Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Consiglio su utilizzo di inverter per motore trifase

Trasformatori, macchine rotanti ed azionamenti

Moderatori: Foto UtenteSandroCalligaro, Foto Utentefpalone, Foto Utentemario_maggi

0
voti

[1] Consiglio su utilizzo di inverter per motore trifase

Messaggioda Foto Utentemibe » 31 ott 2021, 17:58

Buonasera a tutti,
vi scrivo per chiedere consiglio su come far avviare questo motore pompa trifase con i dati di targa riportati sulla foto allegata.
Mi richiedono di avviarlo con rampa di accelerazione e di fermarlo con rampa di decelerazione, e poi ovviamente tutte le sicurezze necessarie termica, magnetica e pulsante blocco emergenza. Può essere che in futuro serva un controllo di velocità, ma questo al momento non è richiesto.
Alla luce di questo pensavo quindi di utilizzare un inverter per motori in modo di poter creare le rampe e, a valle dell'inverter e a monte del motore, un salvamotore in modo da regolare bene l'intervento termico.
L'alimentazione dell'inverter può essere trifase 220 volt oppure monofase, sono disponibili entrambe.
Il mio problema è che non ho mai utilizzato un inverter e quindi volevo chiedervi dei consigli:
1) in commercio ce ne sono tanti, ma volevo scegliere una marca affidabile: avete suggerimenti ?
2) in seconda battuta mi interessava, molto, prendere un modello/marca che fosse facile/intuitivo da programmare con istruzioni chiare, magari se qualcuno ha esperienza su questo mi può dare qualche indicazione.
3)Per questo motore da 0,75kw pensavo di acquistare un inverter di 1,2 kW o pensate che sia opportuno prenderlo anche più potente ?
4) Per il salvamotore pensavo di prenderlo con regolazione della termica da 3,5 a 5-6 A ad esempio un modello come questo https://it.rs-online.com/web/p/protezio ... ri/7061816, ma anche su questo accetto consigli da chi magari li usa spesso.
Altri consigli sul tema sono molto graditi.
Ringrazio in anticipo tutti quelli che mi vorranno rispondere.
Allegati
pompa trifase 2.jpg
Avatar utente
Foto Utentemibe
20 3
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 6 nov 2013, 13:54

0
voti

[2] Re: Consiglio su utilizzo di inverter per motore trifase

Messaggioda Foto Utentelucaking » 1 nov 2021, 11:32

Scusate, una curiosità:
mibe ha scritto:L'alimentazione dell'inverter può essere trifase 220 volt oppure monofase, sono disponibili entrambe.

Viene ancora distribuita la 220 trifase o stai usando un trasformatore trifase 380/220?
Avatar utente
Foto Utentelucaking
1.293 3 5 8
Expert
Expert
 
Messaggi: 1160
Iscritto il: 29 mag 2015, 14:28

1
voti

[3] Re: Consiglio su utilizzo di inverter per motore trifase

Messaggioda Foto Utentemir » 1 nov 2021, 12:00

Se hai disponibile la tensione di alimentazione trifase (400 V 50 Hz) prendila in considerazione, per quanto riguarda l'avviamento del motore come hai descritto :
mibe ha scritto:Mi richiedono di avviarlo con rampa di accelerazione e di fermarlo con rampa di decelerazione, e poi ovviamente tutte le sicurezze necessarie termica, magnetica e pulsante blocco emergenza.
può essere sufficiente un soft-start, con relativa protezione magnetotermica.
Se invece hai bisongno anche di
mibe ha scritto:..un controllo di velocità..

devi optare per un inverter opportunamente configurato, premesso che il controllo di velocità dovrà esser fatto dal sistema di funzionamento/gestione del motore, a meno di non volerlo fare in manuale a campo.
mibe ha scritto:.. volevo scegliere una marca affidabile: avete suggerimenti ?

costruttori di inverter ce ne sono diversi, ed in genere sono tutti affidabili; omron,siemens,abb,danfoss,mitsubushi,toshiba ... e si equivalgono come funzioni, differiscono per costo e modalità di programmazione, fermo restando che sono tutti corredati di rispettivo manuale ed in genere hanno un buon supporto online.
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
64,0k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 21301
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[4] Re: Consiglio su utilizzo di inverter per motore trifase

Messaggioda Foto Utentedaniele74 » 2 nov 2021, 13:10

Rispondendo alle tue domande:
1) ti hanno già risposto, in ogni caso aggiungo la marca Delta...
2)generalmente gli inverters sono impostati di fabbrica per funzionare con motori 400V 50Hz, oppure se sono 230V, 230V 50 Hz. Quindi se ti sinceri di questo puoi collegare la pompa direttamente e vedere che in rampa raggiunga la velocità nominale. Questo è molto semplice.
3) dimensiona sempre l'inverter sulla corrente non sui kW, quindi compra un inverter con una corrente nominale di almeno 3.6 A (se leggo bene sulla targhetta), non hai bisogno di sovradimensionare l'inverter perché la pompa è un carico che non necessita di sovraccarichi.
4) Mai collegare un salvamotore tra inverter e motore o rischi che un suo intervento inopportuno danneggi l'inverter. Il salvamotore se lo vuoi montare va solo a monte dell'inverter.
Avatar utente
Foto Utentedaniele74
10 3
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 12 mag 2021, 10:23

0
voti

[5] Re: Consiglio su utilizzo di inverter per motore trifase

Messaggioda Foto Utentemibe » 4 nov 2021, 11:24

Buongiorno,
per lucaking:
si mi dicono che probabilmente il trifase è 380 e non 220, per questo prima di procedere andrò a fare una misura prima di acquistare il materiale.
per mir:
grazie dei suggerimenti credo che alla fine prenderò un inverter trifase di una di queste marche e mi accerterò che ci siano già dei programmi preimpostati in modo da cambiare eventualmente solo i parametri che ci interessano.
per daniele74:
3) Io pensavo di prendere un inverter tenendo conto del cosfi e del rendimento di questo motore, che tra l'altro visto che è un piccolo motore probabilmente ha rendimento piuttosto basso (credo intorno al 70 %), comunque questo non sarà un problema anche se lo prendo un po' più grande andrà comunque bene. Questo comunque è un impianto sperimentale che verrà utilizzato solo per misure e simulazioni per la tesi di un dottorando, finito il dottorato è probabile che il sistema venga riconvertito e quindi l'inverter usato per altri scopi o altri motori, comprandolo un po' più grande potrà essere più versatile.
4) Posso capire che l'inverter preferisca vedere il carico diretto del motore, però da quello che so l'inverter prima fa una conversione tensione alternata/continua e poi riconverte in alternata controllando la tensione della forma d'onda e la frequenza, quindi se io metto il salvamotore prima dell'inverter mi aspetto che non mi controlli direttamente la corrente di intervento termica e magnetica sul motore. A questo punto forse conviene togliere il salvamotore e mettere solo dei fusibili fra inverter e motore, oppure (non so se è possibile) programmare sull'inverter un intervento di protezione direttamente sulla sua corrente di uscita. Perdona la mia inesperienza su questo campo, ma vorrei fare delle scelte consapevoli in modo da poter eventualmente affrontare eventuali problematiche del sistema.
Su queste problematiche mi piacerebbe approfondire, quindi ringrazio in anticipo chi vorrà continuare a rispondermi.
Avatar utente
Foto Utentemibe
20 3
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 6 nov 2013, 13:54

0
voti

[6] Re: Consiglio su utilizzo di inverter per motore trifase

Messaggioda Foto Utentedaniele74 » 5 nov 2021, 9:20

riguardo al punto 4:
se vuoi proteggere il motore visto che sarà più piccolo dell'inverter a quanto dici puoi impostare una corrente massima ed un tempo di intervento in modo da creare una funzione Ixt sull'inverter che ti segnalerà allarme di "sovraccarico motorico" al superamento della soglia e del tempo.
Più o meno tutti gli inverters degni di questo nome hanno questa funzione.
Tieni però conto che la protezione sul motore fatta dall'inverter non è mai sicura al 100%, il 100% della sicurezza te la dà solo un sensore termico sul motore tipo PTC o altro.
Tra inverter e motore non devi mettere assolutamente niente, tanto meno dei fusibili! Ti ripeto se intervengono i fusibili mentre l'inverter è abilitato si potrebbe guastare!
Avatar utente
Foto Utentedaniele74
10 3
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 12 mag 2021, 10:23

0
voti

[7] Re: Consiglio su utilizzo di inverter per motore trifase

Messaggioda Foto Utentemibe » 5 nov 2021, 11:07

Buongiorno Daniele,
grazie della tua risposta, ieri sera guardando il manuale di questo inverter(Allen Bradley, 1,5 kW, 400 V c.a., 3 fasi, 400Hz cod.22F-D4P2N113) che probabilmente sceglierò ho trovato conferma a quanto mi dicevi, infatti anche sul manuale raccomandano che la protezione magnetotermica del motore venga fatta a monte dell'inverter e che fra motore e inverter non ci deve essere assolutamente niente. Inoltre avevo visto che era possibile, impostando dei parametri, limitare la corrente di sovraccarico del motore. Quindi mi hai perfettamente convinto. Non vorrei approfittare troppo della tua disponibilità, ma io avrei ancora delle domande:
1) Si sa che gli inverter sono fonte di disturbi elettromagnetici, e per questo ho previsto che tutti i cavi sia di alimentazione che di controllo siano schermati, inoltre installerò salvamotore e inverter in un contenitore metallico (dove non ci sarà altro) che sarà ovviamente messo a terra e schermato ed infine i cavi di collegamento fra inverter e motore saranno lunghi solo 2 o 3 metri. Secondo te può essere sufficiente per non avere disturbi su alcuni sensori analogici con uscita 0- 10 volt e che saranno convertiti a 12 bit quindi con risoluzione intorno a 2,5 mVolts: non mi aspetto di sfruttare la max risoluzione, ma magari avere disturbi che non superino i 10- 20 mVolts non sarebbe male. Questa mi sembra una domanda difficile, ma magari tu che hai esperienza di sarai fatto un'idea su quanto gli inverter possano sporcare i segnali.
2) Nell'eventualità che in futuro si voglia utilizzare un altro motore gemello del primo è possibile collegarlo in parallelo e utilizzare un solo inverter (naturalmente di adeguato corrente) ?
Grazie infinite per le risposte preziose.
Avatar utente
Foto Utentemibe
20 3
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 6 nov 2013, 13:54

0
voti

[8] Re: Consiglio su utilizzo di inverter per motore trifase

Messaggioda Foto Utentedaniele74 » 8 nov 2021, 10:18

rispondendo alle tue domande:
1) non ti so dire se avrai problemi di disturbi oppure no ai sensori analogici. Naturalmente gli inverters sono generatori di disturbi, ma è vero anche che questi si manifestano più o meno intensamente a seconda dell'"ambiente" della macchina. Tanto incide il modo in cui è fatto il quadro elettrico, cavi schermati, messe a terra efficaci, passaggio di cavi di segnale lontano dai cavi della potenza, ecc... comunque per stare dalla parte dei bottoni, potresti collegare un filtro EMC a monte dell'inverter, il codice del filtro e le caratteristiche lo troverai senz'altro nel manuale Allen Bradley dell'inverter.
2) si certo è possibile, fai la somma delle correnti dei motori collegati e ci colleghi un inverter con una corrente nominale pari al totale.
Avatar utente
Foto Utentedaniele74
10 3
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 12 mag 2021, 10:23


Torna a Macchine elettriche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti