Pagina 1 di 1

Carico trifase equilibrato e neutro

MessaggioInviato: 4 ago 2022, 21:12
da Utente01
Salve amici ho una domanda, si sa che se ho un carico equilibrato trifase la corrente che circolerà sul neutro sarà la somma vettoriale delle tre correnti di fase quindi in questo caso zero, ma come mai il differenziale non interviene visto che sta passando corrente nelle 3 fasi mentre invece passa zero sul neutro? E se volessi cercare una dispersione con pinza amperometrica abbracciando le 3 fasi e il neutro avrò un misura falsa? Grazie

Re: Carico trifase equilibrato e neutro

MessaggioInviato: 5 ago 2022, 9:05
da esisnc
perché nel toro del differenziale passano i conduttori delle 3 fasi più il neutro. Il circuito magnetico toroidale del differenziale in pratica fa la somma vettoriale delle correnti I1+I2+I3+In e quindi viene eccitato solo se tale somma è in modulo diversa da zero, cioè c'è una corrente di dispersione che attraversa il PE e quindi interviene il differenziale. In un circuito a 4 fili non importa se il carico è equilibrato oppure no.

Re: Carico trifase equilibrato e neutro

MessaggioInviato: 5 ago 2022, 11:04
da jaelec
Per quel che ne so, mi ritrovo con la risposta di esinc.

Fra l'altro, per quel che posso immaginare, anche il differenziale trifase senza neutro posto a monte di un carico trifase senza neutro funziona anche se il carico è squilibrato perché comunque la somma delle correnti, senza dispersione verso terra, non può che essere zero. E quindi il differenziale è indifferente a un eventuale squilibrio e interviene solo in caso di dispersione (maggiore di un tot).

Sempre in maniera teorica, perché in pratica certe cose possono essere ovvie, ma volevo dire che col neutro il differenziale trifase funziona solo se uno, nel caso di sistema TN, attacca il PE al neutro dopo che il neutro è passato nel differenziale.

Quest'ultima cosa anche per dire su dove eventualmente usare la pinza amperometrica. Ma non ho esperienza pratica in materia e non so se con l'uso della pinza si riesce veramente a misurare qualcosa di rilevante per l'uso che ne vuoi fare.

Re: Carico trifase equilibrato e neutro

MessaggioInviato: 5 ago 2022, 11:22
da gabrisav
Utente01 ha scritto: E se volessi cercare una dispersione con pinza amperometrica abbracciando le 3 fasi e il neutro avrò un misura falsa? Grazie


La misura falsata ce l'avrai se non abbracci anche il neutro perché solo in forma teorica avrai dei carichi completamente equilibrati

Re: Carico trifase equilibrato e neutro

MessaggioInviato: 5 ago 2022, 16:33
da Utente01
Ma quindi se ho un carico trifase perfettamente equilibrato la corrente che passerà sul neutro sarà prossima allo zero?

Re: Carico trifase equilibrato e neutro

MessaggioInviato: 5 ago 2022, 18:06
da Arcade
Se hai un carico perfettamente bilanciato sulle tre fasi, stai utilizzando solo quelle tre fasi e il neutro non porta niente, quindi il differenziale non interviene perché non c'è una corrente di ritorno nel neutro. La corrente di ritorno nel neutro ci sarà nel momento in cui utilizzerai una sola fase con il neutro per fare la 220. Anche in quel caso, se non ci sono dispersioni verso terra il differenziale non interverrà in quanto le correnti saranno comunque tutte bilanciate, tre fasi in somma vettoriale a zero per i carichi trifase e una fase + neutro in somma vettoriale a zero per il carico monofase.
Per trovare una dispersione verso terra agilmente, dovresti prenderti un tester che fa questo tipo di analisi altrimenti diventi pazzo, perché dovresti sostituire il carico trifase con un carico resistivo perfettamente bilanciato per verificare quale delle tre fasi scarica verso terra.

Re: Carico trifase equilibrato e neutro

MessaggioInviato: 5 ago 2022, 19:53
da jaelec
Arcade ha scritto:Se hai un carico perfettamente bilanciato sulle tre fasi, stai utilizzando solo quelle tre fasi e il neutro non porta niente, quindi il differenziale non interviene perché non c'è una corrente di ritorno nel neutro.


Come già si diceva non è esattamente così. Il differenziale non lo metti per farlo scattare quando il carico è squilibrato ma lo metti perché deve scattare quando c'è una dispersione. Ora se al carico è collegato anche il neutro allora ti serve un differenziale con 4 "fili", 3 fasi+neutro, e il differenziale deve controllare che la somma di queste 4 correnti sia zero (in realtà minore di una certa soglia). Quindi se questa somma è zero, anche con corrente di neutro diversa da zero, anche con carico squilibrato, il differenziale non interviene. Interviene invece quando c'è un guasto a terra, quando cioè una parte della corrente "torna" al generatore bypassando il differenziale stesso, e cioè o tramite un PE (che eventualmente si collega al neutro dopo il differenziale) o attraverso terra.