Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Regolatore velocità ventola termostatizzato

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor

0
voti

[11] Re: Regolatore velocità ventola termostatizzato

Messaggioda Foto UtenteGiVi » 19 ott 2023, 12:21

@ stefanopc:
grazie per la dritta, approfondirò.
Purtroppo non è possibile modificare la canna fumaria.

@ sonusfaber:
ho letto velocemente il primo post, quindi ho male interpretato .
Per quanto riguarda l'estrazione di calore quattro anni fa ho implementato la seguente soluzione,
(posterò la foto per il prossimo week end)


La ventola a torre è fissata a mò di pipistrello sottosopra con una staffa alla parete.
E' oscillante a velocità minima.
L'attivazione è ottenuta con una sonda con regolatore prelevata da un vecchio forno rottamato.
Ha il vantaggio di poter regolare efficacemente la temperatura di intervento ed è fissata con fascetta di metallo ad uno dei tubi del radiatore.

L'aumento di temperatura nella stanza è notevole, consiglio vivamente a chi tiene una stufa a legna di adottare un sistema di recupero calore, altrimenti disperso.
(stavo valutando un sistema simile anche per la stufa a pellet, ma mi trattiene il timore di fughe di fumi, essendo la tubazione di scarico in pressione anzichè in aspirazione).
Se qualcuno ha la soluzione...

esempio di termostato e radiatori
Allegati
radiatore.png
termostato.png
Avatar utente
Foto UtenteGiVi
255 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 142
Iscritto il: 20 mar 2020, 21:27

0
voti

[12] Re: Regolatore velocità ventola termostatizzato

Messaggioda Foto Utentesonusfaber » 6 dic 2023, 1:08

adert ha scritto:I condensatori in serie al motore creano una caduta di tensione facendo arrivare al motore una tensione ridotta, siccome la coppia motrice del motore è funzione del quadrato della tensione, questa si riduce.
Riducendosi la coppia motrice che va sempre in equilibrio con quella resistente funzione dei giri della pala, i giri del motore si riducono.


Allora... ho montato il tutto, ovvero un termostato per contatto da 250V \ 5A (su Amazon 10 pezzi per 5€) e questo è buono. Ho preso un modello da 50 gradi che di fatto per via dell'isteresi bella pesante chiude a 53 gradi (misurati) e riapre a 45 circa. comunque per me va bene.

Poi ho tolto il dimmer di una vecchia lampada da tavolo e l'ho messo sulla ventola.
Se è tenuto a tensione molto bassa, il motore ronza e non parte, ma se gli dai un po' il giro a mano va (per dire, non che vada bene) comunque riesco a regolare molto bene la velocità... fin troppo, ma... se tocco il pacco di lamierini del motore... questi scottano di brutto mentre alla max velocità ovvero senza dimmer no.
è normale?

Altra domanda: perché le ventole tangenziali DC 12 volt o 24 volt a pari taglia\portata di quelle AC 230V consumano molto di meno?

Grazie del supporto
Avatar utente
Foto Utentesonusfaber
75 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 116
Iscritto il: 8 gen 2015, 1:49

0
voti

[13] Re: Regolatore velocità ventola termostatizzato

Messaggioda Foto UtenteKagliostro » 6 dic 2023, 10:07

Mi pare che tu sia già sulla buona strada con la tua realizzazione, volevo solo segnalarti, se ti fosse sfuggito, che esistono delle ventole (singole o multiple, basta cercare in rete Ventola con cella peltier per stufa a legna) che sfruttano una cella peltier per l' alimentazione e di conseguenza si accendono e spengono da sole in funzione della temperatura della stufa (credo che come velocità siano anche un po' modulanti ma non so se lo siano in modo effettivamente rilevabile)

https://youtu.be/mWhgY88ktdw?feature=shared

Per il discorso stufa a pellet, le tubazioni fumi delle stesse sono sì sotto pressione ma sono dotate di guarnizioni di tenuta, quindi i problemi di perdite sono esclusi

---

Ah, stavo dimenticando, per ovviare al problema dato dal dimmer, onde evitare di vedere il motore star fermo e vibrare, ti basta aggiungere un resistore di valore adatto in serie al potenziometro (uno dei due lati di connessione, non sul cursore) ed in questo modo limitare l'escursione verso il basso della velocità (su quale lato del potenziometro devi collegare il resistore lo determini sperimentalmente, è il sistema più facile)

Se ne hai sottomano e vuoi fare una regolazione di fino, invece di aggiungere un resistore aggiungi un trimmer collegato a reostato

K
Avatar utente
Foto UtenteKagliostro
5.125 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3690
Iscritto il: 19 set 2012, 11:32

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 48 ospiti