Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Scelta e dimensionamento SPD per abitazione

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Scelta e dimensionamento SPD per abitazione

Messaggioda Foto UtenteAxeldt » 9 set 2021, 18:55

Buonasera, scrivo questo mio primo messaggio per chiedervi consiglio riguardo la scelta degli scaricatori di sovratensioni (SPD) da installare in un'abitazione.

- La struttura è autoprotetta secondo CEI 81-1
- La linea elettrica entrante è interrata dal palo ENEL al quadro principale dell'abitazione, per un totale di circa 80-90 m, con il contatore posto circa a metà distanza
- La densità di fulminazione della zona (Ng) è pari o maggiore a 4 fulmini/km^2 anno
- La volontà è quella di proteggere, oltre alle persone, il contenuto dell'abitazione (pompe di calore, elettrodomestici, dispositivi elettronici, ecc.)
- È presente un impianto fotovoltaico sul tetto dell'abitazione e una pertinenza a circa 30 m (alimentata dallo stesso quadro elettrico principale)
- Per quanto riguarda il fotovoltaico, nel quadro di generatore sono già installati i seguenti dispositivi:
SPD tipo 2 (OBO V20-C) In 20kA Imax 40kA Up <1,3kV;
SPD tipo 1+2 (OBO C25-B+C N-PE) In 30kA Imax 50kA Iimp 25kA Up <1,2kV
mentre nel quadro di campo:
3x SPD tipo 2 (Cabur BY7-40) In 20kA Imax 40kA Up <=2,5kV in configurazione "a Y"

I miei dubbi:
1) Trattandosi di linea elettrica entrante interrata ma per un tratto inferiore a 150 m, dovrei considerare il rischio di fulminazione diretta della linea è quindi installare un SPD tipo 1 (o 1+2)? L'installazione avverrebbe nel quadro principale, a circa 40 m dal contatore.
2) Nella pertinenza dovrei installare comunque un SPD tipo 2 (oltre che nell'abitazione). È corretto?
3) Per il dimensionamento delle correnti di fulminazione, a cosa devo fare riferimento?

O_/
Axel
Avatar utente
Foto UtenteAxeldt
0 2
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 8 set 2021, 19:17

0
voti

[2] Re: Scelta e dimensionamento SPD per abitazione

Messaggioda Foto Utenteadmin » 22 apr 2022, 12:23

Riporto in vista questo post, cui nessuno ha risposto, perché mi piacerebbe sentire come si comporta chi installa SPD. Ad esempio per una abitazione io ne installerei uno di tipo 2 nel quadro generale ed un altro, sempre di tipo due nel quadro caldaia con pompa di calore
Avatar utente
Foto Utenteadmin
189,6k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11613
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

1
voti

[3] Re: Scelta e dimensionamento SPD per abitazione

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 22 apr 2022, 12:34

Come ha giustamente accennato Foto UtenteAxeldt bisogna prima valutare se è opportuno proteggere la linea dalla fulminazione diretta, in questo caso va installato anche uno SPD di tipo 1.
Poi SPD di tipo 2 nel centralino di distribuzione e altri SPD tipo 2 sui carichi "costosi" se sono più lontani di 10-20 m dal centralino.

La CEI 81-1 è stata ritirata nel 2007
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
9.168 4 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 3532
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[4] Re: Scelta e dimensionamento SPD per abitazione

Messaggioda Foto UtenteAxeldt » 21 mag 2022, 11:56

admin ha scritto:Ad esempio per una abitazione io ne installerei uno di tipo 2 nel quadro generale ed un altro, sempre di tipo due nel quadro caldaia con pompa di calore

Da quanto ho visto, la soluzione da te prospettata e confermata da Foto UtenteGoofy, è quella utilizzata per la protezione dal rischio di perdita economica per apparecchiature anche sotto i 10 m dall'SPD tipo 2 principale. Si trovano anche SPD tipo 2+3 modulari per una protezione "fine", da utilizzare pressoché in corrispondenza dell'alimentazione dell'apparecchiatura da proteggere.

Goofy ha scritto:bisogna prima valutare se è opportuno proteggere la linea dalla fulminazione diretta, in questo caso va installato anche uno SPD di tipo 1.

Nelle guide alla scelta del tipo di SPD da installare i produttori differenziano solo in base a "linea aerea" (quindi almeno SPD tipo 1) oppure "linea interrata" (SPD tipo 2). ABB in una guida se non erro indica in 150 m la lunghezza al di sotto della quale anche una linea interrata deve essere considerata aerea ai fini della protezione dalla fulminazione diretta (e quindi almeno SPD tipo 1).

Nell'esperienza pratica in ambito residenziale, come si comportano gli installatori (nel caso di assenza di necessità di progetto) per la scelta dell'SPD tipo 1 in caso di linea interrata (anche solo per poche decine di metri)?
Avatar utente
Foto UtenteAxeldt
0 2
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 8 set 2021, 19:17


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 54 ospiti