed ancora non l'avevo smaltito, ho massacrato aperto delicatamente :mrgreen: un pulsante per trapano con dimmer integrato (chiaramente per carico induttivo, dato che pilota un motore a spazzole), e la semplicita' del circuito e' spiazzante, due resistenze, un condensatore, un diac ed il triac, e basta (il triac e' la versione snubberless) ... e funzionava, perfino.

In passato anch'io mi ero "divertito" (si fa per dire) a cercare di modificare schemi di dimmer per adattarli a motori a spazzole, con risultati dal modesto al frustrante (tendenzialmente, piu aggiungi circuiteria per stabilizzarlo ed eliminare i disturbi, piu il dimmer diventa instabile ed il motore "strappa" e/o regola male), apparentemente l'industria ha seguito il sistema opposto, hanno tolto tutto quello che poteva stabilizzare ed eliminare disturbi, ed il sistema ha funzionato meglio anziche' peggio :roll:

Ora non ci riesco ma domani faro' un paio di foto e cerchero' di misurare i valori (le resistenze sono del tipo stampato sul PCB con inchiostro resistivo, quindi devo tagliare alcune piste per misurarle)
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.
Avatar utente
Foto UtenteEtemenanki
2.479 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1685
Iscritto il: 2 apr 2021, 23:42
Località: Dalle parti di un grande lago ... :)

1
voti

[8] Re: Semplice DIMMER per carichi induttivi

Messaggioda Foto Utentestefanodelfiore » 24 lug 2022, 22:44

A chi fosse interessato riporto due link della ST che trattano l'argomento di questa discussione:
https://www.st.com/resource/en/applicat ... ronics.pdf

https://www.st.com/resource/en/applicat ... ronics.pdf

Nella nota applicativa 308 ( primo link ) a pag.10 è riportato un circuito molto simile a quello di questa discussione.
Avatar utente
Foto Utentestefanodelfiore
1.096 2 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 337
Iscritto il: 28 mar 2009, 20:15
Località: Bologna

0
voti

[9] Re: Semplice DIMMER per carichi induttivi

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 24 lug 2022, 23:31

Ciao Foto UtenteEtemenanki, va bene, immagino che funzionasse a 230V. Ok, rimango in attesa.

Ciao Foto Utentestefanodelfiore, ho visto. In effetti è molto simile anche se è progettato per gestire un carico fino a 2300VA. Poi ho visto che invece degli zener utilizza un diodo Transil come avevo ipotizzato, quindi sarebbe possibile sostituire gli zener. Peccato che non ho il Transil del valore giusto. :mrgreen:

Beh, però mi sembra che nella sostanza tra i due ci sia poca differenza.

NE sostiene che lo schema è stato ricavato da documentazione della SGS Thomson, ma la rivista è del 2003 è forse allora i diodi Transil non esistevano o costavano troppo.
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
3.869 5 9 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2237
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

1
voti

[10] Re: Semplice DIMMER per carichi induttivi

Messaggioda Foto UtenteElidur » 25 lug 2022, 11:16

Scusa Ivo ma ho scaricato e modificato il tuo schema e lo ripubblico perché per me c'è un errore grafico sia nel tuo schema sia sullo schema di NE.

Riguarda gli anodi del Triac finale che sono sbagliati come posizionamento. NE ha messo Anodo2 di fianco al Gate mentre avrebbe dovuto mettere Anodo1 e nel tuo schema invece ha messo Anodo1 correttamente di fianco al Gate ma avresti dovuto ribaltare verticalmente il simbolo del Triac. Se sbaglio chiedo scusa e cercherò qualche amministratore che possa rimuovere il post.
Avatar utente
Foto UtenteElidur
824 1 6 9
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 686
Iscritto il: 6 mag 2017, 18:10

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 56 ospiti