Pagina 39 di 101

Re: COMMUTAZIONE AUTOMATICA DI TENSIONE

MessaggioInviato: 20 dic 2021, 21:40
da gianniniivo
Ciao Bruno, scusa se rispondo in ritardo ma stavo cenando.

Forse non sono in grado di fare una valutazione complessiva ma chiedo: il circuito regolatore di corrente non dovrebbe tener conto dell'isteresi per la regolazione della tensione?

Re: COMMUTAZIONE AUTOMATICA DI TENSIONE

MessaggioInviato: 20 dic 2021, 22:59
da BrunoValente
Ciao Ivo, ti chiedo scusa ma la tua osservazione non mi è chiara, potresti spiegarti meglio? A tale scopo potresti descrivere il modo in cui secondo te il circuito si dovrebbe comportare nelle stesse condizioni del mio esempio.

Re: COMMUTAZIONE AUTOMATICA DI TENSIONE

MessaggioInviato: 20 dic 2021, 23:36
da IsidoroKZ
Foto UtenteBrunoValente: hai ragione, adesso trova anche la soluzione :D :D

Per il momento mi limito a mettere il circuito con le modifiche indicate in viola: servono ben 4 resistenze al posto di 3, e il valore di una deve essere modificata, ma si risparmia un diodo!



Ho corretto un Pf che faceva venire la pelle d'oca (pF) e il simbolo del potenziometro ha la freccia, mentre il trimmer ha il pattino.

Re: COMMUTAZIONE AUTOMATICA DI TENSIONE

MessaggioInviato: 21 dic 2021, 1:02
da gianniniivo
@EcoTan:
ma no, era una battuta, non sapevo ancora, in concreto, quale metodo poteva aver pensato di utilizzare Isidoro. Quella che battuta non era, riguardava la disponibilità generica di acquistare tutta la componentistica occorrente…

@BrunoValente, la mia era soltanto poco più di una domanda, non aveva la pretesa di confutare il tuo esempio. In sostanza ho semplificato il comportamento delle due funzioni; se l’isteresi vale per la tensione, ho “dedotto”, varrà anche per la corrente ma ho anche premesso di non essere in grado di fare una valutazione complessiva. Ho pensato che ci fosse un possibile parallelismo funzionale ed implicito tra la regolazione automatica della tensione e la regolazione automatica della corrente grazie all'isteresi. Ovviamente, su come sincronizzare poi il parallelismo non volevo certo candidarmi come soggetto risolutore del problema.

@IsidoroKZ, mi scuso per aver sbagliato i (Pf), forse sono i simboli dei potenziometri, ma noi utilizziamo lo stesso NAS per salvare FidoCad e a volte per comodità recuperiamo i componenti da uno schema già esistente e facciamo qualche semplificazione per non cercare sempre i componenti dalle librerie.

Vedo che le aggiunte sono tutte residenti sulla scheda (main). Ma allora va riprogettata la PCB? Perché quel materiale, aggiuntivo, dubito che sarebbe possibile integrarlo sulla scheda attuale. Forse in modo volante ma è tutto da verificare...

Re: COMMUTAZIONE AUTOMATICA DI TENSIONE

MessaggioInviato: 21 dic 2021, 1:10
da claudiocedrone
Temo che anche solo per utilizzare lo opamp ora inutilizzato e "neutralizzato" occorra rifare il PCB.

Re: COMMUTAZIONE AUTOMATICA DI TENSIONE

MessaggioInviato: 21 dic 2021, 1:20
da gianniniivo
Ma la scheda di duplicazione non è stata ancora realizzata concretamente, ha dello spazio ancora disponibile, anche se non è molto.

Re: COMMUTAZIONE AUTOMATICA DI TENSIONE

MessaggioInviato: 21 dic 2021, 1:36
da setteali
Il circuito che ha proposto @Isidoro è semplicissimo e non ha molti componenti, forse permetterebbe di essere realizzato sulla PCB del duplicatore ed andare con dei fili nei punti interessati, visto che non prevede nessuna interruzione circuitale. E' una soluzione che sembra non troppo elegante, ma in pratica è identica alla soluzione del duplicatore, credo che una volta provato il circuito, si possa sviluppare assieme ala PCB del duplicatore.

Senz'altro sviluppare tutto il circuito su di una sola PCB sarebbe più elegante e forse si potrebbe rimanere nei 10x10cm, ma con questo non voglio cercare di convincere Ivo a rifare tutto di sana pianta, anche perché io non sono in grado di dargli una mano ad usare Eagle e riprogettarlo non è proprio semplice.
Ma sentiamo Ivo.

Re: COMMUTAZIONE AUTOMATICA DI TENSIONE

MessaggioInviato: 21 dic 2021, 2:15
da gianniniivo
Bisognerebbe prima capire se la modifica è definitiva oppure è solo un primo step da completare.
Quanto alle modalità di realizzazione sarei propenso ad insistere con l’ipotesi di tenere separate le due schede. L’idea di riprogettare tutto su una sola scheda mi provoca la pecola. Integrare tutto su una sola scheda è sicuramente più elegante ma oltre alla difficoltà c’è anche un aumento fisso dell’ingombro, non ci stiamo nei 100x100mm. Hai tenuto conto del relè?

Sicuramente con due schede ci sarebbero parecchi fili colorati da aggiungere e anche volendo aggiungere un eventuale bus (per tenere separate le due modalità, con duplicatore o senza) bisognerebbe comunque riprogettare la PCB main. Inoltre anche il bus introdurrebbe dei vincoli posizionali che potrebbero essere controproducenti. Forse si potrebbe prendere in considerazione l'utilizzo di un connettore flat cable, tipo quelli dei PC (io ne ho ancora qualcuno da qualche parte ma temo che siano tutti maschi). Mah, vediamo se arriva a dare una mano anche qualche esperto in realizzazioni di PCB via eCad… ?%

Re: COMMUTAZIONE AUTOMATICA DI TENSIONE

MessaggioInviato: 21 dic 2021, 3:49
da gianniniivo
Salvo errori ed omissioni potrebbe andare anche così? Manca la numerazione dei componenti ma adesso vado a nanna...

Re: COMMUTAZIONE AUTOMATICA DI TENSIONE

MessaggioInviato: 21 dic 2021, 4:12
da IsidoroKZ
Probabilmente puo` andare. Il solo punto critico e` il collegamento che va all'ingresso invertente di IC3B: se raccatta rumore potrebbe fare casino.

La resistenza R14 deve essere piu` grande di quella originale, nello schema avevo messo 47kΩ, ma puo` bastare anche solo 33kΩ. Metti il simbolo corretto per P1 e P2!

Mi sembra che con i valori di T2 R15 e P2 la corrente massima possa essere regolata ben oltre 10A, che mi pareva fosse il limite massimo della corrente. Mi ricordi com'erano le specifiche di corrente?

Aspettiamo che Foto UtenteBrunoValente tiri fuori dal cilindro una soluzione per evitare le oscillazioni da ciclo limite.