Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

prova elettrica

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[11] Re: prova elettrica

Messaggioda Foto UtenteMSilvano » 13 mag 2012, 22:04

francesco900 ha scritto:I15 A però scatta lo stesso anche il salavite di casa :-/ dovrei comprarne uno da 10 A che è piu basso e provare di con quello secondo voi ?? grazie..


soltec ha scritto:Io invece farei tutto a batteria protetto con fusibili: un sistema piú sano per imparare...


Ti hanno già risposto...usa delle batterie e lavora in bassa tensione. La tua esperienza con l'energia elettrica mi sembra molto poca e rischi di farti male.
Avatar utente
Foto UtenteMSilvano
2.073 1 3 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 725
Iscritto il: 3 gen 2011, 10:35

0
voti

[12] Re: prova elettrica

Messaggioda Foto Utentefrancesco900 » 13 mag 2012, 22:09

SOLTEC ti ringrazio per la osservazione però avevo pensato anche io ad una batteria come dici tu...però io se riesco a trovare un salvavite che evita "di fare scattare " quello di casa potrei utilizzare anche solo il salavite per fare altre prove non per l'impiantino come vi ho detto ma anche ad esempio per collegare un motore a 220 e provarne i vari collegamenti cosa che con un sistema a batteria non riusicrei a fare ecco perché sto cercando il salvavite giusto :-)
Avatar utente
Foto Utentefrancesco900
42 2 5 8
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 691
Iscritto il: 14 apr 2012, 17:41

0
voti

[13] Re: prova elettrica

Messaggioda Foto Utentefrancesco900 » 13 mag 2012, 22:28

rispondendo a GUZZ a me serve semplicemente qualcosa che eviti di fare scattare il salvavite di casa in caso di cortocircuito e deve scattare solo il salvavite del mio impiantino comunque volevo chiederti che differenza ce tra un magnetotermico differenziale e un salvavite ?? io sapevo che il magnetotermico nn è altro che un interruttore o sbaglio?
Avatar utente
Foto Utentefrancesco900
42 2 5 8
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 691
Iscritto il: 14 apr 2012, 17:41

0
voti

[14] Re: prova elettrica

Messaggioda Foto UtenteMSilvano » 13 mag 2012, 22:50

francesco900 ha scritto:che differenza ce tra un magnetotermico differenziale e un salvavite ?? io sapevo che il magnetotermico non è altro che un interruttore o sbaglio?


Ecco...è questo che intendevo...non è stando seduto comodamente su un estintore, che puoi giocare tranquillamente con alcol e fiammiferi.... [-X
Avatar utente
Foto UtenteMSilvano
2.073 1 3 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 725
Iscritto il: 3 gen 2011, 10:35

0
voti

[15] Re: prova elettrica

Messaggioda Foto Utenteslax » 13 mag 2012, 22:51

compra un magnetotermico differenziale, sei così protetto da corto circuiti e sovracarichi dalla parte magneto termica con una corrente nominale di 16 A (grosso per quanto puo essere grosso il carico in questione non puoi fisicamente superare tale corrente), e contro i contatti indiretti (nel caso tu restassi attaccato alla corrente) dalla parte differenziale, con una corrente di intervento più piccola possibile, credo sia 10mA il minimo.
piccolo consiglio personale,metti un pulsantone a fungo in un punto vicino, collegato a monte cosi nel caso peggiore puoi sfiorarlo per interrompere la corrente.
Avatar utente
Foto Utenteslax
160 1 5
 
Messaggi: 18
Iscritto il: 5 mag 2012, 18:40

0
voti

[16] Re: prova elettrica

Messaggioda Foto Utenteguzz » 13 mag 2012, 23:56

francesco900 ha scritto:comunque volevo chiederti che differenza ce tra un magnetotermico differenziale e un salvavite ?? io sapevo che il magnetotermico non è altro che un interruttore o sbaglio?

da quello che dici capisco che te non sai praticamente nulla di impianti, di sicuro non sai nulla sulla sicurezza in ambito elettrico. quindi ti consiglio pure io di usare una batteria, che di sicuro non ti fai male (o meglio, per farti male devi farlo apposta)

in ogni caso, il magnetotermico non è un interruttore e basta (quello è il sezionatore), è un apparecchio di protezione. serve per proteggere l'impianto da cortocircuiti (parte magnetica) e dalle sovracorrenti (parte termica).
il differenziale, noto anche come "salvavitA", protegge invece dalle dispersioni verso terra, ossia ti impedisce di "prendere la scossa", o comunque te la fa prendere molto leggera.
Avatar utente
Foto Utenteguzz
4.889 3 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 2748
Iscritto il: 8 set 2011, 19:14
Località: Possagno (TV)

1
voti

[17] Re: prova elettrica

Messaggioda Foto Utenteattilio » 14 mag 2012, 1:14

il differenziale, noto anche come "salvavitA", protegge invece dalle dispersioni verso terra, ossia ti impedisce di "prendere la scossa", o comunque te la fa prendere molto leggera.

Non è ugualmente una bella esperienza, a molti sarà capitato di fare da ponte verso terra per il passaggio della corrente e nonostante ciò avere assistito al mancato intervento del differenziale (quindi corrente di elettrocuzione inferiore a 15-30 mA) e immagino che molti, in rapporto alla brutta sensazione si siano chiesti come mai il differenziale non abbia aperto.

Detto questo, tengo a precisare che in merito alla selettività tra interruttori, sono state scritte anche alcune fesserie, ma sono più portato a sottolineare il discorso "sicurezza"; Se non vuoi usare una batteria o un sistema SELV, procurati almeno un bel trasformatore di isolamento 230/230V per i tuoi esperimenti, che detta in tutta sincerità viste le tue evidenti lacune in merito, ti sconsiglio di portare avanti.

Saluti
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
61,1k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 9101
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[18] Re: prova elettrica

Messaggioda Foto Utentemir » 14 mag 2012, 15:07

francesco900 ha scritto:ho provato adesso con un salvavite da 15 A però scatta lo stesso anche il salavite di casa :-/ dovrei comprarne uno da 10 A che è piu basso e provare di con quello secondo voi ??

.........
francesco900 ha scritto:se riesco a trovare un salvavite che evita "di fare scattare " quello di casa potrei utilizzare anche solo il salavite per fare altre prove non per l'impiantino come vi ho detto ma anche ad esempio per collegare un motore a 220 e provarne i vari collegamenti

.........
francesco900 ha scritto:volevo chiederti che differenza ce tra un magnetotermico differenziale e un salvavite ?? io sapevo che il magnetotermico non è altro che un interruttore o sbaglio?

...........
non volermene Foto Utentefrancesco900 ma dalle affermazioni sopracitate mi sembra chiaro che la tua conoscenza della materia (Elettrotecnica-Impianti Elettrici) è molto scarsa, e mai come in questa materia (Impianti Elettrici9 la conoscenza è un'elemento fondamentale per evitare di farsi male e di fare danni seri,vuoi perché il rischio elettrico non consente una seconda possibilità e vuoi perché può essere fatale, pertanto dai retta lascia perdere questo tipo di prove ed inizia con lo studiare la materia e dove è necessario aiutati con degli esperimenti come già detto alimentati a batteria, o al più con dei software di simulazione.
Ai circuiti di potenza con tensioni alternate di rete, ci si arriva per gradini, non si può bypassare tutto ciò che c'è prima.. ;-)
NB.
questo articolo è interessante e questo..dagli un'occhiatina.
Avatar utente
Foto Utentemir
65,0k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 21584
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[19] Re: prova elettrica

Messaggioda Foto UtenteMAX56 » 15 mag 2012, 16:25

Buongiorno a tutti
appena entrato nel forum provo a dare una risposta fiducioso di non sbagliare nulla nell'operatività e nella speranza che il contenuto sia pertinente.
Il problema posto dall'amico, prevede la necessità di introdurre il concetto di selettività che nello specifico dovrà essere sia di tipo amperometrico che cronometrico.
In particolare ipotizzando l'interruttore generale di casa come tipico cioè con 3 kW di potenza impegnata e con la funzione di "salvavita", normalmente si intende un interruttore dotato di relè di tipo magtnetotermico differenziale con soglie d'intervento di 15 A come valore di termico (protezione per i sovraccarichi) di 150 A come soglia magnetica (protezione da corto circuito) e 0.03 A per la soglia differenziale (protezione contro dispersione / contatti diretti ed indiretti). L'apertuira dell'interruttore dipende da una caratteristica che tiene conto sia della corrente di guasto che del tempo in cui essa perdura. Per avere la sicurezza che l'interruttore del banco (nuova installazione) sia selettivo con quanto descritto, dovresti montare un interruttore con calibro 6A e differenziale pari a 0.01A in questo modo si presume di aver fatto na corretta selettività amperometrica.
Tuttavia la certezza di evitare scartti intempestivi la si ha soltanto quando è possibile attivare anche la selettività cronometrica, pertanto poiché l'interruttore dotato di relè ritardato deve necessariamente essere a monte, ne consegue che sia possibile recuperare il salvavita attualmente montato come generale di casa e installarlo come generale di banco, installando al posto rimasto vuoto un interruttore con relè selettivo identificabile dalla lettera S contenuta in un piccolo quadrato, stampigliato sulla targa. Saluti. O_/
Avatar utente
Foto UtenteMAX56
10 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 15 mag 2012, 15:37

3
voti

[20] Re: prova elettrica

Messaggioda Foto Utenteattilio » 15 mag 2012, 19:49

ne consegue che sia possibile recuperare il salvavita attualmente montato come generale di casa e installarlo come generale di banco, installando al posto rimasto vuoto un interruttore con relè selettivo

Ma stai scherzando?
Non abbiamo la minima idea di come sia realizzato l' impianto in questione, se il differenziale è unico per tutto, ci troveremmo un selettivo a protezione dei circuiti elettrici nei bagni e anche su tutte le prese, semplicemente assurdo!
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
61,1k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 9101
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 111 ospiti