Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Rilevatore presenza ad incasso.

Circuiti, campi elettromagnetici e teoria delle linee di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteEdmondDantes

0
voti

[1] Rilevatore presenza ad incasso.

Messaggioda Foto UtenteTITAN » 26 set 2021, 15:22

Sono qui a chiedere soprattutto agli installatori se esiste un rilevatore ad incasso ad 1 posizione dove sia possibile dare un ritardo all'eccitazione (lascio sempre la porta aperta del bagno e non vorrei partisse ad ogni passaggio sul corridoio) mentre se entro effettivamente nel bagno si accenda la luce un paio di secondi dopo. Questo era il primo punto e invece il secondo sarebbe di poter regolare a piacimento la temporizzatore.
Sul secondo punto ho solo un dubbio e cioè se il rilevatore è di tipo radar o infrarosso perché nel caso radar se si vuole far ripartire il timer basta muovere un braccio ma se è infrarosso credo che ti "veda sempre".
C'è qualche anima pia che può dissipare i miei dubbi ?
Avatar utente
Foto UtenteTITAN
804 2 3 5
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 1106
Iscritto il: 31 dic 2012, 20:22

0
voti

[2] Re: Rilevatore presenza ad incasso.

Messaggioda Foto Utentenicsergio » 27 set 2021, 18:32

Io ho visto usare spesso questo a raggi infrarossi di Vimar, che però non ha il ritardo sulla partenza.
♫♪♫ ƎlectroYou ♫♪♫
⊲∎⊳ ━❍────── ∞
VOLUME : ▁▂▃▅▆▇ 100%
Avatar utente
Foto Utentenicsergio
3.459 1 9 13
Master
Master
 
Messaggi: 506
Iscritto il: 1 gen 2020, 16:42

0
voti

[3] Re: Rilevatore presenza ad incasso.

Messaggioda Foto UtenteEtemenanki » 27 set 2021, 19:28

Da incasso, ad infrarossi pasivi, che occupano in genere lo spazio di un paio di interruttori (ma serve controllare, magari ne hanno fatto piu piccoli) ce ne sono diverse marche e modelli, ma in genere tutti hanno solo due regolazioni, sensibilita' (poco o tanto movimento per attivarli) e tempo di ON.

Forse (ma serve averne uno in mano per aprirlo e ricavarci lo schema) se la sensibilita' viene regolata a livello di tempo prima dello scatto, si puo modificarla per aumentarla un po se gia non ti basta quella che ha al minimo (cioe' piu movimento necessario per accenderlo).

Alcuni modelli invece della sensibilita' hanno una fotoresistenza, e la seconda regolazione e' per evitare che entrino in funzione se c'e' gia abbastanza luce, serve uno di quelli con la sensibilita' per fare dei test.

Poi, come tutti i PIR, se non ti muovi non ti "vede", il sensore rileva la variazione fra gli elementi sensibili, non la semplice presenza (e' anche il motivo per cui sono sempre coperti da una lente a bolle o a sezioni, per rendere le variazioni piu pronunciate e rilevarle meglio), per cui se non ti muovi e' come se non ci fossi per lui.
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.
Avatar utente
Foto UtenteEtemenanki
1.263 1 4 5
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 865
Iscritto il: 2 apr 2021, 23:42
Località: Dalle parti di un grande lago ... :)

0
voti

[4] Re: Rilevatore presenza ad incasso.

Messaggioda Foto UtenteTITAN » 27 set 2021, 21:00

nicsergio ha scritto:Io ho visto usare spesso questo a raggi infrarossi di Vimar, che però non ha il ritardo sulla partenza.


Il ritardo a partire mi sa che è duro ad avere.visto oggi in bottega comodo da regolare ma ho ordinato un altro "finder" 1 posizione a scomparsa ossia coperto da un coperchietto e di brutto ha che le regolazioni luce e tempo sono posteriori.

Magari quando arriva posso foto.grazie.
Avatar utente
Foto UtenteTITAN
804 2 3 5
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 1106
Iscritto il: 31 dic 2012, 20:22

0
voti

[5] Re: Rilevatore presenza ad incasso.

Messaggioda Foto UtenteTITAN » 27 set 2021, 21:03

Etemenanki ha scritto:Da incasso, ad infrarossi pasivi, che occupano in genere lo spazio di un paio di interruttori (ma serve controllare, magari ne hanno fatto piu piccoli) ce ne sono diverse marche e modelli, ma in genere tutti hanno solo due regolazioni, sensibilita' (poco o tanto movimento per attivarli) e tempo di ON.

Forse (ma serve averne uno in mano per aprirlo e ricavarci lo schema) se la sensibilita' viene regolata a livello di tempo prima dello scatto, si puo modificarla per aumentarla un po se gia non ti basta quella che ha al minimo (cioe' piu movimento necessario per accenderlo).

Alcuni modelli invece della sensibilita' hanno una fotoresistenza, e la seconda regolazione e' per evitare che entrino in funzione se c'e' gia abbastanza luce, serve uno di quelli con la sensibilita' per fare dei test.

Poi, come tutti i PIR, se non ti muovi non ti "vede", il sensore rileva la variazione fra gli elementi sensibili, non la semplice presenza (e' anche il motivo per cui sono sempre coperti da una lente a bolle o a sezioni, per rendere le variazioni piu pronunciate e rilevarle meglio), per cui se non ti muovi e' come se non ci fossi per lui.

Ne ho ordinato 1 appena arriva proverò a giocarci anche se ad aprirlo non sarà facile.
Vedo se riuscirò ad usarlo con profitto. Terrò aggiornamento sul lavoro.grazie.
Avatar utente
Foto UtenteTITAN
804 2 3 5
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 1106
Iscritto il: 31 dic 2012, 20:22

0
voti

[6] Re: Rilevatore presenza ad incasso.

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 27 set 2021, 23:44

Etemenanki ha scritto: ...lente a bolle o a sezioni...

Lente di Fresnel?
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
18,0k 4 7 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 12481
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[7] Re: Rilevatore presenza ad incasso.

Messaggioda Foto UtenteEtemenanki » 28 set 2021, 0:31

Non proprio ma simile ... le lenti di Fresnel di solito sono lenti singole composte da una serie di rilievi prismatici circolari con la faccia inclinata che riporta la curvatura della lente finale voluta, in questo modo si puo costruire una lente con lunghezza focale e diottria equivalente ad una molto spessa e pesante, ma realizzata piu leggera e sottile, mentre queste a sezioni possono avere qualsiasi disposizione, e sono composte da tante lenti affiancate secondo diversi possibili schemi, tipo per fare un esempio gli occhi composti degli insetti (poi in molti casi ognuna di queste piccole lenti e' anche una lente di Fresnel, ma solo per risparmiare materiale, peso e spessore)

Lo scopo e' creare una maschera di punti piu o meno "illuminati" che si muovono attraverso gli elementi del sensore mentre la fonte di "luce" (IR) si sposta ... considera che i primi sensori PIR al posto delle lenti avevano semplici griglie di fori per ottenere lo stesso effetto, ma ovviamente le lenti sono molto piu efficenti ed aumentano la sensibilita'.
"Sopravvivere" e' attualmente l'unico lusso che la maggior parte dei Cittadini italiani,
sia pure a costo di enormi sacrifici, riesce ancora a permettersi.
Avatar utente
Foto UtenteEtemenanki
1.263 1 4 5
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 865
Iscritto il: 2 apr 2021, 23:42
Località: Dalle parti di un grande lago ... :)

0
voti

[8] Re: Rilevatore presenza ad incasso.

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 28 set 2021, 8:53

:ok:
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
18,0k 4 7 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 12481
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36


Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti