Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Adeguamento impianto elettrico e compenso

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Adeguamento impianto elettrico e compenso

Messaggioda Foto UtenteLucaiac89 » 23 nov 2021, 15:29

Buonasera,

Sono un giovane progettista che ha iniziato da poco la libera professione.
Mi scuso un anticipo se il quesito può risultare banale ma purtroppo pecco di inesperienza.

Mi è stato richiesto da un installatore che deve vendere il suo stesso immobile (si tratta di un piccolo capannone industriale a doppio volume con annessi dei piccoli uffici) di adeguare l'impianto elettrico e l'impianto della rete dati.
Divido la questione in 3 punti per comodità:

1-Per quanto riguarda l'impianto elettrico non ha intenzione di fare modifiche sostanziali ma semplicemente aggiungere dei sottoquadri per dividere le zone e creare delle migliorie. Mi chiedevo se andando a toccare l'impianto già esistente debba necessariamente adeguare poi l'intero impianto o se è sufficiente seguire la nuova 64-8 per le sole modifiche. Inoltre mi chiedevo se ci fosse l'obbligo della redazione della relazione per la protezione contro le scariche atmosferiche e in linea generale a che tipo di documentazione è necessaria per la vendita dell'immobile.
Immagino che la DICO verrà rilasciata dalla stessa ditta sulla base del progetto e delle modifiche, ci sono altri documenti necessari?

2- Per quanto riguarda la rete dati (e qui mi scuso davvero ma sugli impianti speciali sono piuttosto limitato per questioni di formazione) mi è stato richiesto semplicemente di spostare l'attuale cablaggio (che risulta piuttosto disordinato e raffazzonato) in un Rack dati (che immagino diventerà di fatto il centrostella) e che gestirà tutta la rete aziendale. Qui vorrei chiedere cosa è necessario a livello di progetto? io avevo pensato ad uno schema a blocchi ed eventualmente degli schemi funzionali di collegamento. Ci sono delle tecnologie più evolute che potrei prendere in considerazione?

3- In base a ciò che ho scritto dovrei fare un'offerta economica ma sono in difficoltà, riuscite a darmi un'idea di quali sono i prezzi delle notule per lavori analoghi?

Grazie a tutti in anticipo e mi scuso se vi sembro acerbo, ma da qualche parte bisogna pur partire no? :-o O_/
Avatar utente
Foto UtenteLucaiac89
0 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 19 lug 2021, 10:35

0
voti

[2] Re: Adeguamento impianto elettrico e compenso

Messaggioda Foto Utentecrit » 24 nov 2021, 12:10

Non saprei dirti l'importo ma hai due strade tenendo sempre presenti i tarifari di riferimento dei perito o ingegneri. Sicuramente non potrai chiedere la tariffa piena diciamo che quella è la massima da cui prendere spunto. Li trovi tranquillamente cercando su internet. Le due strade sono:
stimare i lavori da progettare e chiedere una percentuale diciamo 5 o 6% oppure
valutare quante ore ti potrebbe impegnare il progetto e chiedere di conseguenza in base all'importo orario lordo (tieni sempre presente le tasse). Aumenta la tua stima di un margine diciamo del 20% perché qualche "intoppo" c'è sempre o quasi.
Avatar utente
Foto Utentecrit
133 1 3 5
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 745
Iscritto il: 31 mag 2007, 12:23
Località: Pistoia

0
voti

[3] Re: Adeguamento impianto elettrico e compenso

Messaggioda Foto UtenteLucaiac89 » 24 nov 2021, 14:04

Grazie per la risposta @crit
stimare i lavori da progettare e chiedere una percentuale diciamo 5 o 6%
ho il programma per stimare gli importi anche se è complesso capire quanto possa essere l'importo lavori. di fatto il più grosso problema è che non sappiamo ancora con precisione quali interventi fare. Non credo che faranno grossi interventi se non aggiungere un paio di quadri ma devono essere rifatte completamente le planimetrie gli schemi a blocchi e gli schemi elettrici. avevo pensato a una cifra sui 1500€ però vediamo se riesco a confrontarmi con qualche collega.
Avatar utente
Foto UtenteLucaiac89
0 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 19 lug 2021, 10:35

0
voti

[4] Re: Adeguamento impianto elettrico e compenso

Messaggioda Foto UtenteNSE » 24 nov 2021, 15:21

Anzitutto valuta la situazione.
E' un tuo cliente fidelizzato? E' persona di fiducia? Il committente finale è serio?

Dopo aver fatto le tue valutazioni, descrivi in un preventivo ESATTAMENTE quello che vendi (io al più ci metterei anche quante tavole di progetto proponi), e definisci bene come vengono compensate le variazioni in corso d'opera e come e chi redige lo stato finale dei lavori.

Definisci bene chi paga.

Dopo. . ci puoi anche mettere il prezzo sopra.

Lascia stare la momento le tariffe, possono andar bene per i nuovi lavori, ma per le ristrutturazioni o sol vecchio potrebbero essere troppo limitanti.
Altrove. .Volutamente Anonimo
Avatar utente
Foto UtenteNSE
2.237 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 712
Iscritto il: 30 nov 2014, 18:25

0
voti

[5] Re: Adeguamento impianto elettrico e compenso

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 24 nov 2021, 16:56

Lucaiac89 ha scritto:1-Per quanto riguarda l'impianto elettrico non ha intenzione di fare modifiche sostanziali ma semplicemente aggiungere dei sottoquadri per dividere le zone e creare delle migliorie. Mi chiedevo se andando a toccare l'impianto già esistente debba necessariamente adeguare poi l'intero impianto o se è sufficiente seguire la nuova 64-8 per le sole modifiche. Inoltre mi chiedevo se ci fosse l'obbligo della redazione della relazione per la protezione contro le scariche atmosferiche e in linea generale a che tipo di documentazione è necessaria per la vendita dell'immobile.
Immagino che la DICO verrà rilasciata dalla stessa ditta sulla base del progetto e delle modifiche, ci sono altri documenti necessari?


Si adegua ciò che si vuole adeguare.
Tu sei il progettista, quindi devi essere incaricato per un "qualcosa". Saprà cosa vuole fare il cliente no?

QUando si fa un intervento di adeguamento di un impianto ci si preoccupa di ciò per cui si è incaricati (in qualità di progettisti).
Verrà specificato chiaramente in relazione o sugli elaborati di progetto quali sono gli itnerventi previsti e quali porzioni di impianto non sono oggetto di lavori.
Ricordo però che in ogni caso quando l'installatore realizza la DICO dichiara che gli interventi fatti sono "compatibili con l'impianto esistente".
Chiaro che se quindi l'impianto esistente non oggetto di modifica grida vendetta qualche scrupolo me lo farei.

TI devi preoccupare delle scariche atmosferiche in quanto dovrai rispettare le prescrizioni della Norma CEI 64-8 con riferimento alle sovratensioni (secondo il mio parere la valutazione del rischio da scariche atmosferiche va sempre fatta in questi casi).

La documentazione necessaria in caso di vendita non è un tuo problema.
L'impianto elettrico dovrebbe ovviamente essere accompagnato da dichiarazione di conformità e ove necessario il progetto.
Però tutto dipende dagli accordi che si prendono tra le parti.

Lucaiac89 ha scritto:
2- Per quanto riguarda la rete dati (e qui mi scuso davvero ma sugli impianti speciali sono piuttosto limitato per questioni di formazione) mi è stato richiesto semplicemente di spostare l'attuale cablaggio (che risulta piuttosto disordinato e raffazzonato) in un Rack dati (che immagino diventerà di fatto il centrostella) e che gestirà tutta la rete aziendale. Qui vorrei chiedere cosa è necessario a livello di progetto? io avevo pensato ad uno schema a blocchi ed eventualmente degli schemi funzionali di collegamento. Ci sono delle tecnologie più evolute che potrei prendere in considerazione?



Normalmente io mi preoccupo delle predisposizioni.
Non entro nel merito della progettazione della rete dati, perché non è il mio mestiere.


Lucaiac89 ha scritto:3- In base a ciò che ho scritto dovrei fare un'offerta economica ma sono in difficoltà, riuscite a darmi un'idea di quali sono i prezzi delle notule per lavori analoghi?


Come detto da Foto UtenteNSE innanzitutto chiarisciti le idee su "cosa devi fare", relazione, disegni, valutazioni del rischi derivante da scariche atmosferiche, zonizzazioni atex, ecc.

Poi fai una stima del tempo che dovrai dedicare al lavoro, stabilisci un tuo costo orario e il gioco è fatto.
All'inizio della tua carriera prenderai delle cantonate, ma non disperare, si impara dagli errori (solo quando parliamo di fatture, quando invece parliamo di progettazione non sono ammessi errori nemmeno ai principianti :D ).
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
3.793 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2875
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

0
voti

[6] Re: Adeguamento impianto elettrico e compenso

Messaggioda Foto UtenteLucaiac89 » 24 nov 2021, 18:59

Grazie a tutti per le preziose risposte.

Purtroppo ricominciare da 0 non è semplice e quindi mi trovo ad affrontare la professione prendendo discrete palate in faccia.

si impara dagli errori (solo quando parliamo di fatture, quando invece parliamo di progettazione non sono ammessi errori nemmeno ai principianti :D )
sicuramente farò il possibile per non fare errori ma l'inesperienza inevitabilmente mi penalizza.

Diciamo che in pochi mi incentivano a continuare su questa strada ma a me piace e spero di riuscire a diventare abbastanza bravo un domani.

E' un tuo cliente fidelizzato? E' persona di fiducia? Il committente finale è serio?

Ci conosciamo da non molto tempo ma sembra una brava persona, non me la sento di prendergli troppo e non credo di potermelo permettere essendo alle prime armi. #-o :cry:
Avatar utente
Foto UtenteLucaiac89
0 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 19 lug 2021, 10:35

1
voti

[7] Re: Adeguamento impianto elettrico e compenso

Messaggioda Foto UtenteNSE » 24 nov 2021, 19:26

Lucaiac89 ha scritto:Ci conosciamo da non molto tempo ma sembra una brava persona, non me la sento di prendergli troppo e non credo di potermelo permettere essendo alle prime armi. #-o :cry:


Come apri la partita IVA ti trasformi magicamente da tecnico a imprenditore, quindi o ti cresce il pelo sullo stomaco o ti casca dalla testa dalla disperazione! :D Evita questo approccio, o non ne vieni fuori.
Altrove. .Volutamente Anonimo
Avatar utente
Foto UtenteNSE
2.237 5 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 712
Iscritto il: 30 nov 2014, 18:25

0
voti

[8] Re: Adeguamento impianto elettrico e compenso

Messaggioda Foto UtenteLucaiac89 » 25 nov 2021, 9:03

NSE ha scritto:
Lucaiac89 ha scritto:Ci conosciamo da non molto tempo ma sembra una brava persona, non me la sento di prendergli troppo e non credo di potermelo permettere essendo alle prime armi. #-o :cry:


Come apri la partita IVA ti trasformi magicamente da tecnico a imprenditore, quindi o ti cresce il pelo sullo stomaco o ti casca dalla testa dalla disperazione! :D Evita questo approccio, o non ne vieni fuori.


E' un bel bagno di sangue all'inizio soprattutto economicamente :D incrociamo le dita e grazie ancora a tutti! Electroyou è stato il mio farò durante il periodo dell'Università e continua ad esserlo oggi
Avatar utente
Foto UtenteLucaiac89
0 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 19 lug 2021, 10:35

2
voti

[9] Re: Adeguamento impianto elettrico e compenso

Messaggioda Foto Utentebrabus » 25 nov 2021, 9:27

Lucaiac89 ha scritto:Grazie a tutti per le preziose risposte.

Purtroppo ricominciare da 0 non è semplice e quindi mi trovo ad affrontare la professione prendendo discrete palate in faccia.


Non preoccuparti, poi peggiora :ok:

Lucaiac89 ha scritto:Ci conosciamo da non molto tempo ma sembra una brava persona, non me la sento di prendergli troppo e non credo di potermelo permettere essendo alle prime armi. #-o :cry:


Facendo un prezzo di favore non si aiuta nessuno. L'unica cosa che conta è il valore che si sta generando. Un cliente soddisfatto non pensa di aver speso tanto o poco; allo stesso modo, un cliente deluso non trova alcuna compensazione nel fatto di aver speso meno.

In altre parole:
Nessuno ha mai detto: "Sono felice per aver speso meno".
Nessuno ha mai detto: "Il lavoro fa schifo però in compenso ho speso poco".
Molti hanno invece detto: "Questo fornitore costa tanto, ma vale ogni centesimo".

Il prezzo va calibrato adeguatamente e non ha bisogno di essere giustificato. L'unica cosa che conta è il risultato.

Ricorda poi una cosa importantissima: nel mondo del commercio, se qualcosa viene regalato, significa che non ha valore.
Alberto.
Avatar utente
Foto Utentebrabus
21,3k 4 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2998
Iscritto il: 26 gen 2009, 15:16

0
voti

[10] Re: Adeguamento impianto elettrico e compenso

Messaggioda Foto UtenteLucaiac89 » 25 nov 2021, 11:55

brabus ha scritto:
Lucaiac89 ha scritto:Grazie a tutti per le preziose risposte.

Purtroppo ricominciare da 0 non è semplice e quindi mi trovo ad affrontare la professione prendendo discrete palate in faccia.


Non preoccuparti, poi peggiora :ok:

Lucaiac89 ha scritto:Ci conosciamo da non molto tempo ma sembra una brava persona, non me la sento di prendergli troppo e non credo di potermelo permettere essendo alle prime armi. #-o :cry:


Facendo un prezzo di favore non si aiuta nessuno. L'unica cosa che conta è il valore che si sta generando. Un cliente soddisfatto non pensa di aver speso tanto o poco; allo stesso modo, un cliente deluso non trova alcuna compensazione nel fatto di aver speso meno.

In altre parole:
Nessuno ha mai detto: "Sono felice per aver speso meno".
Nessuno ha mai detto: "Il lavoro fa schifo però in compenso ho speso poco".
Molti hanno invece detto: "Questo fornitore costa tanto, ma vale ogni centesimo".

Il prezzo va calibrato adeguatamente e non ha bisogno di essere giustificato. L'unica cosa che conta è il risultato.

Ricorda poi una cosa importantissima: nel mondo del commercio, se qualcosa viene regalato, significa che non ha valore.


Concordo al 100% il problema è capire come va il mercato, essendo alle prime armi il rischio è quello di essere fuori prezzo.
Mi vendo a 20€/h e nonostante tutto prendo delle cantonate assurde, andando a perdere ovviamente visto che devo ex novo rifarmi tutti gli standard (planimetrie, schemi elettrici relazioni ecc...) vedremo come va ma se continuo così sarà dura pagare il mutuo e la macchina.
#-o #-o
Avatar utente
Foto UtenteLucaiac89
0 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 19 lug 2021, 10:35

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 60 ospiti