Pagina 1 di 2

Variazione delle condizioni di posa lungo il percorso

MessaggioInviato: 9 mar 2022, 13:22
da Franco140751
Nell'adeguamento di un impianto esistente (sistema TN) trovo la seguente situazione.
I cavi in uscita dal quadro generale di Bassa tensione di cabina sono posati per un tratto di circa 2 m all'interno di tubazioni incassate nella muratura.
Tutto il resto del percorso si sviluppa all'interno di canalizzazioni metalliche IP4X posate a parete in un cunicolo ispezionabile e ventilato.
Secondo la CEI 64-8 art. 523.7 debbo calcolare la portata delle conduttura facendo riferimento al tratto con le condizioni di posa peggiorative dal punto di vista termico, senza sconti perché le tubazioni sono incassate.
Così facendo per parecchie condutture non è verificata la protezione da sovraccarico e dovrei sostituire in alcuni casi le protezioni, in altri i cavi.
Ma i valori di portata indicati nella tabella CEI UNEL 35024/1 sono estremamente cautelativi, calcolati nell'ipotesi che tutti i circuiti siano percorsi contemporaneamente da una corrente pari alla loro portata Iz e che questa sia presente 365 giorni all'anno, cosa che ovviamente non è. Anzi nel mio caso l'impianto è fermo per almeno 8 mesi all'anno.
In considerazione di questo io ritengo più realistico effettuare il calcolo in base alla condizione di posa prevalente (posa in canale). La norma non lo consente, ma il rispetto rigoroso della norma mi sembra veramente troppo punitivo e difficilmente proponibile al cliente.
In fondo anche i software di calcolo consentono di adottare un coefficiente correttivo della portata
>1 a discrezione del progettista.
Che ne pensate?
Qualcuno si è già trovato in una situazione del genere?

Re: Variazione delle condizioni di posa lungo il percorso

MessaggioInviato: 13 mar 2022, 4:36
da arabino1983
Beh sì trovano sempre queste situazioni e concordo con te.

Re: Variazione delle condizioni di posa lungo il percorso

MessaggioInviato: 13 mar 2022, 4:38
da arabino1983
comunque ci sono dei software che permettono di fare un calcolo diversificato per ogni tipo di posa. Vedi Sinergy, o ElecCalc.

Re: Variazione delle condizioni di posa lungo il percorso

MessaggioInviato: 13 mar 2022, 23:14
da Franco140751
@arabino1983
Però la CEI 64-8 è esplicita: la portata delle conduttura deve essere calcolata facendo riferimento al tratto con le condizioni di posa peggiorative dal punto di vista termico.

Re: Variazione delle condizioni di posa lungo il percorso

MessaggioInviato: 23 mar 2022, 0:12
da arabino1983
Franco140751 ha scritto:@arabino1983
Però la CEI 64-8 è esplicita: la portata delle conduttura deve essere calcolata facendo riferimento al tratto con le condizioni di posa peggiorative dal punto di vista termico.

Potresti riportare il punto della norma? che così la riguardo. grazie

Re: Variazione delle condizioni di posa lungo il percorso

MessaggioInviato: 23 mar 2022, 18:36
da Franco140751
CEI 64-8/5 art. 523.7

Re: Variazione delle condizioni di posa lungo il percorso

MessaggioInviato: 24 mar 2022, 9:57
da Goofy
Giusto, Franco140751, e non dovrebbe neppure servire una norma che dice che il dimensionamento di qualsiasi cosa si fa nelle condizioni di impiego più severe.
Vero anche il tuo discorso iniziale sul carico non continuo.

Re: Variazione delle condizioni di posa lungo il percorso

MessaggioInviato: 30 apr 2022, 20:16
da magnigf
il dimensionamento si fa nelle condizioni di impiego più severe, un ingegnere ANAS e una della Provincia di Lecco sono stati condannati per il crollo di un ponte su cui passava un camion

Re: Variazione delle condizioni di posa lungo il percorso

MessaggioInviato: 1 mag 2022, 11:21
da GioArca67
Se sono solo 2m incassati non riesci a "scassarli"?

Re: Variazione delle condizioni di posa lungo il percorso

MessaggioInviato: 2 mag 2022, 15:36
da Franco140751
@GioArca67
Si tratta di un edificio dell'800 e per "scassarli" dovrei intervenire in maniera invasiva su una muratura portante, meglio di no.