Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Interfaccia Sensore Pioggia con Smartswitch

Sensori, trasduttori, regolatori...
0
voti

[41] Re: Interfaccia Sensore Pioggia con Smartswitch

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 7 lug 2022, 8:20

Per me, lo schema al post 39 con i valori indicati può funzionare.
Aggiungerei un poco di isteresi, in modo da evitare che il prossimità dell'equilibrio il LED rimanga sottoacceso.
non ho fatto i calcoli, ipotizzo una isteresi di qualche percento del fondo scala.
Collegherei un resistore da supponiamo 1 M ohm o 2,2 Mohm fra ingresso " V+" e uscita Vout e vedrei che effetto fa.
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
10,3k 5 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 5157
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[42] Re: Interfaccia Sensore Pioggia con Smartswitch

Messaggioda Foto Utentemaxiteris » 7 lug 2022, 13:22

davidde ha scritto:Non sto dicendo che sbagli ma dovresti spiegare il motivo per cui vuoi aggiungere una resistenza, indicarne il valore, ed indicare anche il valore del trimmer collegato in serie.

I valori di R3 ed R4 sono indicati nello schema entrambe 10KOhm.
La resistenza in serie è per realizzare un partitore altrimenti comunque regoli il trimmer l'ingresso V- si trova a Vcc.
Sto sbagliando?
Avatar utente
Foto Utentemaxiteris
271 1 4 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 553
Iscritto il: 11 apr 2012, 9:32

0
voti

[43] Re: Interfaccia Sensore Pioggia con Smartswitch

Messaggioda Foto Utentemaxiteris » 7 lug 2022, 13:31

MarcoD ha scritto:Per me, lo schema al post 39 con i valori indicati può funzionare.
Aggiungerei un poco di isteresi, in modo da evitare che il prossimità dell'equilibrio il LED rimanga sottoacceso.
.


Si anche io credo che funzioni... anche se non ho testato non vedo perche non dovrebbe...
L'isteresi è il passo successivo ma vorrei che analizzassimo il mio ragionamento prima...
questo perché vorrei capire se c'e un metodo di progettazione anche delle semplice "norme"
che vengono usate...per esempio nel partitore realizzato da David sull'ingresso V+ non credo sia un caso che il valore di 10KOhm per la resistenza e per la sonda NTC....
Avatar utente
Foto Utentemaxiteris
271 1 4 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 553
Iscritto il: 11 apr 2012, 9:32

1
voti

[44] Re: Interfaccia Sensore Pioggia con Smartswitch

Messaggioda Foto Utentedavidde » 8 lug 2022, 11:31

maxiteris ha scritto:La resistenza in serie è per realizzare un partitore altrimenti comunque regoli il trimmer l'ingresso V- si trova a Vcc. Sto sbagliando?

Si, con il trimmer collegato come nello schema che ho postato realizzi un partitore che ti permette di coprire tutto il campo di tensioni che va da Vcc fino a GND. In questo caso da 5V fino a 0V. Ovviamente dovrai collegarlo bene, i teminali laterali andranno uno a Vcc e l'altro a GND mentre il cursore (ovvero il pin che fa capo al contatto strisciante) andrà collegato all'ingresso del comparatore.

maxiteris ha scritto:...questo perché vorrei capire se c'e un metodo di progettazione anche delle semplice "norme"
che vengono usate...per esempio nel partitore realizzato da David sull'ingresso V+ non credo sia un caso che il valore di 10KOhm per la resistenza e per la sonda NTC....


Dai dati che avevi postato (messaggio [32]) rilevando i valori del tuo trasduttore si capisce che hai per le mani una sonda NTC da 10kohm. Io gli ho semplicemente messo in serie una resistenza da 10kohm che permette di fissare una tensione all'ingresso non invertente di 2,5V circa nel caso venga misurata una temperatura di 25°C. Oltre a questo va tenuto conto del fatto che gli ingressi del comparatore vanno a caricare i nodi introducendo errori sulle misure effettuate. Bisogna quindi, anche in modo sommario, assicurarsi che gli effetti introdotti dagli ingressi rimangano trascurabili.
Nel caso dell' LM393 il datasheet parla di una corrente di bias massima di 250nA e quindi bisogna garantire che la corrente che scorre nel partitore sia sufficientemente alta da non risentirne. Grosso modo nel ramo della sonda hai una resistenza complessiva a 25°C di 20kohm che fissa la corrente a 250µA (5/20000), essendo la corrente dell'ingresso mille volte inferiore sei certo che il nodo d'ingresso non invertente non venga caricato e quindi la misura non venga falsata.
Queste sono le semplici considerazioni che avevo fatto io per impostare i valori iniziali di partenza.

Una cosa che ad esempio non mi piace dello schema che ho postato è proprio che il trimmer così collegato permette un range di tensioni in ingresso troppo ampio, inadatto al termostato che vorresti fare. Sarebbe più elegante calcolare il trimmer e le resistenze in modo che sull'ingresso invertente tu possa variare la tensione da un valore minimo ad un massimo corrispondenti ai valori minimi e massimi delle temperature che vuoi misurare.
Avatar utente
Foto Utentedavidde
13,1k 4 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3963
Iscritto il: 2 ago 2007, 11:40
Località: Bologna

0
voti

[45] Re: Interfaccia Sensore Pioggia con Smartswitch

Messaggioda Foto Utentemaxiteris » 8 lug 2022, 14:25

davidde ha scritto: maxiteris ha scritto:
La resistenza in serie è per realizzare un partitore altrimenti comunque regoli il trimmer l'ingresso V- si trova a Vcc. Sto sbagliando?


Si, con il trimmer collegato come nello schema che ho postato realizzi un partitore che ti permette di coprire tutto il campo di tensioni che va da Vcc fino a GND.


Immaginavo ste stessi sbagliando ma la speigazione è stata utile per rivedere in funziomento del trimmer...

davidde ha scritto:Dai dati che avevi postato (messaggio [32]) rilevando i valori del tuo trasduttore si capisce che hai per le mani una sonda NTC da 10kohm. Io gli ho semplicemente messo in serie una resistenza da 10kohm che permette di fissare una tensione all'ingresso non invertente di 2,5V circa nel caso venga misurata una temperatura di 25°C. Oltre a questo va tenuto conto del fatto che gli ingressi del comparatore vanno a caricare i nodi introducendo errori sulle misure effettuate. Bisogna quindi, anche in modo sommario, assicurarsi che gli effetti introdotti dagli ingressi rimangano trascurabili.
Nel caso dell' LM393 il datasheet parla di una corrente di bias massima di 250nA e quindi bisogna garantire che la corrente che scorre nel partitore sia sufficientemente alta da non risentirne. Grosso modo nel ramo della sonda hai una resistenza complessiva a 25°C di 20kohm che fissa la corrente a 250µA (5/20000), essendo la corrente dell'ingresso mille volte inferiore sei certo che il nodo d'ingresso non invertente non venga caricato e quindi la misura non venga falsata.
Queste sono le semplici considerazioni che avevo fatto io per impostare i valori iniziali di partenza.

davidde ha scritto:Una cosa che ad esempio non mi piace dello schema che ho postato è proprio che il trimmer così collegato permette un range di tensioni in ingresso troppo ampio inadatto al termostato che vorresti fare. Sarebbe più elegante calcolare il trimmer e le resistenze in modo che sull'ingresso invertente tu possa variare la tensione da un valore minimo ad un massimo corrispondenti ai valori minimi e massimi delle temperature che vuoi misurare.

=D> Bene bella spiegazione perché non si mettono i componenti così anche se poi funziona lo stesso...


davidde ha scritto:Una cosa che ad esempio non mi piace dello schema che ho postato è proprio che il trimmer così collegato permette un range di tensioni in ingresso troppo ampio inadatto al termostato che vorresti fare. Sarebbe più elegante calcolare il trimmer e le resistenze in modo che sull'ingresso invertente tu possa variare la tensione da un valore minimo ad un massimo corrispondenti ai valori minimi e massimi delle temperature che vuoi misurare.


Questo infatti era un aspetto che mi sembravo non approfondito adeguatamente ... quindi adesso provo a fare questi calcoli, poi li vediamo ed a qual punto possiamo passare alla isteresi.

Un sola cosa Foto Utentedavidde in merito ai calcoli che ho svolto ( parte i valori delle reistenze) puoi aggiungere qualcosa?

NEXT STEP

Calcolare il trimmer e le resistenze in modo che sull'ingresso invertente tu possa variare la tensione da un valore minimo ad un massimo corrispondenti ai valori minimi e massimi delle temperature che vuoi misurare.
Vi faccio sapere
Avatar utente
Foto Utentemaxiteris
271 1 4 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 553
Iscritto il: 11 apr 2012, 9:32

1
voti

[46] Re: Interfaccia Sensore Pioggia con Smartswitch

Messaggioda Foto Utentedavidde » 8 lug 2022, 16:02

maxiteris ha scritto: Un sola cosa Foto Utentedavidde in merito ai calcoli che ho svolto (parte i valori delle reistenze) puoi aggiungere qualcosa?

maxiteris ha scritto:...questo perché vorrei capire se c'e un metodo di progettazione anche delle semplice "norme" che vengono usate..


Mi perdo nei tuoi calcoli... non saprei cosa aggiungere... L'impressione che ho però è che tu stia cercando nella matematica una sorta di conforto. Nel senso:" non so bene cosa fare ma se trovo le equazioni sono a posto, dopo fan tutto loro".
Io credo che prima di arrivare a questo importante passaggio sia fondamentale sforzarsi per approfondire il senso di ciò che si vuole fare. Prima, fossi in te, lavorerei di fantasia sforzandomi per prevedere il risultato finale valutando limiti e vantaggi che le diverse soluzioni possono offrire. Mi raccomando, non vuole essere una critica ma piuttosto un suggerimento. Prima, secondo me, è sempre bene guardare il problema da lontano e in modo più generale, poi in una fase avanzata si scende nei particolari per approfondire ogni dettaglio.

Per esempio, io inizierei fissando e dichiarando tutte le specifiche che vorrei il termostato soddisfacesse (tensione di alimentazione, range di temperatura, tipo di uscita, etc.) e di lì partirei per discutere le soluzioni possibili.
Avatar utente
Foto Utentedavidde
13,1k 4 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3963
Iscritto il: 2 ago 2007, 11:40
Località: Bologna

0
voti

[47] Re: Interfaccia Sensore Pioggia con Smartswitch

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 8 lug 2022, 16:57

Condivido quanto scritto da Foto Utentedavidde.

Aggiungo: Prova a utilizzare per il trimmer al posto del valore di 10k, i valori di 100k e 1M ohm.
Cosa cambia? Di quanto varia l'assorbimento dall'alimentazione +5V per le varie condizioni e per i vari valori?

Per l'isteresi, se il termistore NTC è connesso al circuito con cavetti di quanche metro, è possibile che si inducano dei disturbi da parte del campo magnetico a 50 Hz degli eventuali alimentatori/dispositivi presenti?
Cosa possono provocare?

Nello schema evidenzia le connessioni dell'alimentazione e riporta il numero dei piedini conessi.

L'uscita è proprio solo il LED ?
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
10,3k 5 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 5157
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

Precedente

Torna a Sensoristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti