Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

limiti della certificazione

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo, Foto Utentesebago

1
voti

[1] Re: limiti della certificazione

Messaggioda Foto UtenteMassimoB » 16 mar 2016, 22:43

Io invece mi chiedo...perché non dovresti farlo?
Il burocrate di sicuro sfornerebbe miliardi di motivi ma chi crede ancora al buon senso direbbe...per fortuna esiste ancora chi ragiona.
MCSA Windows Server 2012 R2
Cisco CCNA R&S - Cisco CCNA Security - Cisco CCNA Cyber Ops
CompTia A+ - CompTia Linux+ - CompTIA Systems Support Specialist CSSS
CompTia Pentest+ LPIC-1 - VCA VMware
Avatar utente
Foto UtenteMassimoB
14,1k 6 12 13
Expert free
 
Messaggi: 3152
Iscritto il: 28 ott 2012, 9:56
Località: Milano

1
voti

[2] Re: limiti della certificazione

Messaggioda Foto UtenteMassimoB » 16 mar 2016, 22:54

Ovviamente, ma trovavo giusto aggiungere una ulteriore mia premessa alle tue.
Sarò piacevolmente curioso di seguire l' evolversi.
MCSA Windows Server 2012 R2
Cisco CCNA R&S - Cisco CCNA Security - Cisco CCNA Cyber Ops
CompTia A+ - CompTia Linux+ - CompTIA Systems Support Specialist CSSS
CompTia Pentest+ LPIC-1 - VCA VMware
Avatar utente
Foto UtenteMassimoB
14,1k 6 12 13
Expert free
 
Messaggi: 3152
Iscritto il: 28 ott 2012, 9:56
Località: Milano

0
voti

[3] Re: limiti della certificazione

Messaggioda Foto UtenteSerafino » 17 mar 2016, 8:32

Praticamente ricicli la custodia e mantieni il lay-out dei collegamenti esterni alla lampada?
Avatar utente
Foto UtenteSerafino
2.620 1 2 4
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: 19 gen 2007, 19:39

0
voti

[4] Re: limiti della certificazione

Messaggioda Foto UtenteMike » 17 mar 2016, 10:03

Solo una precisazione, se diminuisce il volume dei componenti interni, aumenta il volume del gas al suo interno, ma non credo che sia un problema, la custodia sarà dimensionata per il vuoto. Nessuno ti vieta di farlo, non fai un'immissione nel mercato, modifichi un'apparecchiatura esistente certificata dimostrando che non ne alteri le condizioni e te ne assumi la responsabilità ai sensi della L. 186/68.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
52,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14296
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

1
voti

[5] Re: limiti della certificazione

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 17 mar 2016, 10:44

A parer mio da tecnico posso solo dire che non hai diminuito la sicurezza, anzi, in base alla mia regola dell'arte approvo il tuo operato, può essere che qualche burocrate non sia d'accordo O_/
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
47,0k 7 11 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3737
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

0
voti

[6] Re: limiti della certificazione

Messaggioda Foto UtenteSerafino » 17 mar 2016, 10:54

Faccio io il burocrate!

Ma lo fai un progetto?
Avatar utente
Foto UtenteSerafino
2.620 1 2 4
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: 19 gen 2007, 19:39

0
voti

[7] Re: limiti della certificazione

Messaggioda Foto UtenteNSE » 17 mar 2016, 17:00

Ok provo a fare il bastian contrario io (premetto che non mi intendo di certificazioni ex) tanto per ravvivare il discorso.
IL tuo discorso fila FINO AD un certo punto.
Tu immetti un aggeggio all'interno che ha una dissipazione inferiore alla precedente (e fin qui ci siamo).
Ma dissipazione non equivale a temperatura, è proporzionale ma non equivale.
Quindi potresti avere un "aggeggio" che dissipa meno ma che essendo più piccolo potrebbe raggiongere temperature superficiali (in alcuni suoi punti) superiori.
E se queste zone sono troppo vicine alla custudia, potrebbero trasmettere una temperatura all'esterno superiore a quanto previsto (ma inferiore come quantatà di calore ).
Se la custodia ex, è certificata per certe classi di temperatura, qualcuno potrebbe obiettarti che avendo cambiato un aggeggio all'interno che dissipa meno, ma in maniera diversa, dovresti ripetere la prova per verificare la classe di temperatura.

A voi le sassate!
Altrove. .Volutamente Anonimo
Avatar utente
Foto UtenteNSE
2.148 5 7
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 676
Iscritto il: 30 nov 2014, 18:25

0
voti

[8] Re: limiti della certificazione

Messaggioda Foto UtenteMike » 17 mar 2016, 18:47

NSE ha scritto:A voi le sassate!


Tutto corretto e condivisibile, fatto stà che, applicando la magnifica Legge 186/68, chi la modifica se ne assume la piena responsabilità ed in caso di contenzioso o altro, dovrà dimostrare che le modifiche apportate non hanno modificato la sicurezza del dispositivo.
Nella pratica, se ho 100 oggetti da modificare, posso coinvolgere un Organismo Notificato per avallare la modifica, viceversa se ne devo modificare 2 o 3 posso anche correre il rischio.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
52,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14296
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

2
voti

[9] Re: limiti della certificazione

Messaggioda Foto UtenteSerafino » 18 mar 2016, 9:19

Per me puoi mettere pure il timbro di Masha&Orso in fondo al foglio di carta (riciclata) che userai per documentare o supportare le tue idee.
Guarda, forse se stampi il tuo primo post potrebbe pure bastare se ci aggiungi 2 foto, due schizzi a mano ed un po di schede tecniche.
Avatar utente
Foto UtenteSerafino
2.620 1 2 4
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: 19 gen 2007, 19:39

1
voti

[10] Re: limiti della certificazione

Messaggioda Foto UtenteSerafino » 18 mar 2016, 21:11

Essendo fantasie ed essendo perverse, non moriranno mai.
Spesso opero dalla parte dei costruttori e mi è chiaro il concetto di "uso inappropriato" (non è eufemistico dire che ci sono impieghi di apparecchiature che dell'originale scopo non hanno nulla ma nulla a che fare) ed ancor di più il concetto di "esplicitamente vietato" od "implicitamente ammesso" quindi delle volte sono io stesso fautore di lazzaronate del tipo "è vietato cambiare le viti". Ora però un'armatura del tipo descritto non mi pare possa tramutarsi in una bomba...
Ripeto alla peggio sarai il fortunato costruttore di un unico esemplare di apparecchio di illuminazione, nessuno te lo vieta e nessuno può dirti come dimostrare la conformità alle disposizioni di legge, quindi do it!
Avatar utente
Foto UtenteSerafino
2.620 1 2 4
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: 19 gen 2007, 19:39


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 58 ospiti