Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

incorporare nell'italiano le parole inglesi

Impariamo insieme l'inglese, ... ma anche l'italiano, il francese, lo spagnolo, il tedesco, ... lo swahili!

Moderatore: Foto UtenteIsidoroKZ

0
voti

[1] incorporare nell'italiano le parole inglesi

Messaggioda Foto Utenteclavicordo » 26 feb 2013, 1:12

Io propongo che le parole e le espressioni inglesi usate correntemente in italiano e pronunciate "all'italiana" entrino a far parte della lingua italiana e non se ne parli più. Così avremo a disposizione più parole e le pronunceremo come ci pare. Si potrà così dire correttamente manàggment, Tom Cruis, singol, ardìsk, databeis, foruardare, e chi più ne ha più ne metta. O_/
"Ogni cosa va resa il più possibile semplice, ma non ANCORA più semplice" (A. Einstein)
Avatar utente
Foto Utenteclavicordo
18,6k 6 11 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1163
Iscritto il: 4 mar 2011, 14:10
Località: Siena

1
voti

[2] Re: incorporare nell'italiano le parole inglesi

Messaggioda Foto UtenteCandy » 26 feb 2013, 1:27

E poi cosi via con le altre lingue e via ad un gran bordello insensato.
Mi sembra esagerato. ;-)
Avatar utente
Foto UtenteCandy
32,5k 7 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 10129
Iscritto il: 14 giu 2010, 22:54

1
voti

[3] Re: incorporare nell'italiano le parole inglesi

Messaggioda Foto Utentefairyvilje » 26 feb 2013, 1:32

clavicordo ha scritto:Io propongo che le parole e le espressioni inglesi usate correntemente in italiano e pronunciate "all'italiana" entrino a far parte della lingua italiana e non se ne parli più.

Spero sia solo una provocazione :D
Altrimenti boccio la mozione...
"640K ought to be enough for anybody" Bill Gates (?) 1981
Qualcosa non ha funzionato...

Lo sapete che l'arroganza in informatica si misura in nanodijkstra? :D
Avatar utente
Foto Utentefairyvilje
13,5k 4 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2813
Iscritto il: 24 gen 2012, 19:23

0
voti

[4] Re: incorporare nell'italiano le parole inglesi

Messaggioda Foto Utenteclavicordo » 26 feb 2013, 10:28

E' una provocazione? Si tratta di constatare uno stato di fatto, un processo inarrestabile che, al momento, noi vediamo come degrado e al quale adesso giustamente ci opponiamo.
"Ogni cosa va resa il più possibile semplice, ma non ANCORA più semplice" (A. Einstein)
Avatar utente
Foto Utenteclavicordo
18,6k 6 11 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1163
Iscritto il: 4 mar 2011, 14:10
Località: Siena

2
voti

[5] Re: incorporare nell'italiano le parole inglesi

Messaggioda Foto UtenteGuerra » 26 feb 2013, 11:38

Una lingua assorbe, subisce la globalizzazione. Nell'era delle telecomunicazioni il linguaggio muta, si arricchisce e si impoverisce in modo difficilmente controllabile e quindi è un processo inarrestabile.
Purtroppo però la comunicazione non sempre porta un aumento dell'istruzione, ma porta con sè anche molta ignoranza. Il linguaggio mediatico giovanile è secondo me ignoranza nel momento in cui questo è l'unico conosciuto ed in grado di essere usato. (mi riferisco a comunque, 6, ke, tvb).
La storpiatura di vocaboli è ignoranza e purtroppo anch'essa dilaga.
E' dovuta alla poca conoscenza dell'inglese da parte del cittadino medio italiano?
Alle volte penso che i piùà giovani conoscano meglio il significato di processore quad core, che quello di onomatopea, metafora, ossimoro. (tanto cosa servono questi vocaboli se nessuno li usa?).
Penso che il linguaggio possa e debba necessariamente essere rinnovato, ma non svenduto e dimenticato perché si legge meno (forse) e si chatta di più.
Cosa possiamo fare?
Personalmente continuare a leggere, continuare a scherzare sulla bellezza della lingua italiana, continuare a correggere post analfabeti :mrgreen: continuare a discutere come sto facendo ora con Foto Utenteclavicordo.
"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Avatar utente
Foto UtenteGuerra
34,9k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4769
Iscritto il: 14 apr 2010, 16:38

2
voti

[6] Re: incorporare nell'italiano le parole inglesi

Messaggioda Foto Utenteclavicordo » 26 feb 2013, 11:57

Sono del tutto d'accordo con te Foto UtenteGuerra, senza che questo paralizzi la nostra discussione. Meglio stare in mezzo al processo di trasformazione, meglio intervenire, opporsi, proporre, coscienti dei limiti. Personalmente però, in mezzo a colleghi italiani, ho smesso di pronunciare le parole straniere più correttamente della media (anche se mi rifiuto di dire "manàggment" o "menègment"). Non sempre mi va di sentirmi una mosca rara o un pierino, o addirittura di non farmi capire. Parlando italiano cerco di usare sempre un italiano il più possibile ricco (do per scontato che non faccio mai errori di grammatica) e sopporto pazientemente la più o meno bonaria ironia di alcuni che si trovano ad ascoltarmi. E così sia.
"Ogni cosa va resa il più possibile semplice, ma non ANCORA più semplice" (A. Einstein)
Avatar utente
Foto Utenteclavicordo
18,6k 6 11 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1163
Iscritto il: 4 mar 2011, 14:10
Località: Siena

2
voti

[7] Re: incorporare nell'italiano le parole inglesi

Messaggioda Foto UtenteGuerra » 26 feb 2013, 12:05

L'adeguarsi nel limite del consentito agli interlocutori è oltre che doveroso (comunicare ha senso se ci si fa capire) anche segno di intelligenza e capacità.
Lo snaturarsi è ovviamente un errore. Anch'io Foto Utenteclavicordo ricerco a volte vocaboli desueti, ma che arricchiscono con la loro specificità una discussione. Certo rischio di passare alle volte per "fanfarone" o "ricercato", ma usare "coso" "cosa" "fare" anche così si arena la discussione quasi "gutturale" :mrgreen:
Condivido clavicordo, condivido.
"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Avatar utente
Foto UtenteGuerra
34,9k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4769
Iscritto il: 14 apr 2010, 16:38

0
voti

[8] Re: incorporare nell'italiano le parole inglesi

Messaggioda Foto UtenteSparafucile » 27 feb 2013, 0:16

Mi è piaciuta tanto la vostra discussione, Foto Utenteclavicordo e Foto UtenteGuerra! Il problema è molto attuale e non è da sottovalutare.

Io non accetterei mai come una prattica abituale "l'incorporazione nella qualsiasi lingua delle parole straniere". Mi domando, come possiamo resistere a questa aggressione della ignoranza e della viltà, ma a volte anche della ipocrisia?

Si, anch'io parlando (bulgaro) "cerco di usare sempre una espressione il più possibile ricca". Se mi parlano con parole come "singol" o "foruardare", rispondo, che non capisco, senza "sentirmi una mosca rara".
Avatar utente
Foto UtenteSparafucile
4.266 4 8
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 625
Iscritto il: 22 gen 2012, 19:57

0
voti

[9] Re: incorporare nell'italiano le parole inglesi

Messaggioda Foto UtenteGuerra » 27 feb 2013, 9:17

Il tuo italiano Foto UtenteSparafucile migliora a vista d'occhio. Complimenti =D>
"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Avatar utente
Foto UtenteGuerra
34,9k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4769
Iscritto il: 14 apr 2010, 16:38

0
voti

[10] Re: incorporare nell'italiano le parole inglesi

Messaggioda Foto UtenteSparafucile » 27 feb 2013, 21:10

Molto gentile, Foto UtenteGuerra! Grazie!
Avatar utente
Foto UtenteSparafucile
4.266 4 8
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 625
Iscritto il: 22 gen 2012, 19:57

Prossimo

Torna a English corner, (ma anche italiano)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti