Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Obbligo progetto impianto contabilizzazione calore

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo, Foto Utentesebago

0
voti

[21] Re: Obbligo progetto impianto contabilizzazione calore

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 8 gen 2016, 16:19

Ciao
Foto UtenteSerafino ha scritto:(...) rimanderanno al mittente la fattura del riscaldamento centralizzato (...)
cioè ?
Visto che lo scrivi te lo chiedo, ovviamente senza entrare nei dettagli ma, hai commissionato una installazione per la quale non hai voluto riconoscerre gli oneri perché il lavoro è stato fatto male, oppure non hai voluto riconoscere la legittimità dell'avviso di pagamento che avresti ricevuto e che contempla la ripartizione del costo della "spesa riscaldamento" oppure l'installazione del sistema (della strumentazione) ?
(nella seconda ipotesi non si tratterebbe di una "fattura", presumo, a meno che la stessa non fosse allegata all'avviso).
Nel caso in cui si fosse trattato di una errata installazione sarebbe interessante e curioso conoscere gli eventuali vizi che hai potuto desumere.
Grazie

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
25,0k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7421
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

1
voti

[22] Re: Obbligo progetto impianto contabilizzazione calore

Messaggioda Foto UtenteSerafino » 8 gen 2016, 16:59

Fattura relativa al riscaldamento centralizzato inteso come mia quota da pagare e non come oneri di installazione.
Per desumere che l'installazione era stata fatta male devo partire dal fatto che i consumi addebitatimi in fattura erano eccessivi e fuori standard quindi ho eseguito una mia misurazione interna su un certo periodo di osservazione.
Ho poi chiesto che mi venisse consentito di osservare l'installazione e quindi il progetto. Il secondo era abbastanza modesto e comprendeva poco più che un elenco materiali.
Dallo studio incrociato fra documentazione tecnica del costruttore del contacalorie e dell'installazione sono emersi palesi ed imbarazzanti (per l'installatore) errori di installazione e, guarda caso, il costruttore non assicurava la legittimità dei dati riportati sul suo strumento in caso di errata installazione.
Due + due = quattro --> fattura respinta.
Ho avuto la fortuna di lavorare con costruttori di dispositivi i quali, dati alla mano, mi facevano notare le differenze di valori rilevati nelle varie installazioni.
Devo concludere dicendo che la mia avventura con i contacalorie si riferisce a qualcosa di diversi anni addietro e che l'esperienza ha giovato sia ai costruttori che agli installatori.
Avatar utente
Foto UtenteSerafino
2.620 1 2 4
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: 19 gen 2007, 19:39

0
voti

[23] Re: Obbligo progetto impianto contabilizzazione calore

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 8 gen 2016, 22:46

Pur rimanendo nell'ambito della tipologia d'impianto ci spostiamo sul bordo dell'OT ma, mi pare, interessante la questione.
In quel caso l'errore a cosa era dovuto ?
Per esempio: posizionamento del contacalorie ad una distanza eccessiva dall'appartamento o in un punto inadeguato all'assolvimento della funzione piuttosto che posizionamento anomalo dei sensori di (temperatura/flusso) o altro ancora ?
Di nuovo grazie.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
25,0k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7421
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[24] Re: Obbligo progetto impianto contabilizzazione calore

Messaggioda Foto UtenteSerafino » 11 gen 2016, 11:22

Nel mio caso specifico, mi ricordo due cose in particolare ma non potrebbero essere state di più (onestamente non ricordo).
La prima era la posizione del sensore di flusso rispetto al diametro delle tubazioni mentre la seconda era il tipo di sonda di temperatura che non era prevista dal costruttore dello strumento il quale, banalmente, non garantiva l'esatta conversione dei dati rilevati dalle sonde con il suo strumento di calcolo.
In effetti quello che si vedeva chiaramente era una misurazione di portata abnorme (almeno un 20% maggiore del reale) ed una differenza di temperatura piuttosto alta, come se appunto non si cedesse mai calore all'ambiente da riscaldare.
Detto quanto sopra mai sapremo se era un errore del sistema di calcolo, troppo "schizzinoso", oppure i dispositivi sensori effettivamente per come installati non funzionavano bene ( a mio personalissimo avviso il non corretto montaggio de misuratore di portata certamente inficia le misure) ma di certo facendo intervenire un tecnico inviato dal costruttore del contabilizzassero, i numeri hanno ripreso una forma abbastanza vicina alla verità.
Avatar utente
Foto UtenteSerafino
2.620 1 2 4
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: 19 gen 2007, 19:39

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 42 ospiti