Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo, Foto Utentesebago

0
voti

[21] Re: Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Messaggioda Foto UtenteDirtyDeeds » 27 feb 2013, 19:26

svato197979 ha scritto:nel tuo stiamo a 2 x 10 alla meno 3
nel mio a 5 x 10 alla meno 2
Ma non siamo qua per fare una gara sicuramente.

ma ancora meglio, il magnetotermico non arriva affatto a 200A ma interviene prima: (sempre se riesco a capire sto grafico, inviatoti prima)..


No, non hai capito: quello che ti ho consigliato io interviene in 2 ms, il tuo in 50 ms; il tuo è moooolto più lento e, in caso di cortocircuito con resistenza bassa, dopo 50 ms i condensatori si sono già scaricati: un fusibile così, non serve veramente a nulla. Io sono dell'idea che non serva comunque praticamente a nulla mettere un fusibile, ma se proprio lo vuoi mettere, mettilo che abbia qualche probabilità di servire a qualcosa.

Un magnetotermico, poi, sarebbe ancora più inutile.
It's a sin to write sin instead of \sin (Anonimo).
...'cos you know that cos ain't \cos, right?
You won't get a sexy tan if you write tan in lieu of \tan.
Take a log for a fireplace, but don't take log for \logarithm.
Avatar utente
Foto UtenteDirtyDeeds
55,9k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7013
Iscritto il: 13 apr 2010, 16:13
Località: Somewhere in nowhere

0
voti

[22] Re: Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Messaggioda Foto Utentesvato197979 » 27 feb 2013, 19:42

E se per caso accidentalmente qualcuno tocca qualcosa la sopra quei condensatori, come si previene il rischio di folgorazione con 2000A nell' arco di pochi millisecondi? conosci una eventuale soluzione, oltre al fusibile?
Da dove si deduce che un magnetotermico è piìu lento del fusibile ultraveloce? hai qualche dato alla mano con relativo datasheet comprensibile, per caso? Dovrei presentarlo al mio capo che di elettrotecnica mi pare non ne capisca granchè (...sta peggio di me..) visto che testè oggi mi ha accennato che ha montato i magnetotermici per la sua nuova macchina elettrica, a batterie: avrei voluto accennargli che la portata di corrente massima di una batteria è diverse volte diversa da quella che può erogare un oggetto quale un ultracap!!!

Ma son d' accordo con te: 5 ms (il tuo) è minore dei 50 ms (i miei): meglio sempre approfondire, per capire le cose.. se non si sbaglia, non si impara. E sono contento di far parte di questo forum, con gente competente come te (scusa il mio errore) :cool:

Per ciò che concerne la parte circuitale da me postata in precedenza, e relativi relais, saresti d' accordo, o c''e qualche altra soluzione che mi sfugge?

Grazie in anticipo per la risposta.
Avatar utente
Foto Utentesvato197979
13 1 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 85
Iscritto il: 22 feb 2013, 12:45

0
voti

[23] Re: Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 27 feb 2013, 21:50

svato197979 ha scritto:Per ciò che concerne la parte circuitale da me postata in precedenza, e relativi relais, saresti d' accordo.....

Mi spieghi come, secondo te, dovrebbe funzionare?
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
56,5k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16730
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[24] Re: Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Messaggioda Foto Utentesvato197979 » 27 feb 2013, 22:08

g.schgor ha scritto:
svato197979 ha scritto:Per ciò che concerne la parte circuitale da me postata in precedenza, e relativi relais, saresti d' accordo.....

Mi spieghi come, secondo te, dovrebbe funzionare?


Ci provo: Il generatore di corrente, nella fase di carica, va a caricare tramite il relais T2 la batteria di condensatori (scusa il gioco di parole, lo so che un condensatore non è una batteria :ok: ).
Intanto il relais T1 monitorizza costantemente la tensione ad i capi dei condensatori, finquandochè, al raggiungimento della soglia dei +60VDC (impostata da me sul display del relay) la bobina di T1 in stato NA commuta il suo stato in "chiuso", ed alimenta a +12VDC T2, il quale a sua volta, eccitato, attira a sè l'interruttore, switchando la batteria di condensatori sulla "scarica", attraverso R3.. ciò finché la tensione ad i capi dei condensatori, non raggiunge +48VDC (sempre preimpostata da me), allorchè T1 stacca nuovamente i +12VDC da T2, aprendolo e commutandolo nuovamente sul contatto a sinistra, ovvero permettendo la ricarica dei condensatori.. e così via all'infinito...

A me servirebbe un consiglio: vanno bene i componenti scelti nella logica presentata, o devo ricorrere a qualche soluzione elettronica con tanto di comparatori e quant' altro? purtroppo non ho l'esperienza per mettermi a montare su schede da laboratorio e fare esperimenti, ma devo bensì ordinare i pezzi, e farli montare dai tecnici che ci smanetteranno su.
Vorrei però che lavorassero in sicurezza, con sicurezze varie ecc.

Sapreste aiutarmi?

Grazie ancora
Avatar utente
Foto Utentesvato197979
13 1 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 85
Iscritto il: 22 feb 2013, 12:45

0
voti

[25] Re: Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 27 feb 2013, 22:24

Ma scusa, il ciclo non doveva essere tra un massimo
(impostabile tra 48V e 60V) ed un minimo (0V)?
E quale delle possibili configurazioni del relè di tensione
intendi utilizzare? (a me sembra che il latching per
entrambe le fasi del ciclo debba essere fatto esternamente)
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
56,5k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16730
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[26] Re: Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Messaggioda Foto Utentesvato197979 » 27 feb 2013, 22:33

No, il massimo è +60VDC ed il minimo vorrei +48VDC.
Che significa il latching fatto esternamente? esternamente a cosa?
Avatar utente
Foto Utentesvato197979
13 1 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 85
Iscritto il: 22 feb 2013, 12:45

0
voti

[27] Re: Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Messaggioda Foto Utentesvato197979 » 28 feb 2013, 10:30

Ripartiamo da zero :D .. la cosa é fattibile o no? avete capito cosa dovrebbe fare il circuito?
caricare - scaricare, e vorrei monitorare andamento tensione/corrente e verificare se, in base ai calcoli, i tempi di carica/scarica corrispondono (magari con un cronometro).
Mi dovreste soltanto dire se:
- S1 @ 20A é idoneo (Modello SITOR, ultraveloce a 5ms)
- T1 é quello adatto
(* http://www05.abb.com/global/scot/scot20 ... 4D0202.pdf) => modello
- T2 é quello adatto e come pilotarlo a questo punto: se fare un partitore di tensione o cosa per ottenere i +12VDC
- infine se T1 e T2 messi cosí lavorano correttamente o c´é qualche problema tra le impedenze e tempi di intervento.
Avatar utente
Foto Utentesvato197979
13 1 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 85
Iscritto il: 22 feb 2013, 12:45

1
voti

[28] Re: Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 28 feb 2013, 10:35

svato197979 ha scritto: il massimo è +60VDC ed il minimo vorrei +48VDC.

Questo l'avevi scritto tu
svato197979 ha scritto:1) carica @ 18A: T1 chiuso - T2 aperto
raggiungimento della tensione di +60VDC
2) scarica @ 18A: T1 si apre - T2 si chiude
raggiungimento della tensione di 0VDC
ritorno fase 1)


Comunque non basta scegliere un prodotto e "immaginare"
che faccia esattamente quello che vogliamo (cosa che
si ripete spesso in questo Forum...)
Bisogna avere la pazienza di studiarne il funzionamento.
Le principali osservazioni:
- Il relè va alimentato (morsetti A1-A2), mentre
la tensione di misura è applicata a B_C
- va programmato (cioè deve essere scelto uno
dei possibili funzionamenti).
- in base ai diagrammi di funzionamento va stabilito
che contatti usare.

Poiché tu richiedi un ciclo che si deve ripetere (carica-scarica)
occorre realizzare un circuito che piloti il relè che commuta i 18A.
Per questo ti avevo proposto una soluzione (post[13]) con l'indicazione
dei contatti nell'ipotesi di 2x1 c/o contact i OFF-delayed without latching
Forse si può fare anche senza il relè ausiliario (RA), ma andrebbero
analizzate meglio tutte le possibilità di questo prodotto.

PS.Ho visto il tuo ultimo post: ma come, ora ritorni al T1 e T2?
mi sembra tu stia facendo una bella confusione...
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
56,5k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16730
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[29] Re: Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Messaggioda Foto Utentesvato197979 » 28 feb 2013, 11:20

PS.Ho visto il tuo ultimo post: ma come, ora ritorni al T1 e T2?
mi sembra tu stia facendo una bella confusione...


6 tu l´esperto, io mi limito a chiedere se la cosa possa funzionare o meno. T1 e T2 ci sono sempre stsati. Quello degli 0(V) é stata una svista, ma effettivamente ´un problema relativo, e preimpostabile con un relé "controllore di tensione". Puó anche starci 0(V): ai fini della scelta componenti, non cambia molto. Ma comunque, mi sembra di aver raccolto abbastanza buone informazioni per poter provare a far funzionare i condensatori, e ti ringrazio per la collaborazione.
Magari posso provare a chiedere a qualcun altro come la pensa, ed eventualmente a riportare il know-how acquisito anche all´interno del mio posto cosí da poter divulgare le mie ricerche anche a chi non é molto esperto in materia di supercondensatori.

Buona giornata.

O_/
Avatar utente
Foto Utentesvato197979
13 1 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 85
Iscritto il: 22 feb 2013, 12:45

0
voti

[30] Re: Circuito di Carica/Scarica Supercondensatori

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 28 feb 2013, 12:53

svato197979 ha scritto:T1 e T2 ci sono sempre stsati.

Ma è cambiato il funzionamento : T1 è un relè di tensione e T2
un relè che commuta la corrente fra carica e scarica.
Ad ogni modo se il tuo schema è quello del post[16], è troppo
generico e non svolge il ciclo di carica e scarica previsto.
Poi fai come vuoi.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
56,5k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16730
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 54 ospiti