Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Massa virtuale per op fuori linearità

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc

0
voti

[1] Massa virtuale per op fuori linearità

Messaggioda Foto UtenteGreh » 5 dic 2018, 9:51

Ciao a tutti :D ,

Vorrei risolvermi un dubbio, ovvero quando usiamo un op fuori linearità ad esempio per realizzare un comparatore di soglia la condizione V+=V- non è più valida quindi il concetto di massa virtuale viene a mancare se uso gli operazionali fuori linearità?
Oppure visto che l'impedenza di ingresso dell'operazioale è alta posso considerare trascurabili le correnti entranti nei morsetti - e + dell'op e quindi pensare che vd=0?
Però questo sarebbe valido solo per un op in configurazione non invertente perché in configurazione invertente l'impedenza di ingresso è piccola.
Ultima modifica di Foto UtenteGreh il 5 dic 2018, 10:01, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Foto UtenteGreh
100 1 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 64
Iscritto il: 31 ott 2018, 14:44

0
voti

[2] Re: Massa virtuale per op fuori linearità

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 5 dic 2018, 9:57

Non so se ho capito cosa intendi, comunque l'op deve avere un valore di riferimento, che se non vuoi chiamarlo massa lo chiami soglia, oltre il quale va a commutare di stato.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.997 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3399
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[3] Re: Massa virtuale per op fuori linearità

Messaggioda Foto UtenteGreh » 5 dic 2018, 10:06

Quindi a meno che il riferimento non sia 0V il concetto di massa virtuale perde di significato?
Sapevo che quando vd=0V si ha la commutazione giisto? Ovvero quando il segnale di ingresso eguaglia la soglia.
Avatar utente
Foto UtenteGreh
100 1 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 64
Iscritto il: 31 ott 2018, 14:44

1
voti

[4] Re: Massa virtuale per op fuori linearità

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 5 dic 2018, 10:12

Greh ha scritto:Quindi a meno che il riferimento non sia 0V il concetto di massa virtuale perde di significato?
Sapevo che quando vd=0V si ha la commutazione giisto? Ovvero quando il segnale di ingresso eguaglia la soglia.
No.
Di base il valore 0V non è la soglia, (se ti riferisci a 0V verso il meno di alimentazione), vai a lavorare con circuiti lineari che non vanno a 0V, a meno che siano espressamente realizzati per questo, parlando di OP tipo lm324, che lavora a 0V in ingresso.

Per commutazioni devi usare i comparatori, che sono OP che lavorano nello specifico in commutazione, le caratteristiche di ingresso devi "sempre" leggerle dal datasheets, e farli lavorare nelle condizioni dovute.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.997 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3399
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[5] Re: Massa virtuale per op fuori linearità

Messaggioda Foto UtenteGreh » 5 dic 2018, 10:21

Ok grazie, ma se invece di un comparatore considero un generico op fuori linearità in quel caso
Il concetto di massa virtuale che valeva per gli op lineari(usati ad esempio come amplificatori) vale ancora o non più. Forse mi sono spiegato male ma è questo che volevo capire(il comparatore l'ho messo solo come esempio di op fuori linearità).
Avatar utente
Foto UtenteGreh
100 1 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 64
Iscritto il: 31 ott 2018, 14:44

-2
voti

[6] Re: Massa virtuale per op fuori linearità

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 5 dic 2018, 10:27

L'op è sempre un componente lineare, i circuiti di ingresso devono essere comandati a livelli di tensione entro range specifici, per me il concetto di massa virtuale rimane, ameno che lo si voglia chiamare soglia.

Attendiamo altri che ci diano lumi.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.997 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3399
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

2
voti

[7] Re: Massa virtuale per op fuori linearità

Messaggioda Foto UtenteDrCox » 5 dic 2018, 10:32

Il concetto di cortocircuito virtuale (che si traduce in massa virtuale solo se uno dei due ingressi è a massa, appunto) è una semplificazione che non è valida quando l'operazionale satura.
"The past is not really the past until it has been registered. Or put another way, the past has no meaning or existence unless it exists as a record in the present."
John Archibald Wheeler
Avatar utente
Foto UtenteDrCox
2.718 2 8 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 738
Iscritto il: 8 giu 2010, 21:42

1
voti

[8] Re: Massa virtuale per op fuori linearità

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 5 dic 2018, 10:34

DrCox ha scritto: è una semplificazione che non è valida quando l'operazionale satura.
Stiamo parlando di saturazioni in entrata oppure in saturazione di uscita.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.997 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3399
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

1
voti

[9] Re: Massa virtuale per op fuori linearità

Messaggioda Foto UtenteDrCox » 5 dic 2018, 10:36

Aggiungo:

Per essere sicuro di fare le cose giuste, fai i conti tenendo in considerazione il guadagno dell'amplificatore. Considera ad esempio una semplice configurazione invertente e fai i calcoli usando esplicitamente v_{out}=A_d (v_+ - v_-) facendo alla fine il limite per A_d \rightarrow \infty

Vedrai che ottieni lo stesso risultato (quando il cortocircuito virtuale funziona).

Considera ad esempio un derivatore: i conti con il cortocircuito virtuale possono farti fare gravi errori nella stima della stabilità del componente!
Ultima modifica di Foto UtenteDrCox il 5 dic 2018, 10:41, modificato 1 volta in totale.
"The past is not really the past until it has been registered. Or put another way, the past has no meaning or existence unless it exists as a record in the present."
John Archibald Wheeler
Avatar utente
Foto UtenteDrCox
2.718 2 8 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 738
Iscritto il: 8 giu 2010, 21:42

1
voti

[10] Re: Massa virtuale per op fuori linearità

Messaggioda Foto UtenteDrCox » 5 dic 2018, 10:39

Considera la caratteristica dell'operazionale


un amplificatore operazionale si definisce saturo quando l'uscita raggiunge il valore limite (settato dalle due alimentazioni, meno un'eventuale soglia qualora non sia rail-to-rail)
"The past is not really the past until it has been registered. Or put another way, the past has no meaning or existence unless it exists as a record in the present."
John Archibald Wheeler
Avatar utente
Foto UtenteDrCox
2.718 2 8 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 738
Iscritto il: 8 giu 2010, 21:42

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 63 ospiti