Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Differenziale magnetotermico tetrapolare

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[11] Re: Differenziale magnetotermico tetrapolare

Messaggioda Foto Utenteelettro » 12 dic 2014, 15:05

Probabilmente, è stato progettato l'impainto con più utneze in parallelo, per motivi di economia ...ed in certi casi, è facile avere una somma di correnti tali da fare in tervenire il differenziale con id 0,03A.
Di norma, in questi casi, si seziona tutto ..anche il piccolo compressore di cella frigorifera...un eventuale guasto si può isolare ..
Avatar utente
Foto Utenteelettro
943 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2800
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

-1
voti

[12] Re: Differenziale magnetotermico tetrapolare

Messaggioda Foto Utentebura » 12 dic 2014, 18:15

alle ore 14 di oggi ho installato il magnet. al momento funziona tutto...aspetto di capire se il problema l'ho risolto. La pizzeria lavora 7 giorni su 7 quindi se qualcosa non va lo sapremo a breve...'penso'....vi tengo aggiornati.
Avatar utente
Foto Utentebura
8 2
 
Messaggi: 18
Iscritto il: 18 ago 2012, 23:33

0
voti

[13] Re: Differenziale magnetotermico tetrapolare

Messaggioda Foto Utentebura » 12 dic 2014, 18:22

il diff. magnet comanda un quadro, le varie utenze sono tutte sezionabili....concordo che forse sarebbe meglio un 0,3 A....rinfrescami la memoria , su una pizzeria con potenza disponibile 16,5 kW va bene un diff da 0,3A , o ci deve essere sempre il 0,03 A comunque?
Avatar utente
Foto Utentebura
8 2
 
Messaggi: 18
Iscritto il: 18 ago 2012, 23:33

0
voti

[14] Re: Differenziale magnetotermico tetrapolare

Messaggioda Foto Utentebura » 14 dic 2014, 7:14

il problema si è ripresentato (ieri sera), provo a effettuare un controllo delle linee tra fase e terra con il megger, sperando di trovare qualcosa, se era uno scatto quasi repentino potevo sezionare le varie utenze. Ho pensato di sostituire il differenziale con uno meno sensibile 0,3 A (unico presente nel quadro), attendo un Vs parere. Grazie
Avatar utente
Foto Utentebura
8 2
 
Messaggi: 18
Iscritto il: 18 ago 2012, 23:33

0
voti

[15] Re: Differenziale magnetotermico tetrapolare

Messaggioda Foto UtentePierluigi2002 » 14 dic 2014, 11:59

bura ha scritto:il problema si è ripresentato (ieri sera), provo a effettuare un controllo delle linee tra fase e terra con il megger, sperando di trovare qualcosa, se era uno scatto quasi repentino potevo sezionare le varie utenze. Ho pensato di sostituire il differenziale con uno meno sensibile 0,3 A (unico presente nel quadro), attendo un Vs parere. Grazie



E se lo scatto del differenziale si ripresenta, cosa fai, lo escludi !
“vivi il presente“
Avatar utente
Foto UtentePierluigi2002
1.043 2 3 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 1600
Iscritto il: 23 gen 2008, 23:12

0
voti

[16] Re: Differenziale magnetotermico tetrapolare

Messaggioda Foto Utentepaolo a m » 14 dic 2014, 12:08

bura ha scritto:....rinfrescami la memoria , su una pizzeria con potenza disponibile 16,5 kW va bene un diff da 0,3A , o ci deve essere sempre il 0,03 A comunque?

Quell'impianto è soggetto a progettazione obbligatoria da parte di un professionista. Cosa dice il progetto? Comunque la scelta di un valore piuttosto che un altro per la soglia differenziale non dipende né dal tipo di attività né, tantomeno, dalla potenza disponibile. Sono ben altre le considerazioni. Considerazioni che devono essere alla base di un progetto.
bura ha scritto:il problema si è ripresentato (ieri sera), provo a effettuare un controllo delle linee tra fase e terra con il megger, sperando di trovare qualcosa

Qui sembra dai per scontato che l'intervento sia da attribuire ad una dispersione, quando, se non ho letto male i post precedenti, dicevi di non essere in grado di sapere se ad intervenire era il blocco differenziale o il magnetotermico. Ti è già stato fatto notare che tutti i dispositivi magnetotermici differenziali devono essere in grado di discriminare la causa dell'intervento. Il tuo dovrebbe avere due differenti levette. Comunque anche, ad esempio in quelli compatti con una sola leva, esiste una qualche forma di segnalazione che indica l'intervento da parte del differenziale. Per chiarire questo punto ti era già stata chiesta una foto (oppure delle indicazioni precise del modello) del dispositivo.
Una volta certi della causa dell'intervento del dispositivo si potrà ragionare.
Comunque quale sia poi la causa è importante partire dalle scelte progettuali. Se quelle sono corrette, allora stai sbagliando bersaglio. Non è l'interruttore il responsabile, ma molto probabilmente, si è in presenza di qualche guasto, magari intermittente, di qualche carico dallo stesso alimentato.
Avatar utente
Foto Utentepaolo a m
5.212 1 2 4
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1780
Iscritto il: 23 apr 2008, 8:55

0
voti

[17] Re: Differenziale magnetotermico tetrapolare

Messaggioda Foto Utenteelettro » 14 dic 2014, 12:32

Allora, se ho capito bene, un modulo componibele MT+Diff. con id da 0,03A serviva da un quadro generale un quadro di zona, che a sua volta serve più utenze.
Se questo è vero siamo nel solito caso in cui l'impianto è stato dettato in modo improprio, non voglio approfondire questo aspetto formale, non è mio compito.
Soluzione: ---//
Quadro generale con protezioni di linea derivate con MT+Diff con id 0,3A tipo AC.
Quadrto di zona, con protezioni singole per le varie utenze con MT+Diff da 0,03A.
Se questo non è risolutivo, è probabile che esista un guasto macchina-forno ..che si manifesta saltuariamente..
Avatar utente
Foto Utenteelettro
943 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2800
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

0
voti

[18] Re: Differenziale magnetotermico tetrapolare

Messaggioda Foto Utentebura » 14 dic 2014, 15:25

Buona domenica, molto probabilmente ho riscontrato l''errore, un magnetotermico a valle di quello che ho cambiato, tetra polare; il neutro non passa, e si sentiva un ronzio, ed il display del forno svarionava. I giorni precedenti, questo problema non si presentava. Posso pensare che internamente il Magnet. Non chiude bene, ed il diff. a monte sente il problema. Aspetto
un vs. Commento e vi aggiorno se ci sono cambiamenti. Grazie
Avatar utente
Foto Utentebura
8 2
 
Messaggi: 18
Iscritto il: 18 ago 2012, 23:33

0
voti

[19] Re: Differenziale magnetotermico tetrapolare

Messaggioda Foto Utentebura » 14 dic 2014, 15:48

Il 0,03 A e obbligatorio e purtroppo c'è solo quello...l''impianto è stato fatto in economia. Quando si presenta il problema tutte e 2le leve sono giù ...
Avatar utente
Foto Utentebura
8 2
 
Messaggi: 18
Iscritto il: 18 ago 2012, 23:33

0
voti

[20] Re: Differenziale magnetotermico tetrapolare

Messaggioda Foto Utenteattilio » 14 dic 2014, 15:54

bura ha scritto:Quando si presenta il problema tutte e 2le leve sono giù ...

allora sembrerebbe esserci un guasto a terra da qualche parte, a scriverlo prima ti saresti evitato una sostituzione inutile del magnetotermico

Il 0,03 A e obbligatorio

cosa te lo fa pensare?
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
61,1k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 9101
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 43 ospiti