Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Condensatori di fine linea

Impiantistica dedicata alla sicurezza antincendio, iter procedurali e sicurezza nel luogo di lavoro

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utenteiosolo35

0
voti

[11] Re: Condensatori di fine linea

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 28 feb 2021, 10:42

Ho letto le istruzini del post 9.
Sono solo moderatamente incuriosito dalla necessità di inserire i condensatoriv da 47 uF come dispositivo fine linea.
A cosa servono ?

Si direbbe che si voglia evitare brusche variazioni della tensione ai morsetti, forse evitare
l'effetto dei rimbalzi alla chiusra/apertura dei contatti.

Potrei malignamente insinuare che avrebbero potuto inserire i condensatori già sul circuito stampato e che l'inserimento esterno dei condensatori è una toppa a un errore/dimenticanza del progetto.

Inoltre avrebbero potuto con un algoritmo software di lettura dei copntatti rendere il programma insensibile ai rimbalzi del segnale.

Riguardo al condensatore 47 uF, la tensione applicata non si inverte di segno durante il funzionamento, quindi potrebbero venire utilizzati anche condensatori elettrolitici (normali) ossia polarizzati, basta verificare con un voltmetro la polarità della tensione ai fili prima di collegarli.
Certo che con un condensatore non polarizzato non è necessario preoccuparsi della polarità di montaggio.
O_/

Non avevol letto il post di banjoman che mi ha appena preceduto.
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
8.844 4 9 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 4119
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[12] Re: Condensatori di fine linea

Messaggioda Foto UtenteGiuliano58 » 28 feb 2021, 11:01

banjoman ha scritto:Saro' banale, ma vedo che ogni coppia di morsetti e' identificata con un segno - e +.
Quindi a me sembra che normali condensatori da 47 uF hanno senso..
Se poi uno vuole togliersi la curiosita', basta misurare con un multimetro se effettivamente c'e' tensione ai capi delle coppie di morsetti, e verificarne la polarita'.

Max


Concordo, infatti solo le uscite per le sirene invertono la polarità, per farle suonare.
In questo caso il "fine linea" è un diodo.
Mi domando però, quando la centrale inverte la polarità, il diodo provoca un cortocircuito. Bho!!!
Sicuramente c'è tensione ai capi dei morsetti, serve per alimentare i rilevatori di fumo
Avatar utente
Foto UtenteGiuliano58
394 1 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 618
Iscritto il: 14 ott 2009, 10:06

0
voti

[13] Re: Condensatori di fine linea

Messaggioda Foto UtenteAZZZ » 28 feb 2021, 20:51

vedo che ogni coppia di morsetti e' identificata con un segno - e +.
Quindi a me sembra che normali condensatori da 47 uF hanno senso..

Secondo me invece ha enormemente più senso indicare dei condensatori non polarizzati, perché così consigliando l'installazione è a prova di errore e sicura: metti caso che un novello sbagli a collegare le polarità del "normale condensatore" come dite voi, e dopo qualche giorno/settimana/mese scatti l'allarme che in realtà non c'è, va a trovare la causa. E soprattutto vallo a spiegare al committente che potrebbe fare causa alla vostra ditta che ha fatto male l'impianto, dopo che magari ha dovuto sostenere le spese per pompieri usciti per falso allarme.
Se hanno pensato a dei condensatori siffatti, un motivo deve pur esserci no? :roll:
Avatar utente
Foto UtenteAZZZ
221 4 5
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 560
Iscritto il: 4 mag 2018, 21:47

0
voti

[14] Re: Condensatori di fine linea

Messaggioda Foto UtenteGiuliano58 » 1 mar 2021, 8:56

AZZZ ha scritto:
vedo che ogni coppia di morsetti e' identificata con un segno - e +.
Quindi a me sembra che normali condensatori da 47 uF hanno senso..

Secondo me invece ha enormemente più senso indicare dei condensatori non polarizzati, perché così consigliando l'installazione è a prova di errore e sicura: metti caso che un novello sbagli a collegare le polarità del "normale condensatore" come dite voi, e dopo qualche giorno/settimana/mese scatti l'allarme che in realtà non c'è, va a trovare la causa. E soprattutto vallo a spiegare al committente che potrebbe fare causa alla vostra ditta che ha fatto male l'impianto, dopo che magari ha dovuto sostenere le spese per pompieri usciti per falso allarme.
Se hanno pensato a dei condensatori siffatti, un motivo deve pur esserci no? :roll:



Giusto ragionamento, ma rimane la domanda: DEVO per forza in questo caso utilizzare condensatori non polarizzati.
Ovviamente sono in grado di collegare nel modo giusto i condensatori elettrolitici

Grazie per la risposta
Avatar utente
Foto UtenteGiuliano58
394 1 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 618
Iscritto il: 14 ott 2009, 10:06

0
voti

[15] Re: Condensatori di fine linea

Messaggioda Foto UtenteGiuliano58 » 1 mar 2021, 20:09

Ciao Foto UtenteGiuliano58, ho letto e riletto il manuale, e anche per i sensori indicano lo stesso sistema cioè condensatore o resistenza di quei famosi valori per terminare la linea. Quindi non mi resta che attendere tue notizie a riguardo




Ho sentito l'assistenza tecnica, servono proprio condensatori non polarizzati. In alternativa cambiare la programmazione della centrale e utilizzare le resistenze.

Grazie e tutti per l'aiuto
Avatar utente
Foto UtenteGiuliano58
394 1 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 618
Iscritto il: 14 ott 2009, 10:06

Precedente

Torna a Sistemi di sicurezza ed antincendio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite