Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Messaggioda Foto Utentemir » 3 lug 2021, 11:44

Salve ragazzi.
Dal titolo credo già immaginate quale sarà il contenuto del thread, pertanto vengo subito al punto. ;-)
Recentemente, seguendo l'attività di verifica termografica di un sistema fotovoltaico (199 kWp) al fine di rilevare efficienza ed inefficienza del sistema, mi è sorta una riflessione: (ovviamente impianto fotovoltaico lato inverter _rete_ messo fuori servizio) dovendo intervenire sul sistema fotovoltaico, per un intervento manutentivo, di riparazione/sostituzione di elementi guasti o danneggiati, intervenendo sui pannelli delle varie stringhe, si lavorerebbe in presenza di tensione (continua, se non erro nel caso specifico qualche centinaio di volt) .. :-k .. pertanto andrebbe inquadrato come un "lavoro in presenza di tensione" ed adottate tutte le indicazioni previste nel DLG 81/08 a partire dall'art.82 e CEI 11-27.
Ora fermo restando, che la soluzione fattibile potrebbe essere quella di operare in notturna, o nelle primissime ore della mattina, quello che mi ha lasciato perplesso è che non sono riuscito a trovare nessun riferimento normativo per questo tipo di attività, che ne introduca o suggerisca indicazioni relative ai rischi che si presentano, oltre a quello del lavoro in quota, quello prioritario a mio avviso del lavoro in presenza di tensione continua.
Realizzare l'attività in orari con scarsa insolazione o meglio in assenza di insolazione, introduce secondo me qualche rischio aggiunto.
In attesa di un cortese riferimento e/o suggerimento, provo a citare Foto UtenteMike e Foto Utenteiosolo35 ;-)
Ringrazio anticipatamente. :ok:
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
64,0k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 21308
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[2] Re: Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 3 lug 2021, 13:10

Non seguo il settore, butto lì quella che potrebbe essere una ca...volata: coprire i pannelli interessati con un telo?
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
8.535 4 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 3160
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

1
voti

[3] Re: Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Messaggioda Foto Utenteabusivo » 3 lug 2021, 13:35

Goofy ha scritto:...coprire i pannelli interessati con un telo?

Diciamo che potrebbe essere "complicato"!
Se quello che funziona basta non lo tocca' sennò te lassa!
Avatar utente
Foto Utenteabusivo
13,2k 4 7 10
Master
Master
 
Messaggi: 7029
Iscritto il: 16 ott 2012, 18:43
Località: L'Aquila

2
voti

[4] Re: Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 3 lug 2021, 15:38

Ho seguito personalmente un esperimento fatto dal Comando dei Vigili del Fuoco di Trento, in un loro edificio hanno installato un impianto da 6 kilowatt, hanno provato ad eseguire degli interventi misurando le tensioni a monte dell' inverter. Nel primo caso hanno provato a distribuire sui pannelli il loro prodotto Cafs però questa schiuma scivolava lungo il pannello e non garantiva nessuna copertura, nel secondo caso hanno provato a coprire i pannelli con il cartone ma chiaramente il sole penetrava attraverso le fessure, nel terzo caso hanno distribuito un prodotto austriaco e sembra si chiamasse prevento Solar però l'aspetto negativo è il tempo per cospargere i pannelli e soprattutto il costo. Una notte hanno provato ad azionare le loro Torri Faro portatili ed hanno misurato, mi sembra, 90V ai capi dell' inverter. Direi che la soluzione migliore per poter lavorare in sicurezza è quella di scollegare il pannello singolo azionando sui morsetti dello stesso, tutta la morsetteria comunque presenta un grado di protezione superiore a IP2 oppure IP xxb.
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
47,9k 7 11 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3787
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

1
voti

[5] Re: Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Messaggioda Foto Utentemir » 3 lug 2021, 15:59

Goofy ha scritto:coprire i pannelli interessati con un telo?

quoto Foto Utenteabusivo, ed aggiungo che non mi sembra una soluzione ideale, particolarmente in estate e su impianti di elevata estensione ed in quota.
iosolo35 ha scritto:Direi che la soluzione migliore per poter lavorare in sicurezza è quella di scollegare il pannello singolo azionando sui morsetti dello stesso, tutta la morsetteria comunque presenta un grado di protezione superiore a IP2 oppure IP xxb.

Concordo, infatti l'idea può essere quella di sezionare le stringhe dai quadri di campo, e poi lavorare sul singolo connettore/pannello di stringa, tenendo sempre presente la tensione di stringa e non del singolo pannello.
In realtà però, la mia domanda si riferiva non tanto alla possibile procedura per limitare i rischi potenziali, e lavorare in sicurezza; bensì al fatto che la norma in tal senso non fornisca riferimenti e/o indicazioni, o meglio io non sono riuscito a trovarli.
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
64,0k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 21308
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

1
voti

[6] Re: Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Messaggioda Foto Utenteabusivo » 3 lug 2021, 16:30

Ed io quoto chi mi quota aggiungendo anche che quello che faccio sul lavoro è più o meno questo:
mir ha scritto:l'idea può essere quella di sezionare le stringhe dai quadri di campo, e poi lavorare sul singolo connettore/pannello di stringa, tenendo sempre presente la tensione di stringa e non del singolo pannello
Se quello che funziona basta non lo tocca' sennò te lassa!
Avatar utente
Foto Utenteabusivo
13,2k 4 7 10
Master
Master
 
Messaggi: 7029
Iscritto il: 16 ott 2012, 18:43
Località: L'Aquila

1
voti

[7] Re: Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Messaggioda Foto Utentemir » 3 lug 2021, 16:38

abusivo ha scritto:..quello che faccio sul lavoro è ..
ù
ed io ti riquoto .. :mrgreen: .. e considerando che è il tuo "campo", mi allargo e ti chiedo quali DPI utilizzi.. ;-)
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
64,0k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 21308
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[8] Re: Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Messaggioda Foto Utenteabusivo » 3 lug 2021, 17:02

mir ha scritto:...quali DPI utilizzi.. ;-)

Il mio campo lo è da circa un anno e ho dovuto abbandonare da poco il lavoro per la tragedia che ultimamente ha colpito la mia famiglia.
Comunque ho un baule pieno di DPI e sarebbe lungo da elencare tutto il materiale.
C'è sempre un DPI per ogni cosa che devo fare...
Se quello che funziona basta non lo tocca' sennò te lassa!
Avatar utente
Foto Utenteabusivo
13,2k 4 7 10
Master
Master
 
Messaggi: 7029
Iscritto il: 16 ott 2012, 18:43
Località: L'Aquila

0
voti

[9] Re: Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Messaggioda Foto UtenteGioArca67 » 3 lug 2021, 19:20

Perché le prescrizioni delle citate DLGS 81/08 e CEI 11-27 non sarebbero sufficienti?

Vi sono vari tipi di lavoro ed alcuni non sono sotto tensione poiché non vi sono parti in tensione accessibili al dito di prova o al dispositivo usato:
La CEI 11-27 all'art.3.8. definisce lavoro elettrico come "un intervento su impianti o apparecchi con accesso alle parti attive (sotto tensione o fuori tensione) nell'ambito del quale, se non si adottano misure di sicurezza, si è in presenza di un rischio elettrico .Esempi di intervento sono : prove e misure, riparazioni, sostituzioni, montaggi ed ispezioni".

Quindi se non vi è possibilità di accesso alle parte attive non è un lavoro elettrico. Altrimenti lavare un pannello FV sarebbe un lavoro elettrico, come lo sarebbe fargli una foto con la termocamera, oppure manovrare un interruttore nel quadro elettrico.

Aprire un quadro di stringa o una scatola configura un lavoro elettrico se quanto contenuto ha grado di protezione minore di IP3x (ha il giravite in mano, quindi non basterebbe IPxxB).

Manovrare i dispositivi di sezionamento nel quadro di stringa non è lavoro elettrico e quindi una volta aperto (non tanto allo scopo di metter fuori tensione la parte su cui lavorare ovviamente, quanto allo scopo di rendere possibile la disconnessione dei connettori fra i pannelli) il dispositivo di sezionamento delle stringhe si può procedere alla disconnessione dei morsetti che a norma dovrebbero essere IPxxB (quando aperti, IP67 quando chiusi) e pertanto non rendere accessibile la parte attiva che risulta idoneamente isolata.
In tal caso non vedo lavoro elettrico.

Se al contrario il connettore aperto non fosse IPxxB, e purtroppo molti non lo sono, e sicuramente non c'è scritto sopra (grave difetto della norma di prodotto a mio avviso), oppure se accedessi internamente al quadro di stringa senza ulteriori protezioni di distanziamento dalle parti attive quando aperto e con i pannelli attaccati, sarei in presenza di lavoro sotto tensione o in prossimità.

Il singolo pannello non rappresenta praticamente mai un problema poiché la tensione a vuoto è inferiore a 60Vcc.
Avatar utente
Foto UtenteGioArca67
1.141 3 7
Expert
Expert
 
Messaggi: 932
Iscritto il: 12 mar 2021, 9:36

0
voti

[10] Re: Impianti fotovoltaici e sicurezza.

Messaggioda Foto Utentemir » 4 lug 2021, 17:02

abusivo ha scritto: ho un baule pieno di DPI e sarebbe lungo da elencare tutto il

:D
D'accordo, se poi trovi il tempo mi racconti.. ;-)
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
64,0k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 21308
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 49 ospiti