Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

disaccoppiamento elettrico

Tipologie, strumenti di sviluppo, hardware e progetti

Moderatore: Foto UtentePaolino

0
voti

[1] disaccoppiamento elettrico

Messaggioda Foto Utentepietroruta » 10 mag 2022, 9:33

buon giorno, di recente ho acquistato questo dispositivo su aliexpress, https://it.aliexpress.com/item/10050038 ... pt=glo2ita
un semplice attacca e stacca batteria che si attiva e disattiva nel momento in cui i valori settati sono rispettati.
adesso avrei necessita di disaccoppiare in qualche modo la lettura dei valori dal restante circuito, in quanto le masse dei circuiti, di alimentazione e lettura sono separate, oltre che di differenze di tensione elevate nell'ordine dei 300v mi chiedevo se c'è un modo. grazie in anticipo
Avatar utente
Foto Utentepietroruta
15 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 12 apr 2020, 18:13

0
voti

[2] Re: disaccoppiamento elettrico

Messaggioda Foto UtentedrGremi » 10 mag 2022, 13:29

pietroruta ha scritto:su aliexpress

Andiamo bene

pietroruta ha scritto:in quanto le masse dei circuiti, di alimentazione e lettura sono separate, oltre che di differenze di tensione elevate nell'ordine dei 300v

Sempre meglio

pietroruta ha scritto:mi chiedevo se c'è un modo

Fantastico! Nemmeno sai cosa stai facendo.

Comunque, specifiche a parte che dipendono dal circuito infernale che hai acquistato (infernale perché di solito non si capisce una mazza sulle specifiche e raramente sono rispettate) ciò che cerchi si chiama https://it.m.wikipedia.org/wiki/Optoisolatore poi c'è ne sono anche di altri tipi (magetici per esempio).
Le specifiche cerchi tu in base all'applicazione che forse non voglio sapere. Non voglio sapere nemmeno cosa stai facendo. Sappi che alcuni specifici per applicazioni biomedicali possono superare gli 80 euro al pezzo ;) (hanno tutta una serie di altre cose eh).
Se è una cosa che tocchi con cui puoi rimanerci secco ocio a quello che conpri. E soprattutto se è falso.
Avatar utente
Foto UtentedrGremi
2.041 3 5 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1267
Iscritto il: 20 nov 2019, 19:49

1
voti

[3] Re: disaccoppiamento elettrico

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 10 mag 2022, 13:53

Potresti mettere una piccola telecamera ip che riprende i valori del display.
Il disaccoppiamento dovrebbe essere assicurato.
Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
6.680 3 8 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2308
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

0
voti

[4] Re: disaccoppiamento elettrico

Messaggioda Foto Utentepietroruta » 10 mag 2022, 14:42

hai qualche schema applicativo di come impiegare gli optoisolatori?
Avatar utente
Foto Utentepietroruta
15 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 12 apr 2020, 18:13

0
voti

[5] Re: disaccoppiamento elettrico

Messaggioda Foto Utentepietroruta » 10 mag 2022, 14:43

stefanopc ha scritto:Potresti mettere una piccola telecamera ip che riprende i valori del display.
Il disaccoppiamento dovrebbe essere assicurato.
Ciao


vedo che ci hai pensato molto bene per scrivere questa risposta
Avatar utente
Foto Utentepietroruta
15 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 12 apr 2020, 18:13

0
voti

[6] Re: disaccoppiamento elettrico

Messaggioda Foto UtentedrGremi » 10 mag 2022, 17:08

pietroruta ha scritto:vedo che ci hai pensato molto bene per scrivere questa risposta

Guarda che non ha torto eh. Non hai specificato quali sono le tue conoscenze, cosa tu stia facendo e il perché. Diventa difficile dare consigli.
Quello che fai è potenzialmente letale (sia per chi tocca la apparecchiatura che per eventuali incendi a causa di malfunzionamenti della stessa).
Per il resto le "basi", cioè il concetto puoi leggerlo da un suo articolo https://www.electroyou.it/stefanopc/wik ... incontrano

pietroruta ha scritto:hai qualche schema applicativo di come impiegare gli optoisolatori?

Devi capire come è il tuo segnale (analogo o digitale e le sue caratteristiche). Da quello capisci quale ti serve e dal datasheet è automatico vedere come si usa. Di solito comunque tutti allo stesso modo a livello logico e tutti diversi in base al costruttore (ma tanto hai sempre 2 alimentazioni e gli ingressi/uscite disaccoppiati). Alcuni provvedono anche all'alimentazione.
Però se nemmeno sapevi esistessero ho seri dubbi tu abbia buone conoscenze in questo ambito e temo per le possibili conseguenze. Ti consiglio di lasciare perdere. Se proprio vuoi insistere il web ne è pieno e anche i siti dei costruttori (tipo analog devices).

Persona la sintesi, ma sono da smartphone.
Avatar utente
Foto UtentedrGremi
2.041 3 5 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1267
Iscritto il: 20 nov 2019, 19:49

0
voti

[7] Re: disaccoppiamento elettrico

Messaggioda Foto Utentepietroruta » 11 mag 2022, 10:18

drGremi, ma se dai un rapido sguardo al prodotto indicato nel link e parlo di disaccoppiamento elettrico delle masse, si capisce bene che la "lettura" non è di tipo visiva ma elettrica. di conseguenza la risposta di stefanopc mi sembra inadatta. Per quanto riguarda la pericolosità, date le ante tensioni, sono cosciente, difatti la mia è una richiesta di aiuto e consiglio. i foto accoppiatori li conosco e li impiego, conosco il loro utilizzo e conosco l'articolo che hai citato, ma nel mio caso, l'impiego sarebbe un po' diverso. provo a spiegarmi magio. Avrei bisogno di un aiuto per realizzare un commutatore che si attivi quando viene rilevata una tensione inferiore a 120v cc e si disattivi quando è superiore a 260v cc. girando in rete. ho pensato di acquistare con pochi euri questo prodotto https://it.aliexpress.com/item/10050038 ... pt=glo2ita in sostanza è una versione in piccolo di quella che mi servirebbe. adesso, per fare in modo che i miei valori siano compatibili con quelli accettati del circuito, ho applicato un semplice partitore di tensione e ho anteposto un ulteriore partitore rinforzato sulla sezione di alimentazione, in quanto il circuito si autoalimenta mediante un piccolo dc dc step down su base xl7005, cerchiato di giallo nella foto. Ma le resistenze vanno in cottura quando la tensione incomincia a salire e il relè si attiva. ho quindi pensato di utilizzare un riduttore di tensione con transistor e zener e togliere tutta la parte dc dc step down. la soluzione è migliore di quella con il partitore rinforzato, ma anche in questo caso si soffre il caldo quando si sale di tensione. effettivamente alimentare il circuitino a 5v, da un range che va da 120 a 260v è difficile da gestire, infine ho inserito un classico driver per led da 5W soluzione che va egregiamente se non fosse per il ronzio quando la tensione è bassa. pensavo adesso di alimentarlo esternamente ma il problema che sto riscontrando è che usando una alimentazione esterna a causa delle interferenze e oscillazioni sulla sezione da monitorare, il circuito ronza e talvolta svalvola, cosa che non accadeva con le soluzioni precedenti. ecco perché volevo capire se possibile disaccoppiare elettricamente
Allegati
Senza titolo.png
Avatar utente
Foto Utentepietroruta
15 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 12 apr 2020, 18:13

0
voti

[8] Re: disaccoppiamento elettrico

Messaggioda Foto UtenteEtemenanki » 11 mag 2022, 12:27

Devi prima di tutto considerare che quel circuito non e' una versione "in piccolo" di quello che serve a te, ma un circuito diverso (misura la tensione lato batteria, non lato ingresso, ad esempio, anche se tu non hai detto da quale lato la devi misurare presumo sia l'opposto, se no, dillo per favore), progettato con le sue specifiche per lavorare in quel modo ed a quelle tensioni.

Una volta realizzato questo, si puo pensare di studiare un modo per modificarlo (se e' quello che vuoi realmente fare), oppure per progettarne uno da zero.

Ad esempio, quello e' progettato per funzionare fra 6 e 60 VDC, il tuo dovrebbe funzionare fra 120 e 260 VDC, stando a quello che dici, quindi come minimo dovresti ridurre la tensione da misurare, sull'ingresso di misura, almeno 5 ad 1, per stare tranquilli (e poi ricordare di moltiplicare per 5 i valori che imposti sul display, oppure riscrivere il firmware del micro), ma allo stesso tempo dovresti fornirgli una seconda alimentazione piu bassa per il funzionamento della parte logica (una cosa e' mettere un partitore resistivo su un'ingresso di misura ad alta impedenza, che al massimo assorbira' qualche microampere, un'altra e' cercare di usarlo anche per alimentarci lo switching interno, ed infatti come hai visto, ti si cuociono o fanno da stufetta)

Hai uno schema elettrico di quel dispositivo, oppure sei in grado di ricavarlo, per avere un punto di partenza ?
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.
Avatar utente
Foto UtenteEtemenanki
2.219 2 4 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1519
Iscritto il: 2 apr 2021, 23:42
Località: Dalle parti di un grande lago ... :)

0
voti

[9] Re: disaccoppiamento elettrico

Messaggioda Foto Utentepietroruta » 12 mag 2022, 12:16

corretto la lettura della tensione viene fatta esclusivamente sul lato della batteria. il partitore che gli ho applicato riduce la tensione di 10 volte quindi la visualizzazione a display sarà nel range 12-26v. al momento riscrivere il firmware del micro per ottenere una misurazione fedele la vedo difficile, anche perché i cinesi ultimamente hanno preso il vizio di ripulire tutti i componenti. per il momento il disaccoppiamento della massa rimane. le soluzione del driver led per permettere l'auto alimentazione del circuito al momento è quella piu efficiente e stabile se non fosse per il ronzio. pensavo il disaccoppiamento pensavo ad un optoisolatore tipo quelli impiegati per i rilevatori di fumo
Avatar utente
Foto Utentepietroruta
15 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 12 apr 2020, 18:13

0
voti

[10] Re: disaccoppiamento elettrico

Messaggioda Foto Utentepietroruta » 18 mag 2022, 8:58

...vedo che l'argomento non suscita per niente interesse, comunque per tenervi aggiornati, ho condotto qualche prova usando degli optoisolatori, quelli usati nei sistemi antiincendio o nei limitatori degli amplificatori e foto accoppiatori tipo pc817. con gli 817 il disaccoppiamento c'è, ma la risposta non è lineare ,si comporta piu come un interruttore on off, anche aggiungendo un piccolo carico si guadagna qualcosina ma niente di eclatante . meglio con gli optoisolatori, ma uno solo non è in grado di "monitorare" tutto il range di lavoro. questa mattina proverò ad usare degli 817 in cascata stile vu meter.
Avatar utente
Foto Utentepietroruta
15 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 76
Iscritto il: 12 apr 2020, 18:13

Prossimo

Torna a Realizzazioni, interfacciamento e nozioni generali.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti