Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Potenza contatore in funzione della corrente di saldatura

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Potenza contatore in funzione della corrente di saldatura

Messaggioda Foto Utenteclorofabio » 4 lug 2021, 11:13

Salve a tutti ho riflettuto a lungo se e come scrivere questo nuovo argomento però poi...
Andando immediatamente al sodo, in vista di un lavoro in ferro che dovrei fare, mi occorre sapere fino a quanti Ampère posso "spingere" la mia saldatrice inverter a elettrodo con una normale fornitura ENEL da 3 kW. Dunque, il mio obiettivo è (se è possibile) quello di realizzare un grafico che mi consenta di monitorare "quanti kW mi fornirà il gestore in funzione della corrente di saldatura (20÷200A)". Mi rendo conto che con la normale fornitura posso saldare fino ad un certo valore di corrente ma mi interessa sapere fino a quanti Ampère prima che il contatore scatti.

Dati tecnici saldatrice:

• V0 = 75÷80V

• V1 = 220 V
• I1max = 40A
• I1eff = 31A

• V2 a 20A = 20,8V
• V2  a 155A = 26,2V
• V2  a 200A = 28V
• I2 = 20÷200A

• W0 = 40W (perdita di potenza a vuoto)
• Efficienza = 80 (credo si tratti del rendimento)

Vi ringrazio in anticipo per l'aiuto e spero che mi trovo nella sezione giusta per questo argomento
Avatar utente
Foto Utenteclorofabio
10 1 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 150
Iscritto il: 14 mag 2010, 20:16

0
voti

[2] Re: Potenza contatore in funzione della corrente di saldatur

Messaggioda Foto Utenteedgar » 4 lug 2021, 18:01

Avatar utente
Foto Utenteedgar
8.416 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 4279
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[3] Re: Potenza contatore in funzione della corrente di saldatur

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 5 lug 2021, 8:32

credo sia un impresa tutt'altro che facile, Magari mi sbaglio.

Non sono neanche sicuro che il contatore intervenga sulla sola potenza efficace, di valore medio, e non possa saltare su picchi brevi, sai che con alimentazione raddrizzata, la corrente è tutt'altro che sinusoidale, potrebbe saltare anche con 2KW magari, su picchi di 15A.

Credo che tu possa trovarti un aiuto, per controllare il contatore, mentre saldi con varti livelli di corrente, qualcuno possa andare a premere i bottoni e rilavare la lettura del contatore, sperando che questa faccia fede per lo sgancio, (il che non è detto).

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.997 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3399
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

1
voti

[4] Re: Potenza contatore in funzione della corrente di saldatur

Messaggioda Foto UtenteGioArca67 » 5 lug 2021, 9:06

Algoritmo di intervento dell'interruttore del Contatore Elettronico monofase.

Pdit = Potenza contrattuale + 10% (es. per contratto da 3,0 kW -> Pdit = 3,3 kW - per contratto da 4,5 -> 4,9 kW - per contratto da 6,0 -> 6,6 kW)
Px = Pdit x 1,27 (Kostante di tolleranza max (3,0 -> 4,2 - 4,5 -> 6,2 kW - 6,0 -> 8,3 kW)
Plim = Potenza limite (taratura fissa 14 kW)
T = Tempo di tolleranza (taratura fissa 90 minuti)
Pass = Potenza assorbita

Leggi anche qui: https://www.electroyou.it/attilio/wiki/ ... atore-enel
Allegati
CE.jpg
Avatar utente
Foto UtenteGioArca67
1.156 3 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 968
Iscritto il: 12 mar 2021, 9:36

0
voti

[5] Re: Potenza contatore in funzione della corrente di saldatur

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 5 lug 2021, 9:42

Dati tecnici saldatrice:

• V0 = 75÷80V

• V1 = 220 V
• I1max = 40A
• I1eff = 31A

• V2 a 20A = 20,8V • V2 a 155A = 26,2V • V2 a 200A = 28V
• I2 = 20÷200A

• W0 = 40W (perdita di potenza a vuoto)
• Efficienza = 80 (credo si tratti del rendimento)

Sono moderatamente interessato all'argomento, visto che dovrei commissionare l' elevazione di una ringhiera, che presimo richiede saldatura ad arco, forse alimentata dal mio alloggio.

Scrivo calcoli ovvi anche se non esplicitati nei precedenti messaggi

31 A x 220 V = 6820 watt

200 A x 28 V = 5600 watt

rendimento 5600 / 6820 = 0,82 ok

Temo non siano erogabili dal mio punto di fornitura da 3 kW nominali.
Temo anche per il mio "vecchio" impianto elettrico.
E' possibile limitare la corrente assorbita dalla saldatrice ?
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
9.466 5 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 4520
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[6] Re: Potenza contatore in funzione della corrente di saldatur

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 5 lug 2021, 11:56

Non hai specificato se trattasi di saldatrice elettronica oppure no.

Se no, si regola con la solita manopola, assorbe meno, ma bisogna vedere se tira la sezione di elettrodo necessaria.

Se elettronica, anche qui cala l'assorbimento se ruoti la manopola, ma secondo me salta lostesso, avendo picchi di corrente elevati.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.997 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3399
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[7] Re: Potenza contatore in funzione della corrente di saldatur

Messaggioda Foto Utentegiannid19 » 5 lug 2021, 13:23

Mancano dati importanti:
tipo di saldatrice: elettrodo o a filo elettronica o a trasformatore
Se a elettrodo: tipo di elettrodo basico o rutile diametro elettrodo 2mm 2,5mm 3,25 mm

Detto questo riporto le mie esperienze: ho 2 saldatrici una a elettrodo e l'altra a filo + elettrodo, uso principalmente elettrodi basici diametro 2,5mm ma ho usato anche qualche volta elettrodi da 3,25
non ho mai avuto stacchi del contatore, sui quadretti delle prese di corrente ci sono dei vecchi interruttori BTicino con fusibili da 16A non ne è mai bruciato uno, le linee ai quadretti sono da 2,5mmq.
Anche se spesso faccio saldature su spessori anche oltre i 20mm la saldatura non è mai continuativa, tra ripresa della passata e cambio elettrodo il coefficiente di utilizzo è molto basso questo dà tempo ai termici di raffreddarsi.
Non so come il contatore vede questo tipo di carico
In conclusione posso dire che non ci sono particolari difficoltà nel utilizzare una saldatrice su linea da 3 kW.
Aggiungo anche che ho usato la saldatrice con un generatore da 3,3kVA con elettrodi da 2,5mm senza alcun problema.
Avatar utente
Foto Utentegiannid19
648 1 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 299
Iscritto il: 30 mag 2010, 22:40

0
voti

[8] Re: Potenza contatore in funzione della corrente di saldatur

Messaggioda Foto Utenteclorofabio » 5 lug 2021, 15:11

lelerelele ha scritto:Non hai specificato se trattasi di saldatrice elettronica oppure no.
Se no, si regola con la solita manopola, assorbe meno, ma bisogna vedere se tira la sezione di elettrodo necessaria.
Se elettronica, anche qui cala l'assorbimento se ruoti la manopola, ma secondo me salta lostesso, avendo picchi di corrente elevati.
saluti.


Chiedo scusa, ma cosa intendi per "elettronica"? perché trascurando quelle a trasformatore, quelle elettroniche possono essere le tradizionali elettroniche e le sinergiche. Ecco, la mia macchina credo che sia una tradizionale elettronica perché il pannello frontale è composto da: interruttore, display (che mostra "solo" gli Ampère), porenziomerro/manopola, un LED rosso (protezione attiva) e un LED verde (power/accesa)
Avatar utente
Foto Utenteclorofabio
10 1 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 150
Iscritto il: 14 mag 2010, 20:16

0
voti

[9] Re: Potenza contatore in funzione della corrente di saldatur

Messaggioda Foto Utenteclorofabio » 5 lug 2021, 18:44

giannid19 ha scritto:Mancano dati importanti:
tipo di saldatrice: elettrodo o a filo elettronica o a trasformatore
Se a elettrodo: tipo di elettrodo basico o rutile diametro elettrodo 2mm 2,5mm 3,25 mm

Saldatrice inverter (quindi elettronica) solo a elettrodo TigMig mod. TM 200 Stick. Elettrodo rutile da Φ2,5mm.
giannid19 ha scritto: le linee ai quadretti sono da 2,5mmq

1,5mm²
giannid19 ha scritto:la saldatura non è mai continuativa, tra ripresa della passata e cambio elettrodo il coefficiente di utilizzo è molto basso questo dà tempo ai termici di raffreddarsi.

non ci sono particolari difficoltà nel utilizzare una saldatrice su linea da 3 kW.

Su questo sono d'accordissimo infatti uso elettrodi da 2,5mm quindi correnti comprese tra 60 e 110A max. Sullo stesso contatore è collegato sia l'impianto del garage (con il suo magnetotermico) che oltre alla saldatrice comprende anche le luci, caricabatteria ecc che dell'appartamento nel quale si sa, ci sono sempre dei carichi in funzione (nel mio caso: frigorifero, sveglie, modem, caricabatterie ecc.). Nonostante qste condizioni il contatore nn è mai scattato. Solo una volta mi è capitato, giusto per prova, di saldare se non ricordo male, intorno ai 140A: in quel caso sono riuscito a realizzare un 6-7 cm di cordone e poi il contatore è scattato.

giannid19 ha scritto:Non so come il contatore vede questo tipo di carico

Ecco questo è dubbio che ho sempre avuto. Per una saldatrice è bene distinguere il lato saldatura dal lato alimentazione.
Dal lato saldatura:
-la saldatura sostanzialmente è un cortocircuito per cui la bassa resistenza dell'elettrodo giustifica il fatto che le correnti in gioco per saldare sono elevate;
-il carico è puramente resistivo (l'elettrodo funge da resistenza);
-si ha una corrente continua quindi tensione e corrente sono in fase di conseguenza l'angolo di sfasamento
Avatar utente
Foto Utenteclorofabio
10 1 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 150
Iscritto il: 14 mag 2010, 20:16

0
voti

[10] Re: Potenza contatore in funzione della corrente di saldatur

Messaggioda Foto Utenteclorofabio » 5 lug 2021, 23:44

Lato alimentazione:
-in corrente alternata potrebbe anche valere la formula P=V×I ma in questo caso significherebbe che il carico in questione sarebbe puramente resistivo di conseguenza l'angolo di sfasamento tra tensione e corrente sarebbe 0 quindi il cos
Avatar utente
Foto Utenteclorofabio
10 1 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 150
Iscritto il: 14 mag 2010, 20:16

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 55 ospiti