Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Alimentare carico resistivo da 500W

Tecniche per la costruzione e la riparazione di apparecchiature elettriche e non. Ricerca guasti. Adattamenti e riutilizzazioni
0
voti

[21] Re: Alimentare carico resistivo da 500W

Messaggioda Foto Utentevisco » 5 ago 2021, 12:41

edgar ha scritto:Opinione personale: quello che non c'è non si può rompere, se hai un PID ben fatto può bastare una sola resistenza


Sono d'accordissimo con la sua opinione riguardo la componentistica, ma non credo che una resistenza da 500W sia sufficiente a cucinare in tempi accettabili.
Avatar utente
Foto Utentevisco
0 2
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 2 ago 2021, 17:08

0
voti

[22] Re: Alimentare carico resistivo da 500W

Messaggioda Foto UtenteGioArca67 » 5 ago 2021, 13:33

comunque anche per raggiungere 65 gradi servono circa 2,3 kW, la temperatura dell'acqua di acquedotto è circa 15 gradi.
Avatar utente
Foto UtenteGioArca67
1.758 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1626
Iscritto il: 12 mar 2021, 9:36

0
voti

[23] Re: Alimentare carico resistivo da 500W

Messaggioda Foto Utenteedgar » 5 ago 2021, 15:03

visco ha scritto:non credo che una resistenza da 500W sia sufficiente a cucinare in tempi accettabili.

Forse non sono riuscito a spiegarmi: inutile mettere una resistenza più piccola quando il PID parzializzerà quella grande.
Avatar utente
Foto Utenteedgar
8.790 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 4463
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[24] Re: Alimentare carico resistivo da 500W

Messaggioda Foto Utentevisco » 5 ago 2021, 15:41

GioArca67 ha scritto:comunque anche per raggiungere 65 gradi servono circa 2,3 kW, la temperatura dell'acqua di acquedotto è circa 15 gradi.


Quindi diciamo che vanno bene anche 2kW, invece di 30 minuti ne impiego 34, che non rappresenta un particolare problema.

edgar ha scritto:Forse non sono riuscito a spiegarmi: inutile mettere una resistenza più piccola quando il PID parzializzerà quella grande.


Temo di essermi spiegato male, il funzionamento è quello di un automa a stati finiti: fase di riscaldamento, fase di mantenimento, fase di stop.

Nella fase di riscaldamento agiscono entrambe le resistenze, in quella di mantenimento solo quella da 500W, in quella di stop gli attuatori sono spenti.

Piccola parentesi:

Facendo i conti (grazie anche a GioArca67) ho pensato che potrebbe avere senso diminuire lievemente il quantitativo di acqua da riscaldare per evitare di aumentare troppo la potenza delle resistenze, rischiando di far rimanere al buio la mia famiglia ogni volta che devo cucinare qualcosa (anche se questo problema si potrebbe risolvere utilizzando due resistenze da 1kW in parallelo attive nella prima fase e parzializzando una delle due in cottura così da poter tornare ai 20L se necessario).
Avatar utente
Foto Utentevisco
0 2
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 2 ago 2021, 17:08

0
voti

[25] Re: Alimentare carico resistivo da 500W

Messaggioda Foto UtenteGioArca67 » 5 ago 2021, 16:46

Ma per la cottura poi non servono svariate ore? Tipo 12 per la carne?
Avatar utente
Foto UtenteGioArca67
1.758 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1626
Iscritto il: 12 mar 2021, 9:36

0
voti

[26] Re: Alimentare carico resistivo da 500W

Messaggioda Foto Utenteedgar » 5 ago 2021, 17:39

Dipende da cosa, quanto e come cuoci. La mia slow cooker da 6 litri è data per 300 W. Una coppia di stinchi di maiale cuocerebbe in una decina di ore in posizione "high" ma si può usare la posizione "low" con tempi maggiori.
Altri cibi / quantità possono avere tempi diversi
Avatar utente
Foto Utenteedgar
8.790 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 4463
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[27] Re: Alimentare carico resistivo da 500W

Messaggioda Foto UtenteGioArca67 » 5 ago 2021, 18:15

Ma allora non si fa prima a metterlo nello scaldabagno?
Avatar utente
Foto UtenteGioArca67
1.758 2 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 1626
Iscritto il: 12 mar 2021, 9:36

0
voti

[28] Re: Alimentare carico resistivo da 500W

Messaggioda Foto Utentevisco » 6 ago 2021, 12:16

GioArca67 ha scritto:Ma allora non si fa prima a metterlo nello scaldabagno?


Ci sarebbe uno spreco d'acqua non indifferente direi, però bella idea.
Le cotture variano in base al grado di cottura voluto, alla texture (la cottura sotto vuoto tende a rovinare il preparato) che si vuole ottenere e alla quantità di grassi (soprattutto alla qualità) contenuti, in questo caso, nella carne.
Avatar utente
Foto Utentevisco
0 2
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 2 ago 2021, 17:08

Precedente

Torna a Costruzione, riparazione, riutilizzo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti